La mappa dell'Italia che Cambia

La cattiva strada

La cattiva strada

Il progetto La cattiva strada, prende il nome dalla raccomandazione ricevuta da parenti di alcuni abitanti, che ricordavano loro da piccoli di stare attenti a non prendere cattive abitudini, o scelte non convenzionali. La frazione di Erli in cui Carla Scenei ed il marito Nico De Bernardi si trasferiscono negli anni ‘80 è un luogo nato centinaia di anni fa come sosta per i viandanti che attraversavano l’antica via del sale, una strada emozionante che collega le Alpi piemontesi e quelle francesi al Mare Ligure. La vita che creano per loro e le loro figlie, che nel frattempo nascono, è una vita vissuta a stretto contatto con il mondo naturale e selvatico in cui sono immersi.

Con il passaparola di regione in regione, sin dall’inizio del loro riabitare il piccolo borgo, sono stati in molti a vivere, per periodi più o meno lunghi, ad Erli: musicisti, artisti, spettacolanti, persone nomadi, madonnari, giocolieri, fotografi, italiani, stranieri. Alcuni trovando il loro spazio si sono fermati, ristrutturando abitazioni e trasferendosi, arrivando a contare sino ad una trentina di abitanti.

Ultimo aggiornamento del 20 Maggio 2021

Articoli che parlano di questa realtà

La comunità di Erli: dove accoglienza e bellezza trovano casa #6
La comunità di Erli: dove accoglienza e bellezza trovano casa #6

Approfondisci

Contatta la realtà

Indirizzo

Email

Telefono

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci