17 Gen 2022

Presidente della Repubblica, come si elegge e chi è il favorito? – #446

Impazza il toto Presidente della Repubblica e allora affrontiamo l’argomento, vedendo come funziona l’elezione, quali sono i candidati più chiacchierati e quali gli scenari possibili. Parliamo anche della città di Londra che sconsiglia ai cittadini di fare attività fisica per i livelli troppo alti di inquinamento.

Elezioni del Presidente della Repubblica

Chi sarà il prossimo Presidente della Repubblica italiana? È questo l’argomento che tiene banco negli ultimi giorni più di ogni altro sui giornali. Prima di andare a vedere i candidati e fare un po’ di ragionamenti, vorrei vedere assieme a voi come funzionano le elezioni del Presidente della Repubblica. 

In base all’articolo 83 della costituzione, il capo dello stato viene eletto dal Parlamento in seduta comune a cui si aggiungono 3 delegati per ogni regione, scelti dai rispettivi consigli regionali secondo la proporzione di due rappresentanti della maggioranza e un rappresentante della minoranza, fatta eccezione per la Valle d’Aosta che ne esprime uno solo. In tutto, il collegio elettorale “presidenziale” è quindi composto da 1.009 cosiddetti “Grandi elettori”, di cui: 630 deputati, 321 senatori (inclusi i senatori a vita) e 58 delegati regionali.

Sarà l’ultima volta che sarà così, perché il numero calerà drasticamente quando sarà eletto il nuovo parlamento con numeri ridotti a seguito della riforma costituzionale approvata nel settembre 2020.

Il voto è segreto e per le prime tre tornate serve una maggioranza qualificata di ⅔ degli elettori per eleggere il nuovo Presidente. Maggioranza che poi diventa semplice, ovvero del 50% +1, dalla quarta tornata in poi. 

La procedura è già di per sé lunga e complessa, considerate che alcuni presidenti in passato sono stati eletti dopo più di 20 votazioni. Quest’anno lo sarà forse ancora di più perché se normalmente venivano fatte 2 votazioni al giorno, quest’anno se ne farà soltanto una, visto che i grandi elettori entreranno nell’aula scaglionati, e tutta la procedura, fra turni, sanificazioni e spoglio, dovrebbe durare circa 4 ore. Si comincia il 24 gennaio, lunedì prossimo, e si prosegue a oltranza.

Questa è l’architettura generale, ora, chi sono i favoriti? Premesso che è sempre difficile dirlo, perché l’architettura dell’elezione fa sì che possano emergere dei nomi a sorpresa, un po’ come succede quando viene eletto il Papa, possiamo comunque fare qualche ragionamento. 

Partiamo da un fatto. Sono eleggibili tutti i cittadini e le cittadine che abbiano superato i 50 anni di età e goda di diritti civili e politici. Non ci si candida a diventare PdR, semplicemente si viene eletti. Anche il barista sotto casa o vostra zia potrebbero essere eletti, se raggiungessero la maggioranza dei voti. Poi nella realtà questo è abbastanza difficile, perché nei giorni prima delle elezioni i partiti cercano di parlare fra loro e indirizzarsi verso un numero finito di potenziali candidati.

Al momento, l’unico profilo che metterebbe d’accordo tutti e sarebbe eleggibile al primo turno, perlomeno stando ai sondaggi, è il presidente uscente Mattarella. Che però ha già dichiarato che non è disposto a un secondo mandato. 

Tolto Mattarella, i nomi che sono circolati di più in questi giorni, oggetto di trattative e rumors fra i partiti sono Mario Draghi, Silvio Berlusconi, o una donna. Sembra una battuta ma è davvero così, questo è ciò che riportano vari giornali, sulla base di rumors e scambi di battute fra i partiti. Come commentava giustamente Serena Dandini a Propaganda Live, sembra che il fatto di eleggere una donna sia una cosa carina in sé, il che presuppone che le donne siano tutte uguali, se ne può eleggere una a caso.

Commentiamo un po’ questi tre candidati. Togliamo di mezzo il giudizio sulla persona, ma concentriamoci su chi potrebbe essere più adatto a svolgere questo ruolo. In Italia il PdR è la carica più alta dello stato, ma non ha un ruolo politico, di capo del governo come avviene nelle repubbliche presidenziali come la Francia o gli Stati uniti. Ha invece un ruolo più super partes, che deve garantire il rispetto delle regole del gioco, e soprattutto della costituzione. 

Ora Berlusconi è… Berlusconi. Diciamo che nella sua carriera prima da imprenditore poi da politico non ha proprio brillato per aver rispettato le regole e la condotta morale. Non mi metterò qui a fare l’elenco di tutti i reati e i capi d’imputazione, perché sono troppi per ricordarseli a memoria a meno che non sei un supercomputer quantistico o Marco Travaglio, e sono troppi anche per andarseli a rivedere, ma ecco, diciamo ecco non è proprio il classico personaggio che metteresti a far rispettare le regole.

Draghi è da un certo punto di vista più adatto, è più austero, serio, rispettato. Ma non è che anche lui abbia brillato in rispetto della costituzione, per quel che abbiamo potuto vedere. È più un decisionista, uno che tira dritto, che bypassa costantemente il parlamento, ed è vero che siamo in emergenza, ma fino un certo punto. Senza considerare che culturalmente è espressione del mondo della finanza, di una visione del mondo che mette l’economia al centro, del “tutto mercato e poco stato”. E questo non lo fa un candidato ideale per essere il massimo esponente dello stato. 

Insomma, visto ciò inaspettatamente rivaluto la terza candidata, ovvero una donna, che potrebbe fare meglio. Una a caso intendo, eh. E non è una questione di genere, ma di statistica. 

A parte le battute, come dicevo vista l’architettura dell’elezione, comunque è possibile che nessuno dei candidati più chiacchierati venga alla fine eletto. Forse anche probabile. Dietro di loro, ci sono tutta una schiera di altri nomi, da Casini a Maria Elena Casellati, a Giuliano Amato, Romano Prodi e tanti altri. E non è detto che non emerga una sorpresa. Come al solito, ci aggiorniamo.

Londra, attività fisica vietata

Ci spostiamo a Londra, dove la scorsa settimana una circolare del sindaco Sadiq Khan ha consigliato ai suoi concittadini di evitare un’attività fisica faticosa il venerdì appena trascorso a causa dei livelli “molto elevati” di inquinamento.

La scarsa qualità dell’aria è il risultato di due fenomeni: un’intensa area di alta pressione che copre l’Europa occidentale, con poco movimento d’aria e l’uso dell’auto che è tornato vicino ai livelli pre-pandemia.

Per fortuna, con i venti che sono tornati a soffiare nel weekend, i livelli di inquinamento, che avevano sfiorato la fascia 10, il livello più alto della scala, sono tornati a scendere. Ma il problema rimane, per una città che si vorrebbe proporre come modello globale di sostenibilità, ma che sembra ancora lontana dalla meta. Fra l’altro ormai è conclamata la correlazione fra covid 19 e inquinamento, quindi anche in un’ottica di prevenzione dal virus, questo come i futuri, vivere in città più sane e sostenibili dovrebbe diventare una priorità.

Lo ha detto, fra le righe, anche il sindaco, che ha dichiarato: “Se non raddoppiamo i nostri sforzi per offrire un futuro più verde e più sostenibile, sostituiremo una crisi di salute pubblica con un’altra, causata dall’aria sporca e dalle strade bloccate”.

Fonti e articoli:

#Presidente della Repubblica
Il Sole 24 Ore – Come si elegge un presidente della Repubblica: regole e procedure

#inquinamento #Londra
The Guardian – Londoners told to reduce physical activity on Friday due to pollution

#Omicron
Internazionale – Omicron ci obbliga a ripensare l’idea di un covid leggero
il Post – La Corte Suprema degli Stati Uniti ha bloccato il provvedimento sull’obbligo vaccinale per i lavoratori delle grandi aziende voluto da Joe Biden
Euronews – Francia, storico sciopero della scuola. Insegnanti in rivolta contro la gestione della pandemia 

#bonus psicologico
il Post – A cosa servirebbe il “bonus psicologico”

#Ucrain
Euronews – Il fallimento dei colloqui Nato-Russia: botta e risposta Washington-Mosca

#risorse
Nigrizia – Guinea: l’Iran punta alle miniere di ferro e bauxite

#clima
Lifegate – Le Americhe in preda a temperature estreme. 41 gradi in Argentina, -29 in Canada
Valori – Il record della settimana: l’Argentina brucia

#mercato
Valori – Nasce la RCEP: la più grande area di libero scambio del mondo

#rinoceronte
GreenMe – Il rinoceronte è diventato il nuovo simbolo di pace in India

#scoperte
GreenReport – Gli Homo sapiens vivevano in Africa già più di 230.000 anni fa

La sola rassegna stampa che non segue l’agenda setting! 

Questa rassegna stampa dal lunedì al venerdì vi tiene informati su quello che succede nel mondo, scegliendo liberamente di non seguire le logiche dell’informazione mainstream. 

È gratuita e disponibile per tutti grazie al contributo di chi crede nel nostro giornale. Fallo anche tu, diventa un attivista digitale e aiutaci a costruire ogni giorno un’informazione diversa, senza filtri, autentica. 

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


L’Overshoot Day 2022 italiano è già arrivato – #521

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio

|

Apre il Covo degli Orsi, la nuova “casa rossa” per i genitori dei pazienti del Gaslini

|

“Dal lato all’altro della finestra di una RSA, il telefono ci unisce”

|

Guerra in Ucraina: come viene raccontata e percepita in Russia?

|

I(n)spira-Azioni racconta gli effetti dei cambiamenti climatici con Luca Barani e The Climate Route – #6

|

Alice In The Lab: le creazioni etiche di una giovane che ha scelto di vivere in modo ecologico

|

Una Mappatura Collettiva per trasformare i luoghi abbandonati della città in beni comuni