24 Ott 2023

Quando l’editore sono i lettori: Indip, il periodico sardo libero e indipendente

Scritto da: Laura Fois

Sardegna che Cambia annuncia una media partnership con Indip, il periodico indipendente che non ha editori. Nato due anni fa da un progetto di giornalismo d'inchiesta, ha raddoppiato gli abbonati "semplicemente perché dà le notizie". L'intervista al direttore Pablo Sole è anche l'occasione per parlare del panorama dell'informazione in Sardegna. A partire da novembre uscirà un articolo al mese sul nostro portale curato da Indip.

Salva nei preferiti

“Lavorare liberi da imposizioni, interessi più o meno velati e interpretazioni ‘addomesticate’ è possibile”, recita il manifesto di Indip. Basta non avere editori né sponsor, pubblicità e pubbliredazionali, ma solo lettori. Al progetto di giornalismo d’inchiesta fondato da Pablo Sole, Raffaele Angius, Piero Loi, Monia Melis, Massimo Manca e Maria Giovanna Fossato ci si abbona. Così gli editori sono i lettori. Nato il 29 settembre 2021, partito da 650 sottoscrittori del crowdfunding, ha raddoppiato gli iscritti in un anno e adesso sono quasi 1500. Sardegna che Cambia è felice di stringere una media partnership, dopo quella con Helis blog, anche con Indip. Ogni mese il nostro portale pubblicherà un articolo delle inchieste coperte dalla redazione.

Pablo Sole, con quale spirito nasce Indip?

Indip nasce da un gruppo di giornalisti e giornaliste che due anni fa ha deciso di fondare una testata e provare una strada diversa rispetto all’esperienza da cui tutti proveniamo, e cioè essenzialmente dal mainstream, facendo esclusivamente inchieste e approfondimenti e seguendo il modello dello slow journalism, quindi massima accuratezza e verifica delle fonti. Niente di eccezionale, forse è qualcosa che si è un po’ perso negli ultimi anni vista la qualità in cui versa l’informazione oggi.

indip ok
Qual è stata la risposta?

Grazie al crowdfunding: nel giro di tre mesi dovevamo raggiungere la cifra di 25mila euro, quella minima per partire, invece ne ne abbiamo raccolti 28mila, segno che c’è stata una risposta a un bisogno da parte della gente. A Indip ci si abbona con prezzi che riteniamo popolari perché l’idea è anche quella che uno studente possa permettersi di sposare il nostro progetto. Ad oggi abbiamo festeggiato due anni e siamo molto contenti. Abbiamo ricevuto una risposta dal pubblico che sinceramente non ci aspettavamo.

Perché?

È stato un po’ un salto nel buio, avevamo un’idea e da quella siamo partiti. Stiamo tentando di tirar su una nuova leva, non è facile perché qui si inizia subito a fare un certo lavoro, ma c’è ancora passione in giro. Colleghi come Andrea Carboni e Luigi Bussu, under 30, stanno facendo molto bene. Hanno collaborato anche Luigi Piga e Domenico Mussolino; insomma, la squadra si sta allargando. Inoltre abbiamo attivato altre collaborazioni, tra cui quella con IrpiMedia.

newspaper background concept
In queste settimane c’è una maxi inchiesta che state seguendo con particolare attenzione…

L’operazione Monte Nuovo doveva scatenare il finimondo, leggendo l’ordinanza si può dire che la realtà abbia superato di gran lunga la fantasia. Ci si poteva mai aspettare che l’assessore regionale del tempo e un attuale consigliere regionale fossero a pranzo con Matteo Boe, esponente del banditismo sardo? Come personaggio pubblico si dovrebbe avere cautela nelle frequentazioni.

Guardando i video che abbiamo pubblicato e leggendo le intercettazioni si capisce che il Presidente della Regione Solinas aveva rapporti diretti con Nicolò Cossu, già condannato per sequestro. C’è un’attrazione perniciosa nei confronti dei sequestratori e c’è un’intercettazione, che ancora non è uscita, in cui il consigliere regionale Satta và a trovare a Posada Ciriaco Baldassarre Marras, il quale ha prelevato materialmente Farouk Kassam, di cui si è tanto parlato nei primi anni ’90.

Che reazioni ci sono state di fronte a tutto ciò?

L’opposizione in Consiglio regionale è stata tiepida. Sulle ultime cose che abbiamo pubblicato, io mi sarei aspettato un’apertura di un Tg con quei video e vi dirò di più: sarebbe stato normalissimo fino a poco tempo fa. Io sono cresciuto con caporedattori che quando prendevi un buco, veramente ti cazziavano. Adesso succede il contrario.

I lettori chiedono le notizie. E il fatto è che quando dai le notizie, i lettori ti seguono.

Qual è il vostro ruolo?

Dare notizie. Il principio è cristallino: se si ha una notizia e se interessa il lettore la si pubblica. Il giornale è anche un prodotto editoriale ed economico e molto spesso le notizie non si danno perché si è distratti o perché ci sono interessi. Quindi la notizia o non si dà o in maniera molto blanda. Invece i lettori chiedono le notizie.

E il fatto è che quando dai le notizie, i lettori ti seguono. La crisi non è del giornalismo, è delle notizie. C’è un’autocensura incredibile o forse ci sono giornalisti non hanno più voglia di fare il proprio lavoro. L’informazione oggi è un deserto e bisogna anche dire che in Italia si querela facilmente perché non costa nulla.

indip45
Chi sono stati i tuoi maestri e cosa insegni tu adesso ai giornalisti in erba?

Senz’altro Cicci Porcu e Umberto Aime, coi quali ho iniziato a La Nuova Sardegna, poi Giommaria Bellu che, partito da La Nuova è diventato inviato di Repubblica, è tornato in Sardegna e insieme abbiamo fondato SardiniaPost. Devo dire che siamo pochi per la mole di lavoro che c’è.

La prima regola è questa: raccogliere tutte le informazioni che servono, metterle insieme, poi andare al bar e raccontare la notizia a un amico, perché anche zia Maria deve capire quello che stai raccontando. Non si scrive per sé stessi, ma per gli altri. Infine si fa un lavoro di fino: verificare le notizie e rispettare la loro gerarchia e soprattutto prima di sbattere il nome di una persona sul giornale la si chiama.

Indip è sul sito indip.it, Facebook, X, Instagram e Telegram.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Officine Gutenberg: editoria e disabilità non sono mai state così vicine
Officine Gutenberg: editoria e disabilità non sono mai state così vicine

Ecco perché facciamo giornalismo costruttivo. Ne parliamo con Assunta Corbo
Ecco perché facciamo giornalismo costruttivo. Ne parliamo con Assunta Corbo

Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu
Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Biden si è ritirato dalle presidenziali Usa! Che succede adesso? Chi è Kamala Harris? – #968

|

In viaggio con Cosy for you: esplorare Napoli non è mai stato così semplice

|

Ramona Bavassano: “Le soluzioni per affrontare la siccità stanno in una gestione comunitaria dell’acqua”

|

Ultima Generazione e la crisi ambientale: ecco perché è giusto sostenere chi fa attivismo per il clima

|

Anche Parma ha la sua Comunità Energetica: è un nuovo passo verso la vera transizione

|

Alla ricerca del libero arbitrio tra microbioma, epigenetica e spiritualità – A tu per tu + #18

|

Forest School Pianfei: un “asilo nel bosco” aperto al mondo

|

Caccia alle foche: l’UE pensa di riaprirla per le pressioni delle lobby

string(8) "sardegna"