25 Mar 2014

Matera

Basilicata - “Matera deriva da mater, madre, e non è un caso. Il fiume che divide la parte abitata oggi […]

Basilicata - “Matera deriva da mater, madre, e non è un caso. Il fiume che divide la parte abitata oggi da quella ‘abbandonata’, infatti, crea una spaccatura che ricorda una vulva. Matera è una città che sta nella spaccatura della terra. Non è in alto, ma in basso. La madre, però, come insegnano gli indiani, ti dà la vita e la morte. Perché quando nasci devi morire. Questo si nota moltissimo qui: nessuno se ne vuole andare. Resta ‘acchiappato’, c’è qualcosa di viscerale, ancestrale. Per questo Matera è bellissima e mortifera” (Roberto Trani)

8582198677_172fd9c52c_h

Matera, 22 marzo 2013, da “Io faccio così” pag. 291

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Hangar Piemonte e Italia che Cambia insieme per raccontare la trasformazione culturale
Hangar Piemonte e Italia che Cambia insieme per raccontare la trasformazione culturale

Archi di Pasqua di San Biagio Platani: lo scultore Salvatore Navarra racconta l’orgoglio della comunità
Archi di Pasqua di San Biagio Platani: lo scultore Salvatore Navarra racconta l’orgoglio della comunità

Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento
Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Myanmar, le responsabilità dell’occidente a due anni dal golpe – #663

|

“Mi sono trasferita in campagna per dedicarmi alla terra: qui il tempo passa in modo diverso”

|

Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova

|

Il messaggio di nonviolenza di Ghandi settantacinque anni dopo

|

Monte San Primo: i cittadini si mobilitano per salvare la montagna dal business del turismo

|

Capra Libera Tutti, il santuario che salva gli animali dal mattatoio e diffonde la cultura del rispetto

|

Il nuovo progetto discusso dello Ski Dome a Cesana: una pista da sci anche in estate?

|

Bici&Radici: fiori e biciclette per portare bellezza nella metropoli