2 Ott 2023

Luna’s Torta, la “libreria con cucina” di Silvia e Ilaria

Scritto da: Letizia Lipari

Coniugare la vendita di libri e gli eventi culturali con il buon cibo: è la sfida di Silvia e Ilaria, proprietarie di Luna’s Torta, locale che in San Salvario ogni settimana ospita autori e artisti tra scaffali pieni di libri, ma offre anche buona cucina e un posto dove rilassarsi, come in un «salottone di casa fuori da casa».

Torino - Una libreria. Ma anche un posto dove bere e mangiare circondati da libri e riviste e, non ultimo, anche un abituale luogo di ritrovo per gli amanti della musica e degli eventi culturali. Questo e altro ancora è Luna’s Torta, un accogliente locale dalle molteplici vocazioni nel cuore di San Salvario, frutto dell’inventiva e della passione delle due vulcaniche – o “lunatiche”, come si definiscono sul loro sito – proprietarie, Silvia Giuliano e Ilaria di Meo.

«Prima che colleghe – mi racconta Silvia – io e Ilaria eravamo coinquiline». L’idea di un posto che coniugasse cucina, libri e serate culturali comincia a delinearsi proprio in quegli anni in cui Silvia e Ilaria condividevano casa. All’epoca Silvia lavorava in una libreria, mentre Ilaria era impegnata nel mondo del cinema d’essai.

Lunas Torta7

Esperienze che si sarebbero rivelate preziose quando, nel 2014, Silvia e Ilaria decidono di fare il grande salto, rilevando Luna’s Torta – all’epoca un bistrot e un punto di book-crossing – e trasformandolo a poco a poco in un punto di riferimento culturale, ma anche, come dice Silvia, in un «salottone di casa fuori da casa».

LUNA’S TORTA: TRA LETTURE, MUSICA E PRESENTAZIONI DI LIBRI

Al bistrot si affianca quindi fin da subito la libreria, che oggi offre una buona scelta di titoli: «Sono soprattutto proposte di case editrici indipendenti, che ci lasciano i libri in conto deposito» spiega Silvia. E nascono le serate di Luna’s Torta: eventi che si tengono «due volte alla settimana, il venerdì e sabato sera, e che vanno dai reading di poesie alle presentazioni di libri e alla musica, dagli spettacoli teatrali alle performance di Stand up comedy».

In questi nove anni, di autori, musicisti, attori e performer dal locale ne sono passati davvero tanti; tra quelli che hanno lasciato il segno c’è certamente l’attore e cantante Saulo Lucci, che in trentaquattro serate, un giorno alla settimana per trentaquattro settimane di fila, ha recitato e spiegato tutti i canti dell’“Inferno” di Dante.

Cibo, libri, divani, compagnia, musica. Tutto il necessario per chi ha voglia di condividere la bellezza

Un’esperienza bellissima «che ha attirato – racconta Silvia – un pubblico molto eterogeneo, dagli adolescenti ai vecchietti del quartiere». Mentre per lo scorso 8 marzo si sono esibiti Lorenzo Bartolini e Kabuki Dream, che hanno portato in scena tra gli scaffali di Luna’s Torta lo spettacolo “Si prega di non toccare”, un mix di poesie, canzoni e monologhi attraverso cui passa un messaggio molto potente contro la violenza sulle donne.

Di Silvia e Ilaria vi abbiamo parlato anche in occasione dell’iniziativa Decamerone 2020, durante la pandemia, quando hanno coinvolto più di 100 persone nella lettura collettiva dell’interno Decamerone di Boccaccio, come rimedio per affrontare insieme la chiusura dei luoghi legati alla cultura. L’iniziativa era nata, infatti, dalla necessità di rispondere in modo creativo e condiviso alla forte crisi del settore culturale legata all’emergenza da Covid. «Siamo diventate più virali del virus», ci avevano raccontato, riferendosi all’iniziativa che ha coinvolto artisti, performers, attori e semplici spettatori.

Lunas Torta
UN SALOTTO PER PASSARE IL TEMPO IN COMPAGNIA

C’è anche, soprattutto tra gli studenti, chi approfitta del wi-fi e dell’atmosfera accogliente di Luna’s Torta per studiare o lavorare. Infatti Luna’s Torta accoglie chiunque abbia bisogno di uno spazio dove passare tempo di qualità. D’altronde, come raccontano sul loro sito, «quello che stiamo cercando di costruire è un locale dal quale non farvi uscire mai!». Ma Luna’s Torta è in primis una “libreria con cucina”, un posto dove a pranzo, a merenda o a cena, o magari per il brunch domenicale, ci si può ritrovare per mangiare piatti gustosi.

«Cerchiamo di venire incontro alle esigenze di tutti, c’è sempre una scelta vegetariana» spiega Silvia. E chiaramente non possono mancare le torte, che ben si sposano all’ampia offerta di tisane. Insomma: cibo, libri, divani, compagnia, musica. Tutto il necessario per chi ha voglia di condividere la bellezza.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Port’Alba va salvata, il manifesto dei librai per restituire giustizia all’antica strada
Port’Alba va salvata, il manifesto dei librai per restituire giustizia all’antica strada

Con Perife-Biblio le biblioteche diventano infrastrutture per la democrazia e luoghi di inclusione
Con Perife-Biblio le biblioteche diventano infrastrutture per la democrazia e luoghi di inclusione

La Calabria di Francesca Prestia fra canti e cunti di donne, minoranze e rivolte
La Calabria di Francesca Prestia fra canti e cunti di donne, minoranze e rivolte

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cortei per la pace e la giustizia climatica a Cop 28 – #845

|

Modello Uruguay, un antidoto al saccheggio dell’energia rinnovabile sarda

|

Lo Stretto di Messina non si tocca! Il grido dei diecimila no ponte

|

Repair Café: dall’Olanda a Genova, il concept che favorisce la riparazione di oggetti rotti

|

Action Women, la sartoria sociale dove l’integrazione si intreccia con l’empowerment

|

Barbagia, femminismo, intersezionalità: nasce il collettivo AvvoLotadoras

|

La Via del Cambiamento: ecco perché non è un normale percorso di “crescita personale”

|

Giornata mondiale del suolo: il cemento avanza al ritmo di 2 metri quadri al secondo