14 Mag 2015

Tutti al lavoro in bici: la campagna europea per la mobilità sostenibile

Scritto da: Matteo Marini

Mobilità sostenibile nella città dei tulipani. Ad Amsterdam (Olanda), più della metà degli spostamenti di ogni giorno avviene infatti tramite […]

Salva nei preferiti

Mobilità sostenibile nella città dei tulipani. Ad Amsterdam (Olanda), più della metà degli spostamenti di ogni giorno avviene infatti tramite l’utilizzo della bicicletta.Si stima che ogni olandese percorra in bici circa 1000 chilometri l’anno. Noi italiani ci fermiamo a 200. Fortunatamente nel nostro Stivale molte città si stanno attrezzando per recuperare questo gap.

 

bike-to-work

 

Rimini, per esempio, aderisce al progetto Bike2Work, finalizzato a spostare quote di mobilità dall’auto alla bicicletta, con un programma di cambiamento della visione collettiva di lavoratori pendolari (e aziende) verso gli spostamenti quotidiani in bicicletta. Il progetto si pone come traguardo iniziale quello di portare 1500 persone (come minimo) ad utilizzare, in un periodo a scelta all’interno del mese di maggio, la bici per recarsi al proprio posto di lavoro.

Bike2Work prevede anche la realizzazione di due campagne, a livello europeo, di sensibilizzazione e di promozione. La prima è in programma proprio per questo maggio 2015 e coinvolgerà 1 milione di cittadini dei 12 paesi aderenti all’iniziativa.

 

Punto focale, come si diceva, è la promozione nelle aziende, enti pubblici, centri commerciali dell’uso di questo modo diverso di muoversi per compiere il classico percorso casa-lavoro.

Spostarsi in bicicletta conviene a tutti: è più veloce, ecologico, costa meno e fa bene alla salute. 
Il progetto trae ispirazione da campagne che hanno già avuto modo di dimostrare la loro efficacia nel raggiungimento degli obiettivi prefissati, facendo prendere parte sia i lavoratori che le aziende in un ciclo virtuoso di mobilità alternativa.

A quando un progetto simile anche in una città come Roma?

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing

A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile
A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile

Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine
Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aurore boreali, Sar, che succede ai nostri cieli? – #937

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

|

Favola Industriale Blues: con l’arte si racconta cosa accade intorno al polo petrolchimico di Siracusa

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

string(9) "nazionale"