Bacheca cerco/offro
18 Gen 2021

Cerco persone interessate a creare un’attività agricola nei pressi di Roma

Scritto da: Valentina
Cerco persone interessate a creare un’attività agricola nei pressi di Roma

Ciao a tutte/i,

mi chiamo Valentina, ho 27 anni e mi sono da poco ritrasferita a Roma dopo un lungo periodo passato all’estero. Sogno da tempo di aprire un’attività agricola e cerco persone interessate ad una collaborazione vicino Roma. Lavoro in campo ambientale ma ho poca esperienza nell’agricoltura. In cambio però, porto tanta volontà di fare ed imparare, buone capacità gestionali ed organizzative ed un sorriso ed il buon umore non mi mancano mai. Se fossi interessata/o lasciami pure un commento e ti risponderò per mail.

A presto spero!
Valentina

11 risposte a “Cerco persone interessate a creare un’attività agricola nei pressi di Roma”

  1. minoROMA ha detto:

    ciao valentina scrivimi i tuoi contatti sull’email giacomino_1991@hotmail.it per parlare meglio di questo progetto 🙂

  2. Sara-M ha detto:

    Buongiorno Valentina,
    Ho un podere nel Lazio e mi farebbe piacere ricevere una tua mail dove mi racconti le tue esperienze e i tuoi obiettivi.

  3. Jeko ha detto:

    Buon giorno,
    Ho 25 anni e in questo periodo sto aiutando un’amica ad aprire la sua azienda agricola proprio a Roma. Mi farebbe piacere parlare dei nostri progetti in modo da scambiarci idee e magari aiutarci a vicenda.
    A presto
    Giacomo

  4. MarcoVe ha detto:

    Buongiorno,
    Vengo da una formazione nel marketing ma agricoltura e natura fanno parte delle mie passioni e hobby. Sarei interessato a saperne di più.
    Marco

  5. Agroecologia ha detto:

    Valentina se ti interessa una realtà ampia nel viterbese, con scuola contadina, radio e attività ambientaliste connesse ad un azienda funzionante contattami.
    e

  6. LUNA ha detto:

    Ciao io sono una biologa ambientale, vorrei conoscere il tuo progetto!

  7. Alessandra ha detto:

    Ciao Valentina mi interessa il tuo progetto!!! Sono appassionata di autoproduzione e arte del riciclo fammi sapere grazie!!!
    Alessandra da Roma

  8. Sgr218 ha detto:

    Ciao, ho un’azienda bio in Maremma, coltivo prodotti nutraceutici (Quinoa, amaranto, lino ecc..) sarei interessato a saperne di più..

  9. genaroarg ha detto:

    Ciao, mi pace la tua proposta

  10. IlariaGhirardini ha detto:

    Ciao! Vorrei saperne di più sul tuo progetto

  11. Gianni76 ha detto:

    Sigr218 sono interessato anche al tuo progetto se c’è la possibilità di parlarne ….grazie

Lascia un commento pubblico

Per poter visualizzare più dettagli e contattare l'utente devi prima effettuare l'accesso o registrarti

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

L’incidente nucleare cinese, i missili su Gaza, il vertice Putin-Biden – Io Non Mi Rassegno 390

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce