Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Nov 2019

#IoNonMiRassegno 15/11/2019

Oggi parliamo di elefanti nella stanza (a proposito di Taranto e Venezia), ma anche degli incendi in Australia e degli allagamenti nel Regno Unito. Anche se la notizia più interessante del giorno, di cui nessuno parla, è forse uno storico cambio di rotta dell’Ue nelle sue politiche d’investimento. Novità interessanti anche in Thailandia, con il governo che decide di vietare il glifosato e altri pesticidi, ma incontra l’opposizione degli Usa.


#cambiamenti climatici #inquinamento #elefanti nella stanza
Ansa – Maltempo: tromba d’aria esplosiva per cambiamento climatico
Ansa – Italia prima in Europa per morti da polveri sottili
Comune-info – Onda di marea https://comune-info.net/onda-di-marea/ 
Internazionale – Venezia mostra che l’Italia è nel mezzo di una crisi climatica
GreenReport – Ispra, a Venezia le emergenze per l’acqua alta sono già raddoppiate rispetto agli anni ’90
GreenReport – World energy outlook 2019: così le emissioni di CO2 aumenteranno fino al 2040, gravi gli impatti climatici
The Guardian – UK flooding: residents of South Yorkshire brace for more rain

#Cop25 #Greta Thunberg
Ansa – Clima:Greta in barca da Usa verso Spagna

#Australia #incendi
GreenReport – In Australia effetti catastrofici «senza precedenti» a causa degli incendi

#pesticidi #glifosato #Thailandia
GreenMe – La Thailandia vuole vietare l’uso dei pesticidi, ma gli USA non sono d’accordo

#insetti
Ansa – Gli insetti impollinavano i fiori già 100 milioni di anni fa

#economia #Bei
Reuters – European Investment Bank to cease funding fossil fuel projects by end-2021

#Stefano Cucchi
Il Post – Due carabinieri sono stati condannati a 12 anni di carcere per la morte di Stefano Cucchi

#dal mondo
Al Jazeera – Gaza ceasefire under pressure after renewed Israeli air attacks
Al Jazeera – ICC approves probe into Myanmar’s alleged crimes against Rohingya
Internazionale – A Tripoli mancano luce e acqua ma il governo progetta una metropolitana
Internazionale – L’esilio di Evo Morales lascia un paese e un continente divisi