3 Gen 2020

Di incendi, corsa agli armamenti e fatberg – Io Non Mi Rassegno #45

In Australia la situazione incendi è sempre più fuori controllo: 18 persone uccise, mille abitazioni distrutte, mezzo miliardo di animali morti. I numeri di una catastrofe senza precedenti. In Medio oriente intanto Erdogan decide di mandare le truppe in Libia per difendere il suo controllo sul Mediterraneo, mentre la corsa agli armamenti torna a spaventare lo scenario geopolitico mondiale. Parliamo anche del nuovo governo spagnolo, delle discariche a Roma e dei fatberg!

Podcast

Articoli:

#incendi #Australia
The Guardian – NSW, Victoria fires: Australian bushfires cause tens of thousands to flee in mass evacuation – live
il Post – Perché gli incendi in Australia sono così grossi
The Guardian – We are seeing the very worst of our scientific predictions come to pass in these bushfires
La Stampa – Dramma in Australia: mezzo miliardo di animali ucciso negli incendi

#guerra #Erdogan
Globalist – Il Sultano Erdogan alle armi in Libia dà il via alla guerra del Mediterraneo
il Fatto Quotodiano – Libia, Turchia dà il via alle truppe a sostegno di al-Sarraj. Egitto: “Comunità internazionale agisca”. Trump chiama Erdogan 

#Iraq
il Post – A Baghdad è successa una cosa importante
Al Jazeera – Iran’s Qassem Soleimani killed in US air raid at Baghdad airport

#armamenti
Internazionale – Nel nuovo decennio riparte la corsa agli armamenti 

#Spagna #governo
il Post – In Spagna si farà il governo, infine 

#rifiuti #Roma
il Post – A Roma si litiga per una nuova discarica

#fatberg
The Guardian – Fighting fatbergs: ‘This is now a huge environmental issue’ 

#America latina
Al Jazeera – Latin America in 2020: Stories to watch

#mari
Valori – Innalzamento mari, danni miliardari. Ecco le mappe che lo provano

#paesi
Internazionale – L’Italia disabitata nello sguardo del poeta Franco Arminio

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all'Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5