27 Mag 2015

Io faccio così #74 – Don Pierluigi Piazza e il Centro Balducci: dall'accoglienza agli immigrati ad una cultura dell'integrazione

Nell'intervista a Don Pierluigi Piazza si descrive il percorso e le motivazioni che hanno portato il Centro di accoglienza e di promozione culturale Ernesto Balducci, alle porte di Udine, ad essere uno dei riferimenti culturali più importanti della regione Friuli. Un luogo di integrazione e accoglienza ma soprattutto di costruzione di una dimensione culturale capace di modificare la realtà.

Accoglienza, spiritualità e cultura. Sono questi i valori fondamentali che animano il Centro di accoglienza e di promozione culturale Ernesto Balducci  ed il suo fondatore Don Pierluigi Piazza.

Situato alle porte di Udine, nel piccolo centro di Zugliano, il centro ha avviato la sua attività di accoglienza nel 1988, con l’arrivo di tre ghanesi e, da oltre 30 anni, ospita immigrati e persone in difficoltà. “E’ un centro di accoglienza per immigrati, ma anche un luogo per riflettere sulle grandi questioni della vita, che riguardano loro e noi insieme”, spiega Don Pierlugi, arrivato a Zugliano nel 1981.

“Quando sono arrivato qui – racconta – come prima cosa mi sono attivato per trovare i soldi per la ricostruzione di questo posto (una casa parrocchiale allora abbandonata, ndr), ma ad un patto: che fosse aperto a tutti. Ecco perché, da subito, ho voluto realizzare due case anziché una: una per me e una aperta ai bisognosi. A quel tempo non pensavo agli immigrati, anche perché qui non ce ne erano quasi. Con l’aumento dei flussi migratori la struttura è divenuta un vero e proprio centro di accoglienza, ispirato ai valori e alle idee di padre Ernesto Balducci”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Con il tempo e grazie all’importante contributo dei friulani, sono state ristrutturate altre due case ed una cascina ed è stato costruito un centro culturale che ospita una biblioteca, un centro congressi e molte altre iniziative culturali. “Quando organizziamo i nostri convegni, vengono centinaia di persone da tutta la regione, tanto che la nostra sala è diventata la più utilizzata del Friuli”. Il centro, peraltro, è diventato sede di molti incontri dell’associazione Libera, di Legambiente, dei movimenti per l’acqua pubblica.

La sala conferenze è circondata dalle case degli immigrati: ciò vuole simbolicamente ribadire la duplice funzione del Centro che se da un lato offre un tetto ai bisognosi, dall’altro vuole contribuire alla costruzione di una cultura dell’accoglienza e dell’integrazione. “Accoglienza vuol dire un’abitazione, la possibilità di vivere dignitosamente, di instaurare un rapporto con il territorio, opportunità di formazione e lavoro”.

188A

“Accogliere, e quindi dare risposte immediate a bisogni prioritari delle persone – continua Don Pierluigi – è importante ma non sufficiente per il Centro. La dimensione culturale è intrinseca. Io ho sempre pensato alla cultura in senso antropologico: approfondimento, elaborazione e proposta per ritornare poi alla realtà e modificarla. Credo in una cultura che modifichi le coscienze e il cuore, l’umanità ed il nostro Centro in questi anni si è proposto come un luogo che elabora una cultura di questo tipo”.

Come racconta Don Pierluigi, la sua più grande soddisfazione è quindi proprio quella di aver favorito la nascita e lo sviluppo di una rete di relazioni e aver fatto sì che il Centro Ernesto Balducci divenisse un luogo di incontro di molte persone, “tutte diverse ma animate dal proposito di rendere più umano questo mondo e questa società”.

Visualizza il Centro di accoglienza Ernesto Balducci sulla Mappa dell’Italia che Cambia! 

Articoli simili
Volontari che accolgono nella propria abitazione persone in difficoltà, ecco il servizio IESA

Io Faccio Così #107 – Rondine, il piccolo borgo dove si costruisce la pace

Archeologia, tiro con l’arco e inclusione sociale
Archeologia, tiro con l’arco e inclusione sociale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scuola, salute, green pass, crisi ambientale: ecco le soluzioni possibili

|

Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3

|

Oggi si celebrano le contadine, le donne che stanno rilanciando l’agricoltura

|

Da Giulia che pianta alberi a Rosa Maria, alfiera delle minoranze: arrivano i giovani changemakers

|

Ci trasferiamo in un paese del Sud Italia? Qualcosa sta avvenendo a Civita, in Calabria

|

Università in cammino: la scuola senza voti che torna alle origini dell’insegnamento

|

Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti