Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Nov 2012

Tra Udine e Trieste (e non sono scomparso!)

Scritto da: Daniel Tarozzi

Non scrivo da alcuni giorni, lo so. Gli incontri continuano incalzanti e sempre arricchenti, ma la stanchezza ogni tanto prende il sopravvento. Anche il Friuli Venezia Giulia si è rivelata una relatà complessa, sfaccettata e ricca di esperienze notevoli. Molti i legami con la Sardegna, nonostante le differenze geofrafiche. Finora sono stato in Carnia, a […]

Non scrivo da alcuni giorni, lo so. Gli incontri continuano incalzanti e sempre arricchenti, ma la stanchezza ogni tanto prende il sopravvento. Anche il Friuli Venezia Giulia si è rivelata una relatà complessa, sfaccettata e ricca di esperienze notevoli. Molti i legami con la Sardegna, nonostante le differenze geofrafiche.
Finora sono stato in Carnia, a Pontebba, ad Udine e provincia e ora mi sto spostando verso Trieste (con soste a Monfalcone e Turriaco). Ancora due giorni di incontri e poi mi fermo a rifiatare e avrò il tempo di raccontarvi quello che sto vivendo e gli incontri che sto facendo.
Nel frattempo Paolo, dopo due splendide settimane condivise è dovuto rientrare a Roma e da lunedì mi sta accompagnando Erica, un’amica fotografa ligure. E’ stimolante e arricchente anche questo: confrontarsi con sempre nuovi compagni di viaggio e vedere questi mondi con i loro occhi, cercando di uscire sempre più dagli stereotipi e dagli automatismi.

In questi giorni la campagna di finanziamento al viaggio è inoltre entrata nel vivo. Qui accanto trovate un banner da scaricare e inserire sui vostri siti. Se credete che questa esperienza meriti di essere portata a termine e di avere in seguito il giusto respiro, aiutatemi: “viaggiate con me!”

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.