25 Mar 2014

Matera

“Matera deriva da mater, madre, e non è un caso. Il fiume che divide la parte abitata oggi da quella […]

“Matera deriva da mater, madre, e non è un caso. Il fiume che divide la parte abitata oggi da quella ‘abbandonata’, infatti, crea una spaccatura che ricorda una vulva. Matera è una città che sta nella spaccatura della terra. Non è in alto, ma in basso. La madre, però, come insegnano gli indiani, ti dà la vita e la morte. Perché quando nasci devi morire. Questo si nota moltissimo qui: nessuno se ne vuole andare. Resta ‘acchiappato’, c’è qualcosa di viscerale, ancestrale. Per questo Matera è bellissima e mortifera” (Roberto Trani)

8582198677_172fd9c52c_h

Matera, 22 marzo 2013, da “Io faccio così” pag. 291

Articoli simili
Una legge per consentire ai cittadini di fermare la strage di alberi
Una legge per consentire ai cittadini di fermare la strage di alberi

EERT: gli orologi in legno da cui nascono nuovi alberi
EERT: gli orologi in legno da cui nascono nuovi alberi

A Torino nasce un bosco urbano dedicato alle donne artiste
A Torino nasce un bosco urbano dedicato alle donne artiste

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Che cos’è la deterrenza informatica? – Io Non Mi Rassegno #389

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce

|

Il silenzio assordante delle scuole di danza durante la pandemia

|

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

|

Uno studio svela quante persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici