22 Dic 2016

Andrea De Carlo: il cambiamento tra romanzi e realtà – Meme #1

Scritto da: Daniel Tarozzi

In occasione del Natale la redazione di Italia che Cambia ha pensato di fare un regalo alle sue lettrici e ai suoi lettori! Un nuovo spazio, Meme!, all'interno del quale confrontarsi con le grandi menti dei nostri tempi su pensieri, filosofie, visioni, sogni, utopie, progetti, strategie, speranze. Per diffondere e rendere replicabile una vera "ri-evoluzione" culturale! Tutto comincia con un Meme! E noi siamo felici di inaugurare questo spazio ospitando l'intervista che abbiamo realizzato lo scorso ottobre con Andrea De Carlo.

Volevo intervistare Andrea De Carlo fin dal 1998, quando lessi Due di Due e scoprii un’incredibile affinità tra i temi e le vicende raccontate nel noto romanzo e quelle che mi apprestavo a vivere. Il cambiamento, la ricerca di un’identità, il rifiuto di una società che ci opprime, l’eterno conflitto tra la voglia di partire e quella di mettere radici, una spiccata sensibilità ambientale, un disgusto per la mercificazione operata dai mass media. Questi sono solo alcuni dei temi che mi restarono impressi in quei giorni e quelle notti di lettura appassionata. Da allora ho letto tutti i romanzi di De Carlo e ogni volta sono rimasto stupito dalla sua capacità di sorprendermi, emozionarmi, farmi sognare ed interrogare e contemporaneamente dalla straordinaria similitudine tra le vicende narrate nelle sue opere e quelle delle persone che ogni giorno incontro e incontriamo con Italia che Cambia.

 

Il Cambiamento, con la C maiuscola, quindi, mi è parso uno straordinario filo conduttore tra il lavoro di fantasia di De Carlo e il nostro giornalistico ed è stato quindi con grande piacere che lo scorso ottobre ho finalmente potuto intervistarlo ad Alassio (Sv), negli spazi della biblioteca comunale che ospitava la presentazione del suo ultimo romanzo, L’imperfetta Meraviglia.

 

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Abbiamo discusso di molti temi: amore, decrescita, selvaticità, media, cambiamento. In un prossimo articolo vi proporremo la nostra chiacchierata relativa ai suoi romanzi. Oggi invece ci concentriamo sul suo pensiero più generale e sui temi, i meme oserei dire, che contraddistinguono il suo e il nostro lavoro.
IMG_4819 

Buona visione!

 

Intervista e riprese: Daniel Tarozzi

Montaggio: Paolo Cignini e Daniel Tarozzi

Grazie alla contributo di: Chiara Gnocchi

Sigla: “L’Italia che cambia siamo noi” di Stefano Fucili

 

Articoli simili
Arriva il rigeneratore urbano: ecco l’identikit della figura che cambierà le nostre città
Arriva il rigeneratore urbano: ecco l’identikit della figura che cambierà le nostre città

Arriva la Festa dei 1000 Agenti del Cambiamento!

“Io faccio così”: alla scoperta dell'Italia che Cambia (e che è già cambiata)!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini