Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
24 Ago 2020

Offro Un corso per riprogettarsi la vita con la permacultura

Scritto da: Gloria
Offro Un corso per riprogettarsi la vita con la permacultura

Il Covid19 può insegnarci moltissimo, se sappiamo vederlo anche come un maestro e non solo come un nemico.
Non vedi l’ora che tutto torni come prima? O forse, in quella “normalità” ti sentivi un ingranaggio di un sistema economico disumano, che impone ritmi, comportamenti, desideri? E ti domandi se esista un’alternativa al “lavora-consuma-crepa”?
Il disagio personale è anche collettivo, in questi tempi d’incertezza e di turbolenza. Il cambiamento climatico è un sintomo della più ampia “crisi E4” (Energia-Ecologia-Economia-Equità), emergenza planetaria che minaccia di innescare un collasso sociale. Che potrebbe essere già iniziato col Covid19… La strada della crescita industriale infinita e globalizzata sembra sempre più un percorso verso la morte.
Per non essere schiavi del “sistema”, non è necessario fuggire in un luogo selvaggio: possiamo ridurre la nostra dipendenza – almeno in parte – anche restando in città. Possiamo cambiare prospettiva, imparare a vedere il mondo in modo diverso e noi stessi come elementi funzionali del mondo. Possiamo ripensare il nostro rapporto col cibo, l’acqua, l’energia, il denaro e la comunità, modificando le nostre abitudini per aumentare la resilienza e ridurre l’impatto ambientale.
La permacultura ci insegna a diventare ogni giorno agenti del cambiamento. Prenditi la responsabilità della tua vita e di quella dei tuoi figli, e fallo ora! è il suo unico imperativo. Per costruire una società sostenibile – una cultura permanente – partendo dall’imitazione della natura, superando il senso di disconnessione da Madre Terra e dagli altri esseri umani che ci ha portato alla crisi globale.
In questo corso proveremo a riesaminare le nostre vite con un approccio permaculturale: partire da una base etica e da un’ampia cornice concettuale per arrivare a trovare soluzioni concrete e applicabili nel luogo in cui viviamo. Teoria e pratica per una cittadinanza attiva, oltre la protesta.

PROGRAMMA
Venerdì 11 settembre – Dove va il mondo e dove vado io: introduzione alla permacultura
Sabato 12 – Iniziamo a recidere il cordone ombelicale col “sistema”: riflessione su cibo, acqua, rifiuti, energia
Domenica 13 – Altre forme di energia: ma quanti soldi servono per vivere? Rapporti sociali da sviluppare e mezzi di sostentamento etici
Lunedì 14 – Prenditi la responsabilità della tua vita… Progettazione personale e considerazioni finali

Orari: il corso inizierà venerdì 11 alle ore 14.30 e terminerà col pranzo di lunedì 14.
Dove: presso l’ecovillaggio Torri Superiore (https://php7.torri-superiore.org/), nell’entroterra di Ventimiglia (IM).
Prezzi: 295€, comprendenti corso e pensione completa con pernottamento in camera condivisa e bagno esterno
(supplemento per camera singola: 15€/notte).

Guida/docente: Gloria Gelmi. Da oltre quarant’anni – per passione e per professione – si occupa di problematiche ambientali, strategie per la sostenibilità, stili di vita eco-compatibili. Laureata con lode in scienze naturali, diplomata in permacultura con l’Accademia italiana di permacultura, co-promotrice dell’iniziativa Valgandino in Transizione, facilitatrice CLIPS in formazione (Community Learning Incubator Program for Sustainability).

Per informazioni e iscrizioni: corso-torri@mail.com
Posti limitati nell’ecovillaggio: le iscrizioni si chiuderanno con 15 partecipanti e comunque il 23/8.

Una replica a “Offro Un corso per riprogettarsi la vita con la permacultura”

  1. Avatar Gloria ha detto:

    N.B. Il termine per le iscrizioni è stato prorogato di una settimana perché ci sono ancora posti disponibili.

Lascia un commento pubblico

Per poter visualizzare più dettagli e contattare l'utente devi prima effettuare l'accesso o registrarti

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

La repressione cinese degli Uiguri – Io Non Mi Rassegno #217

|

Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona

|

Gli assorbenti lavabili e solidali che promuovono l’integrazione e la salute di tutte le donne

|

Sebastiano, il giovane contadino che per cambiare il mondo coltiva la terra

|

In Italia si mappano i borghi per chi vuole vivere e lavorare in montagna

|

Comunità energetiche rinnovabili: una via per la transizione? – A tu per tu #6

|

Diffondere informazione positiva e gentilezza: arriva il Festival Mezzopieno!

|

Lucia Cuffaro e l’autoproduzione, la ricetta quotidiana per una società più giusta e resiliente