14 Set 2015

Cambiare vita e tornare alla terra: le mele biologiche di Daniele Franchetti

Scritto da: Marco Fossi

La storia di Daniele Franchetti ci insegna una cosa: cambiare vita e tornare alle origini può essere un’avventura emozionante. A […]

La storia di Daniele Franchetti ci insegna una cosa: cambiare vita e tornare alle origini può essere un’avventura emozionante. A Ponte in Valtellina, in provincia di Sondrio, il nonno di Daniele iniziò negli anni 50 a coltivare mele. La generazione successiva, nel 2004, proseguì nella tradizione di famiglia. Quanto toccò il turno del nipote Daniele, oggi 30 enne, sembrava che l’attività dovesse interrompersi, perché Daniele si interessò al disegno meccanico in carpenteria.

 

daniele franchetti


Ma la voce degli avi tornò presto a farsi sentire. Daniele un paio di anni fa butta alle ortiche riga e compasso e si dedica ad un piccolo podere, due ettari mezzo, che stava andando in rovina. Decide di ripartire da zero e di cambiare vita: mele sì, come da tradizione di famiglia, ma biologiche. Da tre anni ha iniziato a convertire la piccola produzione di famiglia, ha ottenuto la certificazione biologica e ha trascinato con sé il fratello minore Massimo.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

 

Usano la lotta biologica senza farmaci antiparassitari, e applicano il principio della “difesa biologica”, che usa solo antagonista naturali dei parassiti. Il primo raccolto tutto biologico arriva proprio in questo periodo e i due ettari e mezzo originali si sono espansi arrivando, in affitto, a otto e mezzo, con una produzione anche di kiwi e patate.  Chi avesse la curiosità di provarle, può visitare il sito .

 

Un buon modo di incoraggiare due giovani agricoltori a proseguire sulla loro strada… E magari un esempio da imitare per tanti giovani che cercano qualcosa da fare. Ci sono tanti campi che vengono abbandonati, fatevi sotto!

 

Visualizza l’azienda agricola Franchetti sulla Mappa dell’Italia che Cambia! 

 

Articoli simili
Lascia il call center e viaggia tra ecovillaggi e fattorie

Cambiare vita è possibile. Basta guardarsi negli occhi

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna
Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare