6 Lug 2015

Crescono le foreste italiane

Scritto da: Marco Fossi

Prima di leggere il seguito di questo articolo rispondete alla seguente domanda: negli ultimi anni in Italia le foreste sono […]

Prima di leggere il seguito di questo articolo rispondete alla seguente domanda: negli ultimi anni in Italia le foreste sono aumentate o diminuite? Se uno pensa al progressivo consumo del territorio tra edilizia, strade e agricoltura (che consuma foreste seppur per coltivarci qualcos’altro), verrebbe da pensare che il verde della nostra bandiera italiana sia stato sostituito dal grigio dell’asfalto.

 

 

Trees

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Tuttavia, per rispondere a questa domanda non ci si può basare sulle impressioni. E chi è meglio del Corpo forestale dello Stato  per dare dati affidabili? In effetti, misurare una foresta non è un’attività cosi semplice. Per dirne una, nessuno si mette a contare gli alberi uno per uno. Già  definire cosa è una foresta può essere opinabile: dove si passa, che so, da un bel boschetto ad una vera foresta?

 

E infatti il Corpo forestale dello Stato prende in considerazioni tutte le versioni: boschi, arbusteti, boscaglie e cosi via. Non vogliamo qui addentrarci in un terreno da biologi, perché la sostanza è che le foreste italiane stanno crescendo dal 2005 al 2015: per la precisione, in 10 anni ci sono stati 600 mila ettari in più. Le “aree boscate” hanno raggiunto circa 10,9 milioni di ettari. Non un incremento impressionante, ma senz’altro un incremento, tra l’altro in tutte le regioni italiane, anche se al centro e al sud la salita è stata maggiore che al nord.

 

Per i curiosi, gli alberi nei boschi italiani sono circa 12 miliardi: noi siamo 60 milioni, vuol dire circa 200 alberi a testa. E circa un terzo del territorio nazionale coperto. Se vi sembra difficile, è perché boschi e foreste stanno… lontano dai centri abitati. Ma passate in un week end in quota sulle Alpi e vi farete un’opinione diversa. Certo, l’impegno per abbassare il consumo del territorio è ancora tanto. Ma intanto, è bene sapere che gli amici alberi sono sempre di più.

 

Una buona notizia, e non solo per gli amanti dei pic nic nei boschi.

 

 

Articoli simili
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione
Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione

SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani
SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi