Io faccio così #62 – Cristiano Bottone e Transition Italia: perché la transizione può salvare le città in crisi

Cristiano Bottone, attuale referente del movimento Transition Town in Italia

 “Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avrete fatto, ma di quelle che non avrete fatto”. Con queste parole di Mark Twain ci accoglie il blog della prima città in transizione italiana in ordine cronologico, Monteveglio. Qui, in un comune della Valsamoggia in provincia di Bologna, il cambiamento è iniziato nel 2008 appena due anni dopo la fondazione della prima Transition Town al mondo, Totnes Town, città che sorge sulla punta Sud Ovest della Gran Bretagna.

 

Da questo primo esperimento sociale, brillantemente teorizzato da Rob Hopkins, teorico e fondatore del movimento, vengono gettate le basi in Italia. L’inizio non è stato facile perché molte teorie risentono della specifica realtà inglese, ma per definizione la transizione è un esperimento in costante evoluzione e con l’impegno della rete coinvolta si è arrivati a consolidare prima la realtà di Monteveglio, poi altre città dell’hinterland bolognese e infine a valicare i confini regionali raggiungendo il numero totale (per ora) di trentacinque città in transizione in tutto il paese, riunite nel “Nodo italiano della rete internazionale di Transizione“.

 

 

“La transizione dell’hinterland bolognese è ormai una realtà ben visibile e non più puntiforme” racconta con soddisfazione Cristiano Bottone, una delle prime guide del movimento che ha portato al cambiamento di Monteveglio (città in cui risiede) e attuale referente del movimento Transition Town in Italia. “Tanto è stato fatto dal meccanismo del buon esempio”, continua a spiegare, “alcuni sindaci che vedono il buon funzionamento delle iniziative organizzate si avvicinano alla transizione”. Molto è dipeso anche dalle caratteristiche culturali di questa regione, terra originaria delle cooperative, dove il concetto del “fare rete insieme” è radicato a tutti i livelli.

 

Monteveglio è la prima Transition Town italiana

Monteveglio è la prima Transition Town italiana

 

La voglia di agire per il meglio non basta, spesso le migliori intenzioni amministrative sono ostacolate dalle leggi di un paese fortemente burocratizzato, ma molte delle difficoltà incontrate sono state superate grazie ai tavoli di lavoro e confronto preparati dall’ANCI utili anche per aggirare questo tipo di ostacoli giudiziari. “I sindaci che aderiscono al progetto di transizione hanno capito che bisogna uscire dal gioco della politica competitiva”, chiarisce Cristiano, “io ho visto amministratori accapigliarsi sulle modalità di tassazione ma poi convergere sull’importanza indiscutibile della qualità dell’aria e dell’acqua“.

 

Dal presupposto di fondo del movimento di Transizione non si scappa insomma: il raggiungimento del Picco del petrolio e il surriscaldamento globale devono portare necessariamente al ripensamento dei modelli abitativi e produttivi tradizionali, riportando l’uomo e le sue esigenze all’interno di un sistema molto più ampio con cui deve interagire rispettando le regole dei processi che fanno funzionare l’intero ingranaggio. E la buona notizia è che tutto questo è convenuto e conviene ancora. La transizione di Monteveglio ha preceduto di pochissimo lo scoppio della crisi e andare nella direzione dell’autosufficienza energetica e produttiva ha aiutato molto l’amministrazione a fronteggiare la scure dei tagli governativi che si è abbattuta anche sui comuni più virtuosi.

 

Cristiano Bottone, attuale referente del movimento Transition Town in Italia

Cristiano Bottone, attuale referente del movimento Transition Town in Italia

 

Parlare di una comunità in transizione, ovviamente,  non significa che tutti sono coinvolti ma Cristiano Bottone e il gruppo Guida – le persone che cercano di traghettare i cittadini verso il cambiamento – sono stati facilitati dalla collaborazione con le amministrazioni locali. Cominciando dai due temi chiave per il territorio, il cibo e l’energia, hanno avviato la pratica dell’agricoltura degli orti sinergici e hanno aperto un gruppo di acquisto del fotovoltaico slegato dalla logica della redditività e degli incentivi statali. Il nuovo approccio ha ispirato gli amministratori per modificare il piano di edificazione del nuovo edificio scolastico che oltre ad essere dotato di pannelli fotovoltaici è anche scollegato dalla rete gas metano e quindi energeticamente autosufficiente.

 

E proprio sulla scuola il movimento Transition di Monteveglio ha continuato a puntare la propria attenzione, per piantare il seme dell’educazione ambientale, dell’importanza dell’autosufficienza energetica e dell’alimentazione sostenibile. Proprio da quest’ultimo elemento è nata una realtà associativa molto importante per il territorio, non solo di Monteveglio ma anche dei comuni limitrofi, l’”Associazione Streccapogn“, organizzazione che deve il suo nome al termine dialettale con cui si indica il radicchio selvatico, prodotto tipico di quest’area. La “Streccapogn” ha l’obiettivo di creare un rete rurale di contadini e utilizzatori sensibilizzati al concetto di agricoltura e distribuzione sostenibili, per produrre lavoro, per favorire lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile e per creare una rete sociale e umana intorno al proprio territorio.

 

 Transition-Town

 

Oltre ai numerosi risultati raggiunti nel corso degli anni, Cristiano Bottone annovera tra le sue maggiori soddisfazioni l’espansione territoriale dell’esperimento di transizione. “Da Biella, dove stanno nascendo numerose iniziative su un territorio in transizione sempre più consolidato, fino alla Transition Appio Latino di Roma, dove stanno germogliando iniziative e progetti nuovi”, chiosa Cristiano, “arriva forte il messaggio di una cittadinanza in movimento, verso il cambiamento.”

 

Le grafiche di “In Transition 2.0″ sono di Jennifer Johnson

 

 

Leggi anche:

 

“Io faccio così #46 – Rob Hopkins e la transizione verso un mondo sostenibile” 

 

“Ricreazione: sette giorni per un eco mondo”: la transizione inizia a scuola 

 

Visualizza la rete Transition Italia sulla Mappa dell’Italia che Cambia

 

Per saperne di più leggi:

 

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 

 

 

permacultura2Rob Hopkins
Manuale pratico della Transizione
Dalla dipendenza dal petrolio alla forza delle comunità locali

 

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche