20 Lug 2015

Chi si rivede, il treno

Scritto da: Marco Fossi

E se fossero davvero finiti i tempi ruggenti delle auto? I mitici anni Sessanta, in cui la massima ambizione dell’italiano […]

E se fossero davvero finiti i tempi ruggenti delle auto? I mitici anni Sessanta, in cui la massima ambizione dell’italiano medio era comprare una automobile nuova fiammante? Il mito delle quattro ruote è così radicato nell’immaginario italiano che la “macchina” per eccellenza è proprio l’automobile.

 

7158779010_6291e913f2_z

Ma basta aspettare un po’ (per la precisione, circa mezzo secolo) e come un pendolo, i corsi e ricorsi storici ricorrono e rispunta il treno. La vittoria del binario arriva sulla lunga distanza e grazie a tecnologie avanzate: l’alta velocità ha convinto un mucchio di italiani (seppure… a caro prezzo) a lasciare l’auto a casa.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Nonostante le polemiche sulle linee ad alta velocità, quando entra in esercizio persino gli italiani più macchinofili la apprezzano: nella tratta Roma-Milano il 65% dei viaggiatori usa il treno (era il 36% nel 2008), l’aereo crolla dal 50% al 24% e l’auto diminuisce dal 14 all’11%.

 

Notoriamente, aerei e auto hanno un impatto sull’ambiente assai maggiore di quello dei treni. Quindi, per un volta, comodità e basso impatto ambientale vanno a braccetto. Per di più, non si può nemmeno dire che sia una scelta dettata dalla convenienza: i voli Roma-Milano costano, spesso, più del treno. A quanto pare, quando esiste un’alternativa di trasporto più comoda e razionale gli italiani la preferiscono.

 

Lo dimostra anche il calo delle auto a Milano: dopo limitazioni al traffico in centro (a pagamento), bike sharing anche elettrico, nuove metropolitane, ora arriva anche il moto-sharing che affianca il car sharing (300 mila milanesi iscritti), e le auto immatricolate sono scese negli ultimi anni di 50 mila unità. Sempre tante: ma, quando esistono alternative sensate, il macchinofilo italiano cede il passo al mezzo pubblico. Forse, invece di polemiche e contrapposizioni, la via della mobilità sostenibile è più semplice di quello che si pensi: basta avere i fondi per realizzarla… A qualunque velocità si vada.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
della mobilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Al via la campagna di Moversi per creare la community di condivisione dell’auto privata
Al via la campagna di Moversi per creare la community di condivisione dell’auto privata

Zone a basse emissioni: ecco come eliminare dalle città le auto e l’inquinamento che producono
Zone a basse emissioni: ecco come eliminare dalle città le auto e l’inquinamento che producono

Moversi, l’app per passare dal concetto di possesso dell’auto a quello di utilizzo
Moversi, l’app per passare dal concetto di possesso dell’auto a quello di utilizzo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi