12 Apr 2016

#viaggiareispirati 11: I giovani tornano alla terra

Scritto da: Destinazione Umana

In questa puntata della rubrica curata da Destinazione Umana andiamo a conoscere alcuni giovani che hanno lasciato la città per aprire attività in campagna. Non per moda nè per convenienza, ma perché desiderosi di abbracciare uno stile di vita consapevole, sostenibile e a contatto con la natura.

Si parla tanto di quando i giovani tornano alla terra, grazie a incentivi all’imprenditoria agricola giovanile e iniziative per avvicinare i ragazzi alla campagna. Spesso queste idee funzionano e il mondo rurale sta diventando sempre più appetibile per i nostri giovani, ormai consapevoli e stanchi della frenesia consumista tipicamente cittadina. E allora, dopo averne parlato tanto, andiamo a conoscere questi “contadini in erba”!

 

azienda_agricola_calì

In questa undicesima puntata di #viaggiareispirati vogliamo presentarvi alcune strutture della rete di Destinazione Umana fondate e condotte da ragazzi. Non figli di contadini, nati e cresciuti in campagna, fra campi e animali. Ma cittadini che hanno pian piano, con grande maturità, acquisito la consapevolezza che le nostre radici sono fuori dai centri urbani e hanno voluto mettersi in gioco – anche dal punto di vista imprenditoriale – avviando le loro attività “verdi”.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

 

 

Elisabetta e Samuele lo ammettono chiaramente: vengono da una grande città – Firenze – e quando hanno aperto la loro attività, l’agriturismo La Fontaccia, non avevano alcuna esperienza agricola. Ma il valore aggiunto era quello del proverbiale entusiasmo giovanile, di ragazzi che ancora frequentavano l’università, unito all’intraprendenza e alle piccole innovazioni sostenibili con cui hanno accompagnato la loro esperienza rurale.

 

la-Fontaccia

 

Danno molto spazio allo studio e alla conoscenza, offrendo agli ospiti una piccola biblioteca sulla storia contadina e del territorio, in cui si può fare anche bookcrossing. Nel realizzare la loro struttura sono stati attenti non solo all’impatto ambientale – hanno installato impianti fotovoltaici e di solare termico, recupero delle acque reflue, due termocamini –, ma anche a quello sociale: gli arredi, per esempio, sono tutti realizzati con materiali di recupero da persone in difficoltà assistite dalla Cooperativa Sociale Altremani.

 

 

Ci spostiamo in Puglia, dove troviamo Stefania e Silverio, due giovani con una storia simile. Anche loro infatti, compiuto il loro percorso di studi, hanno deciso di tornare alla terra, aprendo l’Azienda Agricola Naturale Calì. Oltre a voler dare corpo alla loro vocazione però, i due ragazzi hanno pensato di portare in giro questa proposta di vita, cercando di coinvolgere anche altri giovani.

 

 

Parallelamente all’attività agricola infatti – si autoproducono ortaggi, olio, vino –, hanno avviato una serie di iniziative rivolte ai ragazzi delle scuole, dai laboratori esperienziali del Saper Fare, in cui insegnano la panificazione con lievito madre e grani antichi e la molitura e degustazione dell’olio, al progetto #TuttiGiuNellOrto, studiato per avvicinare i bimbi più piccoli al mondo agricolo.

 

fattoria_lara

 

Infine, vi portiamo in Umbria a conoscere dei “veterani” fra i giovani italiani che hanno riscoperto il mondo rurale. Diversi anni fa infatti, Marta, Micheal, Matteo e Jacopo hanno avviato il progetto Il filo di Paglia, ispirato all’opera del filosofo e naturalista giapponese Masanobu Fukuoka. Come sottolineano loro stessi, la loro esperienza non è di un semplice ritorno alla terra, ma di studio, di sperimentazione, di ricerca dell’armonia con l’ambiente naturale.

 

 

Ovviamente tutte le attività agricole sono portate avanti senza ricorrere all’impiego di prodotti chimici, nella maniera più naturale possibile. Ma sono anche accompagnate da una riflessione interiore, dallo studio del territorio e del suo ecosistema, dalla condivisione delle esperienze e dal confronto finalizzato alla crescita.

 

 

Articoli simili
Maledetta Zappa: la storia di Cecilia e Filippo, dal cinema alla campagna
Maledetta Zappa: la storia di Cecilia e Filippo, dal cinema alla campagna

La storia di Adele, che è tornata in Calabria per fare l’artigiana e vivere la sua terra
La storia di Adele, che è tornata in Calabria per fare l’artigiana e vivere la sua terra

Elisa Toniolo racconta a I(n)spira-Azioni la sua nuova vita da agricoltrice – #7
Elisa Toniolo racconta a I(n)spira-Azioni la sua nuova vita da agricoltrice – #7

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne