21 Apr 2021

La truffa dell’Ilva e le scelte della politica – Io Non Mi Rassegno #352

Due notizie che riguardano l’ex Ilva di Taranto, separate ma intrecciate, fanno capolino sui media. La prima riguarda l’accordo squilibrato fra Stato italiano e Arcelor Mittal sulla proprietà e la gestione dello stabilimento, che in molti hanno definito una truffa; la seconda il blocco alla produzione imposto dal Tar di Lecce, poi ribaltato dal Consiglio di Stato, in cui il Ministro Cingolani si è schierato a fianco di Ilva e contro il blocco stesso. Ricostruiamo l’intera vicenda per capire cosa sta succedendo e perché le due notizie sono più collegate di quanto sembri. Parliamo anche di eutanasia, con un quesito referendario che è stato depositato in Corte di Cassazione dall’Associazione Luca Coscioni.

Articoli:

#accordo Ilva-Invitalia
Huffington Post – Ilva, così gli indiani hanno sconfitto lo Stato italiano
la Repubblica – Ex Ilva, sbloccato l’ingresso di Invitalia: il gruppo diventa per metà pubblico e si chiamerà Acciaierie d’Italia

#Ilva #stop stabilimenti
la Repubblica – Ex Ilva di Taranto, anche il ministero della Transizione ecologia ricorre contro lo stop del Tar al siderurgico
Il Sole 24 Ore – Ex-Ilva, evitato lo stop agli impianti. Per il Consiglio di Stato la produzione può proseguire

#eutanasia
Il Sole 24 Ore – Cassazione: presentato il quesito referendario per legalizzare l’eutanasia

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all'Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

L’attentato in Afghanistan e il dramma di un paese abbandonato – Io Non Mi Rassegno #365

|

Sfusi e Riusi: il negozio alla spina che dà lavoro alle persone fragili

|

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi fra i primi 50 al mondo

|

Cambiamo approccio e facciamo in modo che il contagio si diffonda!

|

MUSE FabLab: promoviamo la cultura della riparazione

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali