8 Lug 2014

“L'acqua non è una merce”: continua la lotta per il rispetto della volontà popolare

Scritto da: Matteo Marini

Si parla tanto di partecipazione, di restituire il potere al popolo. In questa ottica fu promosso – ormai tre anni […]

Rubinetto_543897373Si parla tanto di partecipazione, di restituire il potere al popolo. In questa ottica fu promosso – ormai tre anni fa – il referendum del 12 e 13 giugno con i tre quesiti su legittimo impedimento, nucleare e acqua pubblica. La risposta dei cittadini fu impressionante, con 26 milioni di italiani che si sono espressi a favore di un servizio idrico pubblico e partecipato, senza profitto dei privati. 

 

Suscita dunque ancora più stupore quando tale atto di democrazia viene disatteso dai “piani alti” delle istituzioni.

 

A Pianezza (comune alle porte di Torino), per esempio, più del 95% dei cittadini si pronunciò a favore dell’acqua pubblica e alla sua gestione senza scopo di lucro.

 

“Il 3 aprile 2014 – si legge in un volantino diffuso dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua e dal Movimento 5 Stelle locale – la maggioranza del Consiglio comunale di Pianezza ha ignorato la volontà popolare e tradito il voto referendario, approvando modifiche allo Statuto della nostra azienda dell’acqua SMAT spa che lasciano aperta la porta alla sua privatizzazione”.

 

«La delibera in questione – racconta Mario Perino, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle lì a Pianezza – è il risultato degli “indirizzi” del Consiglio provinciale di Torino, fondati sull’assunto che la trasformazione di una SPA in Azienda Speciale non era giuridicamente possibile. Assunto sonoramente smentito dalla recente sentenza della Corte dei Conti, che ha scritto testualmente:
“l’operazione di trasformazione eterogenea di una società di capitali che gestisce un servizio pubblico a rilevanza economica (nella specie, il servizio idrico) in azienda speciale consortile, è compatibile sia con le norme civilistiche, trattandosi di organismi entrambi dotati di patrimonio separato, a garanzia dei terzi e dei creditori, e sia con le disposizioni pubblicistiche, intese a ricondurre tali organismi ad un regime uniforme quanto al rispetto dei vincoli di finanza pubblica …” ».

 

Ciò che viene chiesto a questo punto è semplice e scontato allo stesso tempo: “Il nostro voto va rispettato. SMAT va trasformata in Azienda Speciale consortile di diritto pubblico, per applicare l’esito referendario e mettere SMAT al riparo dalla privatizzazione”.
Tale soluzione, si legge ancora nel volantino, è già stata adottata da: “20 Comuni della provincia di Torino (Avigliana, Airasca, Busano, Bussoleno, Chiomonte, Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone, Giaglione, Issiglio, Moncalieri, Montanaro, Nichelino, Quincinetto, Rivalta, San Didero, Torre Canavese, Venaus, Vidracco, Villar Dora, Villar Focchiardo)”.

 

Per non fermarsi alla semplice denuncia, è partita anche una raccolta firme: “Per la revoca della delibera del Consiglio comunale del 3 aprile 2014 e l’approvazione di una nuova delibera per la trasformazione di SMAT in Azienda speciale consortile di diritto pubblico”.

 

La campagna di raccolta è stata lanciata il 4 luglio scorso, durante una manifestazione alla quale hanno preso parte il consigliere comunale Mario Perino; Mariangela Rosolen del Comitato provinciale Acqua Pubblica Torino e l’onorevole Federica Daga, deputata del Movimento 5 Stelle.

 

 

 

Articoli simili
Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti
Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

Economia e finanza: ecco come renderle etiche e sostenibili – Un viaggio lungo dieci anni #3
Economia e finanza: ecco come renderle etiche e sostenibili – Un viaggio lungo dieci anni #3

Orditi Digitali: la tessitura ecosostenibile
Orditi Digitali: la tessitura ecosostenibile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale