Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
29 Ott 2012

Vuoi contribuire al Viaggio nell'Italia che cambia?

Scritto da: Daniel Tarozzi

Questo viaggio, come detto più volte, è un’esperienza straordinaria, ma ha anche un costo e nonostante qualche vano commento di […]

Questo viaggio, come detto più volte, è un’esperienza straordinaria, ma ha anche un costo e nonostante qualche vano commento di alcuni lettori del Fatto Quotidiano, non sono ricco, né possidente e sto facendo questa esperienza senza un budget dedicato. L’editore mi ha dato un anticipo, ma la benzina, il cibo, i tanti spostamenti, le telefonate, i costi per produrre e montare il video, le spese impreviste…  Insomma, i costi sono davvero notevoli! Ecco perché ho accettato la proposta di Starteed di lanciare una campagna di finanziamento del progetto che mi permetta non solo di coprire le spese del viaggio, ma anche di realizzare il video, organizzare un evento e curare al  meglio le relazioni che sto tessendo e che, se tutto va come spero, potranno diventare il nucleo di una grande rete permanente di esperienze di cambiamento. Con la cifra richiesta non coprirò tutto, ma di sicuro otterrò un aiuto notevole. Cliccate qui per saperne di più e per finanziare il progetto e se proprio non potete, aiutatemi (per favore!) a far girare la campagna sui vostri canali facebook, twitter, mail ecc. C
Un’altra cosa: non si tratta di donazioni a fondo perduto, bensì di coinvolgimento attivo nel progetto. Chi decide di partecipare, in cambio della cifra destinata al viaggio, diventa protagonista. Le modalità sono le più disparate, dalla presenza del proprio nome sul sito e sul video fino alla partecipazione al grande evento a porte chiuse che organizzeremo una volta finito il viaggio. Vi aspetto!
(ps il sistema di Starteed fa sì che i fondi da voi donati vengano erogati solo qualora la cifra richiesta venga raggiunta. Quindi se la campagna non funziona, voi non ci rimettete niente).
Vai al sito della campagna

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La rabbia afroamericana e Trump vs. Twitter – Io Non Mi Rassegno #148

|

E ora parliamo di educazione sessuale senza tabù

|

Tutti insieme per ripensare l’educazione: nasce Scuola Costituente!

|

Quali sinergie per un domani sostenibile? Una diretta resistente su ambiente e futuro!

|

Cittadini stranieri aprono le porte di casa e invitano i vicini a gustare le cene dal mondo

|

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3

|

I cinque studenti dell’isola di Alicudi e la resilienza delle piccole scuole

|

Il futuro di eventi e festival musicali? Ripartiamo dalla sostenibilità!