23 Ago 2023

Napoli Pedala verso il cambiamento per una città sostenibile

Napoli Pedala è un'associazione culturale, ricreativa e senza scopo di lucro che dal 2012 si occupa di promuovere la ciclabilità urbana e turistico sportiva e di sensibilizzare sull'importanza di una mobilità sostenibile. Ogni anno organizza il Napoli Bike Festival, un'occasione di aggregazione per gli amanti della bicicletta e allo stesso tempo di dibattito sul tema della sostenibilità in tutte le sue sfaccettature.

Salva nei preferiti

Campania - Napoli è una città a misura di bicicletta? Con i suoi vicoli stretti e trafficati, tra ciottoli e strade spesso dissestate e prive di manutenzione, sembrerebbe di no. Ma a questa risposta negativa non si è mai rassegnata l’associazione Napoli Pedala, che da più di dieci anni si batte per portare anche a Napoli la cultura di una mobilità più sostenibile.

NapoliPedala1
NAPOLI PEDALA E IL NAPOLI BIKE FESTIVAL

Napoli Pedala è un’associazione senza scopo di lucro che si occupa di promuovere la ciclabilità urbana e turistico-sportiva. Nasce nel 2012, quando organizza la prima edizione del Napoli Bike Festival, un evento volto a incoraggiare la cultura della bicicletta in tutte le sue forme e che allo stesso tempo offre la possibilità di far conoscere le meraviglie della città di Napoli, propone un turismo sostenibile, una mobilità non inquinante e apre il dibattito su possibilità di cambiamento.

Nel 2023 il Napoli Bike Festival è arrivato alla sua dodicesima edizione. Il tema scelto è stato “Fatti leggero”, un omaggio a Massimo Troisi che, nel film “Ricomincio da tre”, propone al suo amico Lello di accompagnarlo in bicicletta a condizione, appunto, che “si faccia leggero”. Infatti, usare la bicicletta come mezzo di trasporto significa alleggerire la città dal traffico, dall’inquinamento e dai rumori di motori e di clacson; significa far bene al nostro corpo, alla nostra città e al nostro pianeta.

NAPOLI PEDALA PER LA SICUREZZA STRADALE

Già lo scorso maggio, in occasione del Giro d’Italia a Napoli, l’associazione Napoli Pedala aveva colto l’occasione per porre l’attenzione sugli ostacoli che quotidianamente incontra chi decide di utilizzare la bicicletta come mezzo di trasporto a Napoli: gli scarsi controlli e il conseguente ancora più scarso rispetto del codice stradale, l’assenza di nuove infrastrutture ciclabili e la cancellazione di molte ZTL impediscono l’uso della bici e, chi sceglie di servirsene ugualmente, lo fa correndo molti rischi.

NapoliPedala2
NAPOLI PEDALA SOSTIENE CITTÀ 30

Il tema della sicurezza stradale è stato esposto anche in quest’ultima edizione del Napoli Bike Festival, tenutasi a Palazzo Fuga (ex Reale albergo dei Poveri). Infatti, è stata illustrata e discussa la proposta di legge, presentata poche settimane fa alla Camera, “Norme per lo sviluppo delle Città 30 e l’aumento della sicurezza stradale nei centri abitati”.

L’obiettivo della legge, fortemente sostenuta da Napoli Pedala, è quello di promuovere la creazione di regole di circolazione omogenee a livello nazionale e sensibilizzare sul tema della sicurezza stradale, per fare in modo che tutta Italia possa andare in bici – o anche solo girare a piedi – senza rischi.

Città 30 è una rivoluzione che in alcune città italiane è già stata fatta e Bologna è stata la prima. Non si tratta solo di imporre limiti di velocità (che in città sarebbero appunto di 30 km\h, salvo alcune strade designate), ma di realizzare strade accessibili e curate e un maggior numero di aree verdi, offrendo in questo modo un’unica soluzione a diversi problemi, come la crisi climatica e la violenza stradale.

Con Napoli Pedala condividiamo la speranza di vedere presto una Napoli meno trafficata e meno inquinata, dove sarà possibile girare in bicicletta tutti i giorni, e non solo pochi eventi l’anno

NAPOLI OBLIQUA

Incentivare all’uso della bicicletta come mezzo di trasporto sostenibile è sicuramente uno degli obiettivi cardine dell’associazione Napoli Pedala, ma gli eventi organizzati sono pensati anche per aggregare chi la bicicletta la ama da tempo e ne fa un utilizzo sportivo. Ne è un esempio Napoli Obliqua, un tour che attraversa aree urbane di Napoli, lungo oltre 150 km e che si articola in tre anelli, quello del centro città, quello dell’area del Parco delle Colline Metropolitane e quello dell’area dei Campi Flegrei.

La prossima edizione di Napoli Obliqua, che si terrà ad ottobre 2023, esplorerà l’area flegrea a partire dalla Mostra d’Oltremare e porterà ad ammirare Napoli da “prospettive che cambiano sempre”, percorrendo passaggi poco conosciuti. Incoraggiando allo stesso tempo un turismo sostenibile, Napoli Pedala offre agli amanti della bicicletta un’occasione di incontro e la possibilità di vedere Napoli da punti di vista inconsueti.

NapoliPedala3

Con Napoli Pedala condividiamo la speranza di vedere presto una Napoli meno trafficata e meno inquinata, dove sarà possibile girare in bicicletta tutti i giorni, e non solo pochi eventi l’anno.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing

A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile
A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile

Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine
Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Diritti animali, spiagge depredate e accessibilità – INMR Sardegna #38

|

Nasce un nuovo impianto fotovoltaico collettivo: servirà 75 famiglie

|

La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food

|

Discarica di Lentini, tra chiusure e riaperture emerge la gestione dei rifiuti fallimentare in Sicilia

|

Consumi idrici: Italia ai primi posti in Europa per usi agricoli, industriali e domestici

|

Fotovoltaico in casa: è più ecologico vendere o accumulare l’energia in eccesso?

|

In Sardegna la rivolta degli ulivi contro il Tyrrhenian Link ma Todde rimarca: “L’opera è necessaria”

|

Empatia, vita itinerante, mal di denti e revisioni di camper

string(6) "napoli"