Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
Bacheca cerco/offro
2 Dic 2020

Cerco persone per costruire una microcomunità agricola, educativa e autosufficiente

Scritto da: Alessandra
Cerco persone per costruire una microcomunità agricola, educativa e autosufficiente

Mi presento.  Mi chiamo Alessandra, ho 50 anni, ho due figli (Maya 20 anni universitaria e Gian Mattia 11 anni che frequenta la scuola parentale steineriana “L’arco d’oro” a Roma) e un marito Claudio, contadino.
Insegno da 8 anni matematica e fisica nelle scuole statali secondarie di secondo grado a Roma. Prima di insegnare ho collaborato per 8 anni con la facoltà di biologia dell’Università di Tor Vergata di Roma occupandomi di attività di ricerca in ambito genetico.
Dal 2000 al 2009 ho vissuto in campagna a Blera nel viterbese con mia figlia praticando l’autosufficienza alimentare ed energetica. Nel 2008 ho conosciuto Claudio a Barbarano Romano ed è nato Gian Mattia e nel 2010 la vita ci ha riportato a vivere a Roma.
Dal 1991 vivo, nutro e cresce in me il desiderio di realizzare un progetto di amore per la natura, per la matematica e per l’educazione – un progetto che vedrei concretizzato nella creazione di una micro comunità autosufficiente, produttiva e didattica.
Per questo, appena si è presentata la possibilità economica, abbiamo comprato un terreno splendido a Vetralla.
Cerchiamo persone con cui condividere questo progetto che oltre ad essere affini nelle idee, abbiano già esperienza di vita contadina, abbiano già chiare le difficoltà relazionali che affiorano nella gestione di un progetto comune, abbiano figli in età scolare per rendere possibile l’homeschooling. Cerchiamo compagni onesti, consapevoli e spregiudicati che abbiamo maturato già da tempo la volontà di vivere in comunione col prossimo e siano orientati alla creazione di un modello da condividere con il mondo. Per questo mi pare superfluo soffermarmi sui valori etici e sociali di una micro comunità sostenibile o sulla innegabile sconfitta dei modelli competitivi e individualisti che permeano la nostra società ormai da innumerevoli secoli o sulla decadenza della scuola pubblica in Italia o sul vero significato della parola “libertà”.
Allego il progetto e i miei contatti
alessandra.ferranti2014@gmail.com
3393769053

Una replica a “Cerco persone per costruire una microcomunità agricola, educativa e autosufficiente”

  1. Avatar Erna ha detto:

    Ci auguro il meglio , è un progetto bellissimo, impegnativo e secondo me fattibile.!!!! In bocca al lupo

Lascia un commento pubblico

Per poter visualizzare più dettagli e contattare l'utente devi prima effettuare l'accesso o registrarti

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Un po’ di chiarezza sull’acqua radioattiva di Fukushima – Io Non Mi Rassegno #349

|

Curare di più l’ambiente e lo stile di vita per aumentare la longevità sana

|

Dall’ufficio di una multinazionale al frutteto: la storia di Elisabetta e Corrado

|

Mentorship, il progetto che aiuta gli studenti che stanno ai margini

|

“Ex anoressica, ho studiato un modo per aiutare chi soffre di questo male”

|

Una legge per ecovillaggi, cohousing e comunità intenzionali

|

Dall’arte all’intelligenza artificiale, il Nuovo Rinascimento di Sineglossa – Io faccio così #325

|

Covid e lockdown: perché i bambini sono sempre gli ultimi?