4 Set 2023

bizzòlo, un nuovo modo di fare giornalismo per raccontare il sud

Scritto da: Redazione

Racconti fotografici, testimonianze e lezioni popolari. Dal 5 al 12 settembre 2023, a Reggio Calabria - Galleria Palazzo San Giorgio, si tiene l’edizione numero zero di bizzòlo - una festa del giornalismo. Un momento collettivo di incontro e riflessione a cui parteciperà un coro di voci del mondo dell'informazione libera e costruttiva, fra cui anche Italia Che Cambia

Salva nei preferiti

Reggio Calabria - «Non siamo soli a stare sul bizzòlo dell’informazione e non vogliamo sentirci soli», scrivono Tiziana Barillà e Fabio Itri, che a dicembre 2022 hanno fondato bizzòlo, il periodico liberatorio nato a dicembre 2022 a Reggio Calabria ed edito dal Lavoratorio dell’associazione More. «In un momento storico in cui l’informazione è ostaggio del potere politico ed economico, sempre più asservita al vuoto della propaganda, molti giornalisti e fotogiornalisti continuano a vivere questo lavoro per quel che è: cane da guardia del potere. E non, viceversa, al servizio del potere. Senza cedere alla tentazione di voltare le spalle».

UN FESTIVAL PER LA COMUNITÀ

bizzòlo è un periodico “liberatorio” che prende il nome da una tipica espressione reggina con cui viene chiamato lo scalino appena fuori dall’uscio di casa o della bottega, lo spazio che da secoli da queste parti è sinonimo di condivisione, di scambio di opinioni ed esperienze. La festa è la prima iniziativa aperta alla città di questa piccola impresa meridionale: da agorà su carta ad agorà di strada. Un momento collettivo di riflessione e incontro, per approfondire le tematiche che hanno guidato la linea editoriale del 2023 della rivista. «Un’occasione per provare a coinvolgere tutti i possibili interlocutori, dagli accademici ai lettori, passando per i colleghi giornalisti e fotogiornalisti».

bizzolo1

Un cantastorie, uno scrittore, un accademico. In questo incontro collettivo tre ospiti terranno in città tre lezioni popolari – ovvero dei monologhi a tema – aperte alla cittadinanza. Inaugurerà il ciclo di lezioni, il cantastorie e suonatore di chitarra battente Valentino Santagati, che offrirà anche un momento di intrattenimento musicale con “pensieri e canzoni per un mondo meno fetente”. Seguirà lo scrittore Gioacchino Criaco con una riflessione sulla spoliazione e su come “l’ideologia del turismo non salverà la Calabria” e concluderà il ciclo il professore Daniele Castrizio, neo direttore del polo museale di Bova, soffermandosi sulla storia della Città dello Stretto.

Contestualmente, durante tutta la settimana di eventi, sarà visitabile una mostra fotografica tematica allestita all’interno della Galleria di Palazzo San Giorgio. «Attraverso una serie di fotografie scattate tra il 2015 e il 2023, Fabio Itri restituisce per immagini la parola chiave del nostro anno zero: spoliazione. Abbiamo scelto questa parola per raccontare la Calabria, sempre ultima in classifica. Perché la spoliazione non è solo spopolamento, ma una spirale di abbandoni, saccheggio di ogni bene, diritto, tradizione e cultura».

UN CORO DI VOCI (FRA CUI ITALIA CHE CAMBIA)

«Ci vuole tempo, per fare buona informazione», sono convinti dal bizzòlo. «Perciò, durante la festa – oltre alle lezioni popolari e alla mostra fotografica che sarà aperta tutti i giorni dalle 17 alle 22 – ci prenderemo il tempo di ascoltare le voci che ci racconteranno difficoltà, soluzioni e iniziative. Da Articolo21 a Italia che cambia, dalla Rete NoBavaglio ai tanti freelance che fanno della parola e della fotografia lo strumento liberatorio del sapere».

Un’occasione per provare a coinvolgere tutti i possibili interlocutori, dagli accademici ai lettori, passando per i colleghi giornalisti e fotogiornalisti

La Galleria ospiterà un piccolo studio di registrazione da cui verranno trasmesse le puntate di Voci dal bizzòlo, incontri radiofonici condotti da Giulia Polito con persone ed esperienze del mondo della fotografia e del giornalismo. Nei giorni a seguire le puntate verranno rese disponibili in podcast su Gemini Network – il network delle radio indipendenti.

Nel corso del festival, all’interno della Galleria, la redazione di bizzòlo sarà presente con un punto di incontro e di ritrovo aperto a tutta la cittadinanza. «Quest’anno cercheremo di gettare le basi per un progetto di più ampio respiro», concludono Barillà e Itri. «L’edizione 2023 è il primo passo verso la costruzione di un vero e proprio festival del giornalismo a Reggio Calabria». Gli eventi di bizzòlo – una festa del giornalismo sono patrocinati dal Comune di Reggio Calabria e sostenuti dal Malavenda Cafè, partner tecnico dell’iniziativa.

IL PROGRAMMA

Martedì 5 settembre ore 19
Inaugurazione con rinfresco a cura del Malavenda Café.
intervengono:
Paolo Brunetti, sindaco ff della Città di Reggio Calabria
Marcantonino Malara, consigliere comunale
Roberta Malavenda, Malavenda cafè
Fabio Itri, bizzòlo
coordina Tiziana Barillà, direttrice bizzòlo

Mercoledì 6 settembre, ore 19 | Lezione popolare
“L’intelligenza del disertore, pensieri e canzoni per un mondo meno fetente”
di Valentino Santagàti in collaborazione con Elena Gallo e Rodolfo Megale

bizzolo2

Giovedì 7 settembre, ore 19 | Voci dal bizzòlo
Difendersi dalla Propaganda
Nel disordine dei giornalisti
intervengono:
Stefano Corradino | Articolo 21
Clara Habte | Rete NoBavaglio
conduce Giulia Polito con Tiziana Barillà

Venerdì 8 settembre, ore 19 | Lezione popolare
“E adesso spoliati: l’ideologia del turismo non salverà la Calabria”
di Gioacchino Criaco

Sabato 9 settembre, ore 19 | Voci dal bizzòlo
Prospettive meridionali
lentezza e complessità, per un giornalismo costruttivo
interviene:
Selena Meli | Italia che cambia
conduce Giulia Polito con Tiziana Barillà

Domenica 10 settembre, ore 19 | Voci dal bizzòlo
Raccontare la prossimità. Una pratica per il fotogiornalismo
intervengono:
Pietro Vertamy, photo editor e curatore del festival | Paesaggi |
Ciro Battiloro, fotografo
conduce Giulia Polito con Fabio Itri

Lunedì 11 settembre, ore 19 | Lezione popolare
“Reggio e Messina, una città nello Stretto”
di Daniele Castrizio

Martedì 12 settembre, ore 19
chiusura lavori

La mostra presso la Galleria San Giorgio aprirà tutti i giorni alle ore 17. Nel corso della settimana il bizzòlo incontrerà i suoi lettori. Per aggiornamenti sul programma segui bizzòlo su Facebook e Instagram.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Officine Gutenberg: editoria e disabilità non sono mai state così vicine
Officine Gutenberg: editoria e disabilità non sono mai state così vicine

Ecco perché facciamo giornalismo costruttivo. Ne parliamo con Assunta Corbo
Ecco perché facciamo giornalismo costruttivo. Ne parliamo con Assunta Corbo

Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu
Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dalle crepe nel modello standard alla teoria delle stringhe. La scienza è in crisi? – #967

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

|

PFAS e i cantieri TAV: tutte le acque contaminate, dal Veneto alla Val di Susa

|

Change!, la mostra che parla di Po, siccità e crisi climatica

|

Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

|

Open Accessible Cooking, il progetto di Elena e Andrea per una cucina accessibile

string(8) "calabria"