Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
14 Set 2015

Cambiare vita e tornare alla terra: le mele biologiche di Daniele Franchetti

Scritto da: Marco Fossi

La storia di Daniele Franchetti ci insegna una cosa: cambiare vita e tornare alle origini può essere un’avventura emozionante. A […]

La storia di Daniele Franchetti ci insegna una cosa: cambiare vita e tornare alle origini può essere un’avventura emozionante. A Ponte in Valtellina, in provincia di Sondrio, il nonno di Daniele iniziò negli anni 50 a coltivare mele. La generazione successiva, nel 2004, proseguì nella tradizione di famiglia. Quanto toccò il turno del nipote Daniele, oggi 30 enne, sembrava che l’attività dovesse interrompersi, perché Daniele si interessò al disegno meccanico in carpenteria.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

daniele franchetti


Ma la voce degli avi tornò presto a farsi sentire. Daniele un paio di anni fa butta alle ortiche riga e compasso e si dedica ad un piccolo podere, due ettari mezzo, che stava andando in rovina. Decide di ripartire da zero e di cambiare vita: mele sì, come da tradizione di famiglia, ma biologiche. Da tre anni ha iniziato a convertire la piccola produzione di famiglia, ha ottenuto la certificazione biologica e ha trascinato con sé il fratello minore Massimo.

 

Usano la lotta biologica senza farmaci antiparassitari, e applicano il principio della “difesa biologica”, che usa solo antagonista naturali dei parassiti. Il primo raccolto tutto biologico arriva proprio in questo periodo e i due ettari e mezzo originali si sono espansi arrivando, in affitto, a otto e mezzo, con una produzione anche di kiwi e patate.  Chi avesse la curiosità di provarle, può visitare il sito .

 

Un buon modo di incoraggiare due giovani agricoltori a proseguire sulla loro strada… E magari un esempio da imitare per tanti giovani che cercano qualcosa da fare. Ci sono tanti campi che vengono abbandonati, fatevi sotto!

 

Visualizza l’azienda agricola Franchetti sulla Mappa dell’Italia che Cambia! 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Ue vuole tassare di più le multinazionali? – Io Non Mi Rassegno #318

|

Segui i nostri aggiornamenti quotidiani dal camper di Italia Che Cambia!

|

“Abbiamo comprato una casa e la destineremo a dei rifugiati”

|

L’ENPA contro le Province Autonome: “Basta abbattere i lupi”

|

Outdoor education: le sfide e le conquiste dell’educazione in natura

|

Piero Manzotti: “Questa crisi sia un’opportunità per trasformare l’economia”

|

Non bastano le proroghe, serve uno stop definitivo alle trivelle

|

NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura