20 Apr 2021

La diga della discordia che divide l’Africa orientale – Io Non Mi Rassegno #351

La Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD) è una enorme diga che sta creando da anni un caso diplomatico irrisolto nell’Africa orientale, fra Egitto, Sudan e Etiopia. Addis Abeba vuole utilizzare il progetto per i suoi piani di industrializzazione e sviluppo, l’Egitto teme danni per la sua agricoltura e l’approvvigionamento idrico, il Sudan si preoccupa per le sue dighe. Alle spalle una storia di ingiustizie che ancora oggi si fa sentire. Eppure, delle soluzioni alternative sembrerebbero esserci…

Articoli:

#GERD
Africa News – Egypt, Ethiopia, Sudan talks fail to break Nile Dam deadlock
The Conversation – Solar and wind power could break the Grand Ethiopian Renaissance Dam deadlock
Analisi Difesa – La diga etiope GERD e la “guerra per l’acqua” con l’Egitto
Centro Studi Internazionale – Diga GERD, l’accordo impossibile con l’Egitto
Internazionale – La diga che avvelena le relazioni tra Egitto ed Etiopia

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all'Italia che Cambia

La sola rassegna stampa che non segue l’agenda setting! 

Questa rassegna stampa dal lunedì al venerdì vi tiene informati su quello che succede nel mondo, scegliendo liberamente di non seguire le logiche dell’informazione mainstream. 

È gratuita e disponibile per tutti grazie al contributo di chi crede nel nostro giornale. Fallo anche tu, diventa un attivista digitale e aiutaci a costruire ogni giorno un’informazione diversa, senza filtri, autentica. 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

L’attentato in Afghanistan e il dramma di un paese abbandonato – Io Non Mi Rassegno #365

|

Sfusi e Riusi: il negozio alla spina che dà lavoro alle persone fragili

|

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi fra i primi 50 al mondo

|

Cambiamo approccio e facciamo in modo che il contagio si diffonda!

|

MUSE FabLab: promoviamo la cultura della riparazione

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali