21 Mag 2014

Io faccio così #29 – Stefania Rossini: “si può vivere in 5 con 5 euro al giorno”

Scritto da: Elena Risi

Un piccolo cambio di prospettiva può scatenare una rivoluzione. È quello che ha sperimentato Stefania quando si è ritrovata suo malgrado a fare la casalinga. Il suo nuovo stile di vita basato su auto produzione, mobilità sostenibile e capacità da tutto-fare, le hanno portato notorietà e più tempo per sé e la sua famiglia.

“Il cambiamento è tutto nella nostra testa, basta cambiare una piccolissima prospettiva e può avvenire una vera e propria rivoluzione intorno a noi”. Con queste parole Stefania Rossini ha spiegato la trasformazione che è avvenuta per caso nella sua vita, quando contrariamente alla sua volontà si è ritrovata da un giorno all’altro a fare la casalinga. All’inizio si sentiva fallita, una persona inutile agli occhi della società. “Ormai si è diffusa la convinzione che se non porti denaro a casa, se non ricopri un’attività per cui pagare le tasse – spiega – allora sei una persona inutile per la società”.

Stefania non si è appiattita su questo stereotipo, si è rimboccata le maniche e ha cominciato a studiare e imparare le nozioni necessarie per l’auto-produzione. Per mangiare coltiva il suo orto, per la casa prepara lei ogni tipo di sapone, crema o detergente. Non si tratta solo di risparmio, è soprattutto una filosofia di vita e una questione di salute: il dentifricio che si acquista normalmente al supermercato, per esempio, contiene ingredienti dannosissimi per la salute. Lei utilizza l’argilla in polvere, ai suoi figli piccoli non piace, e per questo ha insegnato loro a usare bene solo lo spazzolino.

E ancora. L’automobile la utilizza per accompagnare i bambini a scuola ma anziché fare quattro viaggi in macchina la prende una sola volta, la lascia lì davanti e torna con la sua bicicletta pieghevole che tiene nel portabagagli. All’uscita, torna pedalando e recupera i figli e l’automobile. Sono piccole accortezze che alla fine del mese pesano molto sul bilancio, lei ne guadagna in salute e riduce al minimo i danni per l’ambiente.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

rossini2

“Se fossi nata cento anni prima sarei stata considerata una persona normale”, scherza, invece fin da quando era bambina nel piccolo centro abitato in cui viveva è stato difficile affermare la propria identità e le sue idee senza essere additata come quella “strana”. Ma la sua forte personalità Stefania l’ha sempre portata con sé, da quando all’età di sei anni ha deciso di diventare vegetariana non sopportando di vedere sua nonna che tirava il collo alle galline del pollaio di famiglia.

Oggi Stefania è riuscita a superare il pregiudizio di tanti e per alcuni è diventata un modello da emulare. Il suo blog  è molto seguito e le sue capacità di tutto-fare l’hanno resa quasi una star. Un giorno, mentre guardava “L’Italia sul due”, contrariata dall’ennesimo cattivo esempio italiano rappresentato sul piccolo schermo, ha scritto alla redazione per lamentarsi, per far presente che c’è anche un’altra Italia, come quella del suo blog, che reagisce e si dà da fare. Quella mail ha suscitato interesse ed è stata invitata in trasmissione per spiegare la sua filosofia e il suo stile di vita. La sua fama è arrivata anche all’estero e sono venuti a intervistarla addirittura dal Giappone.

orto_rossini

Tutto è nato per caso, il blog, le apparizioni televisive e, in ultimo, ha coronato il suo sogno nel cassetto: una casa editrice l’ha chiamata per proporle di scrivere un libro, una sorta di diario in cui racchiudere tutte le nozioni necessarie per l’auto-produzione. È nato così “Vivere in 5 con 5 euro al giorno” , la prima delle sue pubblicazioni. “Non è un libro da leggere” commenta Stefania, “ma un libro da fare”, e aggiunge che non riesce proprio a capire chi afferma di non essere capace perché fino a qualche generazione fa, senza lauree né specializzazioni, era la normalità quotidiana. Le persone che leggono il suo blog intuiscono la passione e la dedizione con cui Stefania vive le sue scelte e confida: “io voglio dare un messaggio di speranza, per far capire che tutto è possibile se solo si ha davvero intenzione di cambiare”.

Ora Stefania ha tanto tempo per sé e per la sua famiglia, può crescere i suoi tre figli in modo sano e le piacerebbe che ci fossero le condizioni economiche tali per far ridurre l’orario di lavoro del marito. Se oggi si guarda indietro non ha ripensamenti, compierebbe le stesse scelte e non scambierebbe mai la sua nuova vita con quella passata.

Articoli simili
Siamo insieme. Una riflessione sul significato di lontananza e vicinanza
Siamo insieme. Una riflessione sul significato di lontananza e vicinanza

Per cambiare l'Italia ripartiamo dalla condivisione!

Io faccio così #122 – eQuommerce: nasce un modo nuovo di fare la spesa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’asse anti cinese di Joe Biden – #527

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”

|

Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo

|

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

|

Cosa sta succedendo al procuratore anti ‘ndrangheta Gratteri, in Calabria

|

Chiusa di Pesio: il Comune dove i muli si prendono cura del verde pubblico

|

Abitare insieme: dal buon vicinato alla comunità solidale, impariamo a vivere con altre persone