Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
14 Mag 2015

Tutti al lavoro in bici: la campagna europea per la mobilità sostenibile

Scritto da: Matteo Marini

Mobilità sostenibile nella città dei tulipani. Ad Amsterdam (Olanda), più della metà degli spostamenti di ogni giorno avviene infatti tramite […]

Mobilità sostenibile nella città dei tulipani. Ad Amsterdam (Olanda), più della metà degli spostamenti di ogni giorno avviene infatti tramite l’utilizzo della bicicletta.Si stima che ogni olandese percorra in bici circa 1000 chilometri l’anno. Noi italiani ci fermiamo a 200. Fortunatamente nel nostro Stivale molte città si stanno attrezzando per recuperare questo gap.

 

Vuoi cambiare la situazione
della mobilità in italia?

ATTIVATI

bike-to-work

 

Rimini, per esempio, aderisce al progetto Bike2Work, finalizzato a spostare quote di mobilità dall’auto alla bicicletta, con un programma di cambiamento della visione collettiva di lavoratori pendolari (e aziende) verso gli spostamenti quotidiani in bicicletta. Il progetto si pone come traguardo iniziale quello di portare 1500 persone (come minimo) ad utilizzare, in un periodo a scelta all’interno del mese di maggio, la bici per recarsi al proprio posto di lavoro.

Bike2Work prevede anche la realizzazione di due campagne, a livello europeo, di sensibilizzazione e di promozione. La prima è in programma proprio per questo maggio 2015 e coinvolgerà 1 milione di cittadini dei 12 paesi aderenti all’iniziativa.

 

Punto focale, come si diceva, è la promozione nelle aziende, enti pubblici, centri commerciali dell’uso di questo modo diverso di muoversi per compiere il classico percorso casa-lavoro.

Spostarsi in bicicletta conviene a tutti: è più veloce, ecologico, costa meno e fa bene alla salute. 
Il progetto trae ispirazione da campagne che hanno già avuto modo di dimostrare la loro efficacia nel raggiungimento degli obiettivi prefissati, facendo prendere parte sia i lavoratori che le aziende in un ciclo virtuoso di mobilità alternativa.

A quando un progetto simile anche in una città come Roma?

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si fa presto a dire “buone vacanze”! – Io Non Mi Rassegno #197

|

La parola “bellezza” è la sintesi perfetta del viaggio nella Sicilia che Cambia

|

Quo Vado? Un percorso per giovani alla ricerca della propria rotta nel mondo

|

“I parchi naturali possono salvarci dalla crisi ecologica ed economica”

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti