11 Nov 2016

Emilia Romagna, energia rinnovabile per 200 enti pubblici

Scritto da: Elena Risi

Si è concluso il primo eco-bando regionale realizzato in Italia dall'Emilia Romagna per la fornitura di energia elettrica a circa 200 enti pubblici, che nel 2017 potranno alimentarsi con energia rinnovabile e a prezzi inferiori

Stop al petrolio, la Regione Emilia Romagna preferisce le fonti rinnovabili. Nel 2017 oltre 200 enti pubblici emiliano-romagnoli potranno utilizzare energia elettrica di produzione eolica, solare, idraulica, geotermica e da biomassa.

 

Grazie a un bando della Intercent-ER – centrale di acquisto della Regione Emilia Romagna – gli enti che aderiscono alla Convenzione Quadro da essa stipulata, l’anno prossimo potranno rifornirsi solo ed esclusivamente di energia proveniente da fonti rinnovabili. Si tratterà di scuole, università, comuni, unione di comuni e aziende sanitarie del territorio al 100% green.

shutterstock_165069068-752x501

 

Il bando ha un valore di 32,8 milioni di euro e permetterà agli enti che aderiscono di risparmiare notevolmente rispetto ai costi sostenuti fino ad oggi per una riduzione della spesa pari a circa 6 milioni di euro. Le aziende sanitarie del territorio, tradizionalmente minacciate dalla scure nazionale dei tagli alla spesa, potranno risparmiare ben 3,1 milioni di euro: una cifra importante per un settore chiave come la salute pubblica.

 

Ma quello economico non è l’unico vantaggio, anzi, il beneficio ambientale sarà forse ancora più notevole. È stato infatti calcolato che grazie a questa soluzione, verranno prodotte 284 mila tonnellate di CO2 in meno e il consumo di combustibile verrà diminuito per una quantità pari a 930 mila barili di petrolio. Per tradurlo in numeri più comprensibili alla nostra esperienza quotidiana, sarà come ripulire l’aria da un inquinamento prodotto da 57 mila automobili in dodici mesi.

 

L’iniziativa dell’Emilia Romagna è pioniera a livello nazionale e la Intercent-ER si è aggiudicata una menzione speciale per il miglior bando verde 2016 del Forum Compraverde-Buygreen.
La regione è stata quindi la prima in assoluto a promuovere un bando di questo tipo, ma cosa succederebbe se tutte le altre la seguissero a ruota?

Industires-Renewable1

 

Intanto ognuno di noi può scegliere di usare soltanto energia pulita. In che modo? Cambiando, in modo veloce e a costo zero, il proprio contratto di fornitura. Con questa semplice azione riduciamo quasi a zero le nostre emissioni derivanti dall’uso dell’energia elettrica in casa o in azienda e contribuiamo a modificare il mercato dell’energia elettrica spostando la produzione verso le tecnologie rinnovabili e a basso impatto ambientale.

 

 

Per cambiare la tua energia e passare alle rinnovabili clicca qui 

 

 

Articoli simili
Energia: ecco le risposte etiche e sostenibili alla crisi – Un viaggio lungo dieci anni #6
Energia: ecco le risposte etiche e sostenibili alla crisi – Un viaggio lungo dieci anni #6

Ecco la mappatura del fotovoltaico: i sindaci si uniscono per la transizione energetica
Ecco la mappatura del fotovoltaico: i sindaci si uniscono per la transizione energetica

A rischio il progetto dell’impianto geotermico in Val di Paglia
A rischio il progetto dell’impianto geotermico in Val di Paglia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Rimonta Bolsonaro, sarà testa a testa con Lula al ballottaggio – #591

|

Da Albenga a Capo Nord in bici: ecco il viaggio di Emanuele Mei

|

We Africans United, il progetto di giovani narratori che vogliono ribaltare l’immaginario sull’Africa

|

Sognitudo, in Puglia avanza il cambiamento all’insegna di sostenibilità e consapevolezza

|

Marika, Andrea e il campera4zampe: “Vivere in camper si può, anche con sei animali”

|

Mediblei, la prima cooperativa di comunità per scoprire l’area iblea

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia