La mappa dell'Italia che Cambia

Associazione culturale Gli Scarti

Associazione culturale Gli Scarti

L’associazione, fondata a La Spezia nel 2007, mescola differenti linguaggi artistici, trovando un comune approdo nella forma teatrale.
Oltre alle produzioni di spettacoli, definibili “d’innovazione”, Gli Scarti sono molto radicati sul territorio dal punto di vista sociale: collaborano stabilmente con i detenuti del carcere di La Spezia, con un progetto affiliato all’iniziativa nazionale “Per aspera ad astra”, con CasArsa Teatro, nel progetto “Teatro e disabilità”, e con la Compagnia Balletto Civile nel progetto “Fuori Luogo – percorsi teatrali nel presente”. Anche gli studenti delle scuole superiori subiscono il fascino dei laboratori teatrali degli Scarti e ogni anno formano “classi” di circa 50 ragazzi che portano poi in scena un lavoro finale.

La Compagnia, oltre a gestire il Teatro Impavidi di Sarzana e diversi spazi culturali nello spezzino e in Lunigiana, organizza anche una stagione di teatro contemporaneo all’interno della residenza artistica presso l’Auditorium Dialma Ruggiero della Spezia (Fuori Luogo – percorsi teatrali nel presente).

Ultimo aggiornamento del 30 Settembre 2020

Contatta la realtà

Indirizzo

Sito

Email

Facebook

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci