22 Set 2015

In viaggio verso il punto di partenza!

Scritto da: Daniel Tarozzi

Quando puoi andare ovunque, quando ogni angolo di Paese si palesa nel suo splendore... Quale scegliere? Secondo quale criterio? E se fosse proprio quel primo luogo, quello in cui muovevo i miei primi passi, quello che da bambino immaginavo trasformarsi in un moderno ecovillaggio/ecovicinato/agriturismo o chissà (non sapevo nulla di questi mondi e per me, nella più sfrenata fantasia, sarebbe diventato semplicemente la "Fattoria Casa Mia"), se fosse proprio il mio angolo di mondo fatato da cui il camper ha preso il volo, il luogo che tanto ho cercato?

tavoloIl 9 settembre 2012 partivo da Alto (provincia di Cuneo ma ad un passso dal mar ligure) con il mio camper per il mio primo viaggio nell’Italia che Cambia.

 

Era un viaggio di ricerca professionale, un viaggio mosso da forti ideali, ma anche un viaggio personale alla ricerca del “mio luogo”, quello in cui vivere, in cui gettare le basi per il mio futuro.

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Tre anni dopo mi ritrovo ad Alto (provincia di Cuneo ma ad un passo dal mar ligure)… e mi appresto ad iniziare un nuovo grande viaggio. Quello verso il mio punto di partenza! E’ qui, infatti, che dopo tanto peregrinare ho deciso di gettare quelle famose basi.

 

La Sardegna mi ha stregato, la Puglia mi ha conquistato, la Calabria, la Toscana, l’Umbria… Napoli, Torino, Verona mi sono rimaste nel cuore… E allora… quando puoi andare ovunque, quando ogni angolo di Paese si palesa nel suo splendore… Quale scegliere? Secondo quale criterio?

 

E se fosse proprio quel primo luogo, quello in cui muovevo i miei primi passi, quello che da bambino immaginavo trasformarsi in un moderno ecovillaggio/ecovicinato/agriturismo o chissà (non sapevo nulla di questi mondi e per me, nella più sfrenata fantasia, sarebbe diventato semplicemente la “Fattoria Casa Mia”), se fosse proprio il mio angolo di mondo fatato da cui il camper ha preso il volo, il luogo che tanto ho cercato?

 

E così, dopo quasi 38 anni di attesa, dopo tre anni di viaggio, dopo centinaia di incontri, di luoghi, di sogni, è qui che sto piantando i semi del mio futuro, è qui che sto insinuando le mie radici. Radici forti, profonde, che già sento espandersi a dismisura.

 

Ora toccano il mare, sfiorano le vette delle Alpi, si inerpicano in su, su, su, fino alla Sicilia, alla mia altra casa madre, Lipari, passando per Roma, Milano, Catania, incontrando le Marche, il Molise, il Friuli.

 

Ragazzi, ragazze, io l’ho vista tutta questa nostra Pazza Penisola. E’ dannatamente bella. Se mi metto a pensare, a scegliere, a valutare, non mi fermerò mai. E invece ho un desiderio viscerale di fermarmi per poter finalmente ripartire.

 

Sono qui, il camper è appena fuori dal cancello, e io mi sento completo come poche volte in vita mia.

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia
Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

Il Treno dei Bimbi: il villaggio dove le carrozze dismesse riprendono vita e creano ospitalità
Il Treno dei Bimbi: il villaggio dove le carrozze dismesse riprendono vita e creano ospitalità

Sororitè Bike Ride: 2000 chilometri in bicicletta per osare, rischiare e sensibilizzare
Sororitè Bike Ride: 2000 chilometri in bicicletta per osare, rischiare e sensibilizzare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi