11 Gen 2014

Sardegna, la grande sfida: un milione di alberi contro frane e alluvioni

Scritto da: Daniel Tarozzi

Nei miei viaggi nell’Italia che Cambia mi è capitato spesso di incontrare realtà sarde all’avanguardia e di poter verificare come questa meravigliosa e […]

Albero del PoetaNei miei viaggi nell’Italia che Cambia mi è capitato spesso di incontrare realtà sarde all’avanguardia e di poter verificare come questa meravigliosa e martoriata regione sia patria o ispirazione di molti precursori di quel cambiamento che in molti vorremmo vedere nel mondo. Oggi vi voglio brevemente segnalare la storia de “La grande sfida: un milione di semi e tantissimi alberi da piantare”. L’iniziativa è proposta dall’Associazione “L’uomo che pianta gli alberi, guidata – a discapito del nome – da una donna determinata e agguerrita: Anna Cadoni. Si legge nell’appello promosso dall’associazione: “Ora più che mai ilterritorio della Sardegna è devastato, prima con gli incendi ed ora con l’alluvione, non per fatalità, ma per colpa dell’ignoranza umana. La grande sfida è un grande progetto che si svolgerà in Sardegna, e in tutto il territorio italiano. Per poter vincere la sfida chiediamo a tutti di aderire, piantando alberi, interrando semi, preparando palline d’argilla, ognuno nel proprio territorio erealtà lavorative (scuole, associazioni, amministrazioni pubbliche); pertanto invitiamo  tutti coloro che vogliono aderire rinverdendo la nostra Terra, a prendere contatti con la nostra associazione, per avere chiarimenti, consigli ed essere inseriti in un registro, dove terremmo aggiornato il totale del numero delle piante, delle palline di argilla e dei semi interrati. Per le scuole che aderiranno al progetto l’associazione mette a disposizione argilla e semi”. […] Continua a leggere sul FattoQuotidiano.it

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Articoli simili
EERT: gli orologi in legno da cui nascono nuovi alberi
EERT: gli orologi in legno da cui nascono nuovi alberi

Piantare alberi al posto delle mine: così rinasce una terra tormentata
Piantare alberi al posto delle mine: così rinasce una terra tormentata

Un garante del verde per difendere gli alberi delle città italiane
Un garante del verde per difendere gli alberi delle città italiane

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani