La mappa dell'Italia che Cambia

Porto Burci

Porto Burci

Una scuola materna diventata fatiscente viene restaurata dal Comune con l’intento di creare un centro d’aggregazione giovanile ma il progetto non decolla e lo spazio rimane vuoto.
In parallelo dall’esperienza di Festambiente era nata una galassia di relazioni tra realtà vicentine che cercavano un luogo in cui mettere le basi.
Quando, nel 2017, il comune mette a bando la gestione dei circa 1.000 mq di scuola, il gruppo composto da Legambiente Vicenza, Arci Servizio Civile, Arci Ragazzi, Ass. Non Dalla Guerra, Gruppo teatrale Amanti e il circolo culturale Cosmos, comincia l’avventura della co-gestione dello spazio.
Porto Burci viene inaugurato nell’aprile 2018, paga un affitto simbolico e non riceve finanziamenti pubblici.
Le attività sono tantissime e ruotano tutte attorno alla pratica della cittadinanza attiva.
Lo spazio è interamente gestito da volontari, singoli cittadini che hanno preso a cuore il progetto e giovani volontari in servizio civile.
Lo spazio è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 23 e le attività che vengono organizzate all’interno rientrano nelle tre anime del progetto: formazione, ambiente e cultura.
Le iniziative che vengono organizzate hanno 3 origini: diretta da parte dei gestori; proposte di singoli o associazioni esterne; persone che vivono il centro e pensano una proposta in sinergia con lo spazio e la mission del luogo.
Sono nati così l’orto, la falegnameria, la sartoria, il laboratorio di ceramica, la scrittura creativa, il teatro ecc., cercando di costruire disegno comune.
Lo spazio sta iniziando a dialogare con il quartiere e tra le prime interazioni è stata creata una convenzione perché i ragazzi del liceo vicino, durante il periodo Covid, possano fare ricreazione nel giardino di Porto Burci.

Ultimo aggiornamento del 06 Novembre 2020

Contatta la realtà

Indirizzo

Sito

Email

Telefono

Facebook