Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
Bacheca cerco/offro
16 Dic 2020

Cerco persone e consigli per dar vita ad un “Paese dell’arte”

Scritto da: Lauro
Cerco persone e consigli per dar vita ad un “Paese dell’arte”

Salve a tutti, mi chiamo Lauro e ho 24 anni. Cerco persone, insegnamenti, consigli e situazioni che possano formarmi e indirizzarmi per la realizzazione di un progetto e magari qualcuno che ne voglia far parte.
Basato su uno stile di vita che non corra dietro ai soldi ma al semplice vivere e soprattutto all’arte!

La mia idea sarebbe quella di far rivivere un paese, borgo o posto abbandonato, come molti ne troviamo in Italia, creando una comunità autosufficiente, anche usando tecnologie, ma sempre nel rispetto e anzi a favore della terra e dedicato all’arte! Immagino un paese con al suo interno botteghe artigianali per la costruzione di strumenti, casse o vari materiali per la costruzione e sviluppo del paese stesso. Un posto dove si possono svolgere corsi, seminari o magari scuole musicali e dell’arte, farci spettacoli e eventi, “sfruttando” anche il territorio, con aule o palchi naturali, dove potersi dedicare alla propria passione e sviluppare le proprie idee.

Immagino poi campi coltivati con tecnologie innovative e naturali, energie rinnovabili e tecniche innovative per far sì che tutto piano piano funzioni da sé, con il rispetto l’uno dell’altro e per ciò che si ha intorno,
creando giorno per giorno, una vita, una casa e una passione.

Sono nato in campagna, in un paese nelle Marche in una casa dove alle 7 di mattina mio padre mi svegliava con il vinile dei Kraftwerk o i Pink floyd, facendo i suoi esercizi di batteria… E non può che aver acceso in me la passione per la musica, ma anche il rispetto per la terra e il prossimo.

Studio da autodidatta le basi della musica, strumenti acustici ed elettronici come synth ecc.. Mi piacerebbe poter dedicare a questo il più tempo possibile, ricevere più informazioni possibili, per lo sviluppo di esperimenti e progetti… Ma finora non ho potuto.

Da quando ho 17 anni ho “fortunatamente” iniziato il primo lavoro come operatore forestale specializzato, l’altro “pezzo di miccia” che mi ha indirizzato a questa idea. Mi occupavo dalla manutenzione del verde pubblico, della cura delle montagne e dei boschi, facendone dei lavori come tagli anti incendio, lavori per favorire la crescita del sottobosco o tipi di alberi, costruzione di sentieri e altri vari lavori per il bene del territorio.

Ho avuto esperienze anche in aziende agricole-forestali. Così è nata in me una grande passione per la natura e interesse nello sviluppo del territorio.

Purtroppo all’età di 20 anni, mi sono inoltrato nel settore della ristorazione e nella vita in città, con varie esperienze, anche all’estero, in cucina e come pizzaiolo grazie ad un corso e un po’ di pratica. Circa 2 anni fa ho avuto la pazza idea di aprire un locale, panineria, in società con mio fratello, connesso ad un laboratorio dove facevamo crescia tipica umbro marchigiana usando farine di crusca, integrali e bio. Un’ idea da non sprecare ma inutile dire che il periodo e la situazione non è stata delle migliori. Abbiamo aperto con un debito e chiuso con un altro (la burocrazia e il suo funzionamento…). In parte credo che sia anche colpa mia che non avevo abbastanza passione, lavorare a quei ritmi con quello stress mentale e preparando del cibo per fare soldi e non riuscire più a prepararlo per piacere, mi ha totalmente abbattuto.

Ora mi ritrovo qui, a 24 anni con una casa, bollette e piccoli, ma neanche tanto, debiti da pagare. Se ricomincio un ordinario lavoro non finirà mai e non può essere questo vivere. Non può essere lavorare tutta la vita per “pagare”. Non può essere il solo dedicarsi al lavoro rinunciando a sogni e passioni.

In questi periodo il mio modo di vedere la vita e la società è davvero cambiato. Anche avendo solo 24 anni, e forse qualche esperienza che mi ha remato contro, mi sento già in difficoltà pensando a quello che mi aspetta se non faccio un vero cambiamento, nei miei confronti ma anche verso la terra.

Potrei scrivere pagine di idee e di pensieri che mi fanno esplodere arrivato a questo punto. Ma a proposito di punto, credo che sia arrivato il momento che arrivi a quello di questo annuncio.
Cerco persone o situazioni che possano insegnarmi come vivere in posti e modi alternativi, per crearmi un bagaglio culturale utile alla realizzazione del mio progetto “Il paese dell’arte”. Offro le mie capacità, il massimo impegno, rispetto, voglia di conoscere e vivere.

Scusate per l’annuncio così lungo ma non sapevo come esprimermi e farmi capire con poche parole senza spiegarmi un po’…

15 risposte a “Cerco persone e consigli per dar vita ad un “Paese dell’arte””

  1. Avatar CarolC. ha detto:

    Sei un anima sensibile, un giovane di cui abbiamo tanto bisogno per cambiare il mondo!!! Il mio account di Facebook è ALMA ROD (Nick), per stare in contatto con tutti colori che la pensano così. Saluti!!!

  2. Avatar Giu.lez ha detto:

    Lauro è un piacere conoscerti, sono di Roma, ma le mie radici mi riportano alle colline marchigiane, soprattutto quelle intorno a Senigallia. Sono una terapeuta e utilizzo moltissimo la mediazione artistica, adoro l’arte e l’espressione artistica. Il mio progetto è quello di creare una rete di sostegno per un abitare ecosostenibile nel benessere, in una casa d’arte! Aderendo o creando progetti tra lazio, marche e toscana!
    Teniamoci in contatto!
    Questa è la mia mail
    giuliasettimi1984@gmail.com
    Mi trovi anche su facebook /GiuliaSettimi

  3. Avatar SilviaBiTrek ha detto:

    Ciao! Anche io sto sviluppando un progetto nelle Marche, sentiamoci! La mia email è
    bitrek.btp@gmail.com

  4. Avatar LUCA_QUAGGIA ha detto:

    ciao, abbiamo molto in comune, sono pizzaiolo, ho una passione sfrenata per la natura e dipingo, oltre che a produrre pigmenti partendo da terre e piante. Il piano della vita sarebbe unire tutte queste passioni in una comunità, avremmo molto di cui parlare, 3392553046, luca.quaggia@yahoo.com

  5. Avatar Pilixichlixoctl ha detto:

    Ciao! Condivido pienamente i tuoi ideali e comprendo la tua frustrazione. Io ho ventun’anni e amo disegnare, da poco ho iniziato anche a dipingere. Ho da poco tenuto la mia prima mostra e questo mi ha dato una carica che ora mi porta a sperare, e a credere nei propri sogni. La tua idea sarebbe bellissima, ma conta che per realizzare un progetto del genere ci vorrebbero molti soldi, credo. Io purtroppo non lavoro e non ho alcuna disponibilità economica per ora, ma sappi che, se il progetto andrà avanti, ci sono. Senza denaro in tasca ma con immaginazione e amore per l’arte da offrire. L’idea dei teatri e dei centri per seminari mi piace molto. Contattami qui se un giorno troverete il modo di fare:
    sebastianzappa496@gmail.com
    Grazie e buona vita!☮️✌️

  6. Avatar Lupa ha detto:

    Questo è un progetto di vita anche per me
    Sono un artista e mi occupo di problemi ecologici e sociali con il mio collettivo che si chiama Undergrowth – letteralmente ‘sottobosco’
    Mi trovi su fb
    Lucrezia Chiarle

  7. Avatar Wafa ha detto:

    Ciao,

    Io sto creando un progetto molto simile a quello hai appena descritto :). Potresti mandarmi il tuo numero e forse si potrebbe collaborare.

    Il mio indirizzo e-mail è: wafa@xplorainternational.co.uk

    Fammi sapere e a presto.

  8. Avatar ClaudiaMa ha detto:

    Ciao Lauro, purtroppo al momento non ho una aiuto concreto da offrirti, ma il tuo è un bellissimo sogno, e si avvicina molto al mio… Provengo da studi artistici e al momento vivo “grazie” al mondo precario della scuola, luogo che nonostante i suoi difetti, in realtà io adoro.. amo insegnare, uso l’arte come strumento per parlare d’altro, e spesso l’altro sono le attuali problematiche ambientali, sociali, etc… e spero un giorno non troppo lontano di diventare “davvero” un’insegnante, magari anche in un contesto informale esterno a quello scolastico.
    Non so cosa accadrà nel mio futuro ma so che come te non voglio lavorare per pagare, voglio che il mio lavoro sia la mia missione di vita, che sia nutriente e non alienante, e con coraggio e fatica questo sarà possibile, anche per te. Ad ogni modo teniamoci in contatto se ti va, raccontaci come proseguirà il tuo cammino.
    Mi trovi anche su Instagram come @Copaiba.project
    Un abbraccio
    Claudia

  9. Avatar Leona ha detto:

    Ciao Lauro. Anni fa o avuto la stessa idea. Possiamo parlare?. Mio whatsappp +393394122833

  10. Avatar AnMa ha detto:

    Ciao Lauro e complimenti. La tua idea la condivido in pieno. Anche io volevo fare una scelta simile ma per ora non ho trovato le persone con cui realizzarla. Sono mamma e quindi nella mia idea c’è al centro una Scuola per educare i bambini all’arte e al pensiero libero.

  11. Avatar AnMa ha detto:

    Come posso contattarti?

  12. Avatar Vallysound ha detto:

    Ciao! Scrivimi a vallyauri@gmail.com 🙂 Valentina Auricchio su facebook

  13. Avatar Salvatore ha detto:

    Ciao. Più che un paese, potremmo creare un piccolo borgo rurale… Già individuato.

    Su fb Salvo Ceraulo

  14. Avatar Lauro ha detto:

    Ciao a tutti! Auguri!
    scusate se non ho risposto subito ai commenti e ai messaggi ricevuti. ma devo dire la verità, non me ne aspettavo così tanti. Avete scritto così tante proposte e idee fin da subito, come la disponibilità nel parlarne….! quindi ho deciso, che fosse stato meglio aspettare, leggere con calma, valutare e intanto pensare ad un punto d’inizio.
    Più che altro “d’incontro”…

    Prima, vorrei ringraziare tutti davvero, per il tempo e le grandi parole che mi avete dedicato, mi hanno fatto stare bene e sicuramente messo in moto, spero a vostra volta, possiate trarre beneficio da quello che verrà.

    Lascio i miei contatti :lallo11@live.it
    Facebook: lauro mezzanotte
    3246167993
    Se vi può interessare si potrebbe fare un gruppo per parlare più comodamente e scambiare idee.

Lascia un commento pubblico

Per poter visualizzare più dettagli e contattare l'utente devi prima effettuare l'accesso o registrarti

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

L’accelerazione del riscaldamento globale – Io Non Mi Rassegno #289

|

Grande Ulivo: «Da discarica a luogo di armonia, didattica e accoglienza»

|

Come tutto ebbe inizio – Io rifaccio casa così #1

|

Irene e il suo forno di comunità: “Torno nella mia città per fare il pane e creare relazioni”

|

La comunità di Porto di Terra: vivere la montagna della Sicilia tra permacultura e transizione – Io faccio così #314

|

Risate e positività per trasmettere buonumore ai tempi dell’infodemia da Covid-19

|

Le risorse non bastano per tutti, ma davvero è solo un problema di sovrappopolamento?

|

Cinque amiche creano una community per supportare le donne nel mondo del lavoro