14 Lug 2014

EcoFuturo: ad Alcatraz il Festival delle Ecotecnologie e dell’Autocostruzione

Scritto da: Matteo Marini

Incontrare il popolo che rende il nostro Paese un posto migliore. È questo lo spirito con cui dal 26 luglio […]

Incontrare il popolo che rende il nostro Paese un posto migliore. È questo lo spirito con cui dal 26 luglio al 2 agosto si svolgerà, presso la Libera Università di Alcatraz, EcoFuturo, Festival delle Ecotecnologie e dell’Autocostruzione. La manifestazione è stata pensata per “far conoscere le potenzialità delle tecnologie e dell’economia alternativa”.

 

ecofuturo-copertina-FB

 

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

 

“L’Italia, nonostante la crisi e il degrado – scrivono gli organizzatori sul sito ufficiale dell’evento  – resta all’avanguardia a livello mondiale nel settore dell’innovazione sostenibile. Ci sono molte realtà di ricerca e di produzione che stanno realizzando progetti straordinari: dalla casa costruita con una mega stampante 3D, a gruppi di progettazione condivisa, dalle plastiche prodotte dai batteri con scarti agricoli non commestibili, a sistemi per tagliare i consumi delle automobili”.

 

La cornice in cui prenderà vita questa otto giorni di incontri, è Alcatraz, un’associazione culturale fondata da Jacopo Fo  e affiliata ARCI con alloggi e ristorazione per soci che si trova in Località Santa Cristina, a 20 chilometri da Gubbio. All’interno della struttura esiste, dal 1982, la Libera Università di Alcatraz , un centro di formazione e produzione unico in Italia, dove negli anni si sono tenuti corsi di scrittura creativa (i primi organizzati in Italia); corsi di fumetto con Andrea Pazienza, Vincino, Vauro; corsi di Giornalismo e molto altro.

 

Tanti i partecipanti al Festival  che prevede un fitto calendario di incontri suddivisi in vari ambiti tematici: si va dalle “Ecotecnologie per la pace, i diritti umani e la cooperazione internazionale” all’ “Autocostruzione ed edilizia sostenibile”, passando per “Green Economy” ed “Ecotecnologie per il futuro”.

 

Tra i partner dell’evento il WWF; l’Associazione dei Comuni Virtuosi; Italia che cambia; Slow Food Umbria e Legambiente Umbria oltre a diverse associazioni locali.

 

“La qualità dei partecipanti e le novità che presenteremo sia sul piano delle tecnologie sia per le iniziative che verranno lanciate in vari settori, dai gruppi di acquisto ai sistemi di certificazione ecologica – scrive Jacopo Fo  – ci fanno sperare che da questo evento scaturirà un’ondata di rinnovamento spinta dal basso, da quel movimento poco visibile che è impegnato a costruire macchine e sistemi per un futuro migliore. Possiamo scardinare il vecchio sistema perché è superato e antieconomico oltre che ingiusto. E lo possiamo fare se ci mettiamo insieme a pensare e agire. Non vogliamo fare un partito ma vogliamo connetterci in rete”.

 

“L’idea di questo Festival – spiega  Michele Dotti, tra gli organizzatori del Festival EcoFuturo – nasce da una lettura precisa della nostra realtà che con Jacopo e gli altri promotori abbiamo condiviso. Siamo convinti che in Italia si trovino risorse straordinarie – e spesso sconosciute – nei vari ambiti dell’ecologismo: dalla ricerca all’impresa, dall’associazionismo alle esperienze amministrative, dall’impegno per i propri territori alla cooperazione internazionale.

 

In molti di questi ambiti possiamo vantare delle vere eccellenze, talvolta di livello mondiale, eppure -paradossalmente- l’ecologismo appare nel suo complesso molto debole, proprio poiché estremamente frammentato! Ciascuno cura il proprio orticello, manca una visione d’insieme che colga l’importanza di unire le forze e il risultato è che tutti sono in difficoltà e le potenzialità dell’insieme non sono mai espresse pienamente. Siamo convinti che riuscire a fare incontrare tutti questi mondi, farli comunicare fra loro, farli sognare, riflettere, giocare, cantare e sperimentare insieme per un’intera settimana, possa portare a nuove e preziose sinergie”.

 

L’Italia che Cambia aderisce al Festival e le redazione sarà presente con un banchetto per tutta la settimana. L’1 agosto alle ore 16 Daniel Tarozzi presenterà il nostro progetto.

 

Al Festival parteciperanno, tra gli altri: Marco Boschini, coordinatore dell’Associazione nazionale dei Comuni Virtuosi fin dalla sua fondazione, Cristiano Bottone (Transition Italia) e l’imprenditrice sarda Daniela Ducato, ideatrice e conduttrice delle imprese Edilana

 

Con 15 euro al giorno si avrà diritto di partecipare a tutte le conferenze, i laboratori e gli spettacoli, oltre alla tessera della Libera Università di Alcatraz. 10 euro al giorno, invece, il costo del biglietto per bambini da 6 a 13 anni. I bambini sotto i 6 anni non pagano. Per il listino degli alloggi e per i punti ristoro vi rimandiamo al sito del Festival. Per il primo giorno il programma prevede alle ore 18 una conferenza plenaria di benvenuto e presentazione del festival di Jacopo Fo e alle ore 21 e 30 il concerto di Luca Bassanese & La Piccola Orchestra Popolare.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'energia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Da Ecofuturo un messaggio di speranza concreta. Presentazione in Parlamento del Libro Bianco sulle ecotecnologie

EcoFuturo: Michele Dotti fa il punto sul festival

Fossili e rinnovabili: perché Trump mente sull'energia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

Creative Mornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini