22 Lug 2014

Troppi camion sulle autostrade? Fai Meno Strada!

“Molte persone pensano che i singoli non possano fare la differenza. Sbagliano! E l’esempio dei trasporti è perfetto. Un camion […]

“Molte persone pensano che i singoli non possano fare la differenza. Sbagliano! E l’esempio dei trasporti è perfetto. Un camion su due viaggia vuoto. So che è difficile, ma dobbiamo passare da una logica competitiva ad una logica cooperativa. Può sembrare un paradosso, ma oggi per essere competitivi bisogna cooperare! Le ditte di trasporti chiudono continuamente. Se noi cooperiamo diventiamo più competitivi verso il resto del mondo”

 

Gaetano La Legname, ideatore di Fai Meno Strada

Gaetano La Legname, ideatore di Fai Meno Strada


 

Gaetano La Legname, socio fondatore di Arcipelago SCEC, è l’ideatore di Fai Meno Strada, un sistema nato per eliminare le corse a vuoto dei camion facendo cooperare le aziende di trasporto ed efficientando quindi il trasporto di merci, dimezzando i costi e liberando le strade dal traffico.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

In pratica l’idea è quella di creare un sistema per il quale se ad esempio cinque aziende devono andare in una determinata città con i camion mezzi vuoti, si faccia un solo camion che porta le merci di tutti e che al ritorno porti merci di altri per non viaggiare a vuoto. Detto così suona semplice, ma nei suoi effetti potrebbe avere risultati rivoluzionari.

 

Per saperne di più leggi:
io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 

 

 

Vuoi cambiare la situazione
della mobilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“Pistaaa”, quando la bici e il Terzo Paradiso promuovono l’identità di un territorio

Finalmente anche a Torino arrivano le biciclette a flusso libero!

Meno smog e più sicurezza: bambini e bambine in tutta Europa chiedono strade scolastiche chiuse al traffico
Meno smog e più sicurezza: bambini e bambine in tutta Europa chiedono strade scolastiche chiuse al traffico

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Censura mediatica e repressione: la lobby del petrolio colpisce Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare