Come trasformare la tua vita in un laboratorio di autoconsapevolezza

Ogni cambiamento passa prima attraverso lo sguardo interiore. Solo dopo aver guardato dentro noi stessi potremo contemplare il mondo con occhi diversi. Da dove iniziare? Dalla nostra quotidianità. Ecco alcuni suggerimenti per espandere la nostra consapevolezza.

fotos edt2

Forse abbiamo sperimentato anche il desiderio di cambiare partner (o capo, genitori, etc.), con la segreta speranza che alla fine i nostri problemi si sarebbero risolti. Tuttavia nel profondo intuiamo che cambiare “paesaggi” o volti non è la soluzione ai nostri conflitti. E arriva un momento in cui ci troviamo a dire: “Basta, la mia vita si è bloccata. Ho bisogno di cambiamenti “. E improvvisamente ci rendiamo conto che ogni cambiamento prima passa attraverso lo sguardo interiore per contemplare il nostro mondo con occhi diversi.

 

Per fare questo, a volte possiamo trovare utile ritirarci dallo scenario quotidiano per cercare spazi di silenzio e di cura di sé, coltivare l’ascolto interiore e la consapevolezza di sé, per poi tornare alla vita di tutti i giorni e seminare tutte le rinnovate intenzioni di trasformazione che abbiamo compreso durante il nostro ritiro.

fotos edt2

Nessun problema può essere risolto dallo stesso  livello di coscienza in cui è stato creato
-Albert Einstein-

 

E se potessimo trasformare la nostra vita quotidiana in un vero laboratorio di autocoscienza?

 

La proposta della Scuola di Sviluppo Transpersonale si basa su questo principio: inizia dove sei. Usa la tua quotidianità come “fertilizzante” per espandere la tua consapevolezza e per vivere ogni ostacolo come un’opportunità per essere sempre più sveglio.

 

Il ritiro dalla routine lavorativa che l’estate ci offre può essere un buon momento per iniziare a concretizzare nuove abitudini.

 

Ti proponiamo quindi sei aree in cui puoi iniziare a lavorare:

 

1. Riserva i primi 20 minuti della giornata per sederti con la schiena dritta, in quiete e  silenzio. Questa presenza cosciente ti permetterà di accordare la tua bussola interiore al tuo scopo più profondo. Le neuroscienze dimostrano come, dopo otto settimane di pratica di meditazione quotidiana, il cervello sperimenta una serie di cambiamenti che sono strettamente collegati a stati d’animo come la gioia, la compassione e l’entusiasmo, e dall’altra parte, con funzionalità quali il discernimento, la capacità di pianificare e mettere a fuoco la consapevolezza nel momento presente.

 

Se vuoi sentire la tua anima cantare, fai silenzio intorno a te
-Arturo Graf-

 

2. Prima di entrare nelle situazioni più di tensione o di apertura ed espansione della tua giornata, cerca di affinare la comprensione di come reagisci ad esse. Questa comprensione è un grande motore evolutivo. Prendendo coscienza delle nostre reazioni, riusciamo a disattivare gli automatismi. Questi automatismi sono le nostre risposte condizionate che, come criceti, ci tengono in una ruota di inconsapevolezza. Puoi chiedere a te stesso, ad esempio, “In questa situazione X, in cui di solito reagisco alterandomi o persino urlando, come potrei rispondere in modo più ottimale?”

 

La consapevolezza o il “realizzare” ciò che stiamo vivendo, l’”essere attenti”, rappresenta la capacità emergente che può consentire un cambiamento del cuore umano e, di conseguenza, un cambiamento di paradigma nel mondo. Allo stesso modo in cui tutti i fiumi raggiungono il mare, lo stesso accade con il nostro sguardo interiore: conduce sempre alla profondità della presenza.
-José María Doria-

 

fotos edt1

 

3. Auto-osserva le tue emozioni. A volte possiamo provare frustrazione, rabbia, tristezza, gioia… senza nemmeno sapere bene che nome dare a ciò che sentiamo. Cerca di essere come un “detective emozionale”: dai un nome internamente a ciò che senti. Nessuna emozione è buona o cattiva, sono tutte come messaggeri che contengono intuizioni preziose, se li prendiamo in considerazione. Si usa dire che nessuno ha il potere di farci sentire “giusti” o “sbagliati” se noi non lo permettiamo. In questo senso, un altro campo di indagine potrebbe essere quello di osservare fino a che punto dai agli altri la responsabilità della tua felicità o infelicità. Cosa succederebbe se pensassi che è qualcosa che dipende davvero solo da te? Come ti prenderesti allora cura del tuo “giardino interiore”, in modo che possa essere un posto più tranquillo e piacevole in cui vivere?

 

Se contempli con attenzione la freschezza e la bellezza di un fiore  scoprirai il fertilizzante e ti renderai conto dell’importanza del letame.
Il giardiniere sa come trasformare la spazzatura in fertilizzante e quindi far crescere il fiore.
-Thich Nhat Hanh-

 

4. “Tutto accade” o “anche questo passerà” sono motti che dovrebbero essere tenuti in considerazione e ricordati spesso, nei momenti più pesanti, difficili e critici della nostra vita. Quando qualcosa ci affligge tendiamo a rimuginarci sopra ossessivamente, sentendo che il dolore o l’angoscia che ci inonda non ha fine. Eppure, come recita il detto popolare, “non c’è male che duri cent’anni”. La capacità di relativizzare è qualcosa che forse comprendiamo e impariamo a mettere in pratica con l’età, quando ci rendiamo conto che, qualunque cosa accada, è relativa e passerà. Questa idea è conosciuta nell’antica saggezza come il “transitare nella nobile via di mezzo”.

 

Niente è cosa nostra. Tutto è transitorio.
La vita è presa in prestito
Il Mistero muove soli e pianeti,
Incoraggia le nostre cellule.
-José María Doria-

 

5. Cosa è per te un miracolo? È noto che il Nuovo non può venire dalla memoria ripetuta e che automaticamente irrompe nella nostra mente. La verità è che possiamo aprirci al miracolo, cioè al translogico, identificando ciò che per la nostra vita rappresenterebbe un miracolo. Per questo l’invito è a trovare il coraggio di esprimere, in modo preciso, ciò che sembra che non possiamo risolvere con la nostra mente logica e che, se risolto, costituirebbe per noi un vero miracolo. Nominando il nostro intimo miracolo, il miracolo personale, richiamiamo il Nuovo nella nostra vita.

 

Aspetta un miracolo
- Vicente Ferrer-

 

6.  Di tanto in tanto, concediti uno spazio per occuparti del tuo psicocorpo, della tua mente e del tuo cuore. Ritiri di silenzio, viaggi in compagnia di persone in armonia con la tua visione della vita, praticare qualche ora di meditazione condivisa in un gruppo, sono i periodici “fertilizzanti” con cui innaffiare l’anima. Prenditi cura del tuo giardino interiore, è così che sbocciano bellissimi fiori.

 

Per saperne di più clicca qui

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche