Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Mag 2017

“Goodbye things”, dire addio alle cose per trovare la felicità

Scritto da: Elena Risi

“Dire addio alle cose non è solo un modo per fare pulizia, ma un esercizio per imparare a riconoscere la felicità”. Ne è convinto Fumio Sasaki, ex accumulatore seriale di cose e autore del libro “Goodbye things” in cui racconta la sua svolta.

Rinunciare alle proprie cose per ritrovare il piacere di vivere e assaporare la felicità. In Gran Bretagna è da poco uscito “Goodbye things” (Addio cose), un libro autobiografico di Fumio Sasaki, un giovane di Tokyo che in seguito al trasloco in una casa più piccola ha colto l’occasione per liberarsi dei tanti oggetti che non riteneva più necessari. Trentacinque anni, single, classe sociale medio-bassa, può essere considerato appieno un uomo rappresentativo dei nostri tempi.

 

Liberarsi degli oggetti per lui è stata una svolta, un modo per capire cosa lo rendesse davvero felice, risparmiando soldi e tempo. Niente più shopping compulsivo nel fine settimana, niente più frustrazioni e invidia nei confronti di chi può permettersi di più. Oggi il suo appartamento è quasi vuoto, possiede solo un futon per dormire e l’armadio per riporre i suoi vestiti. Ma solo qualche indumento, tre camicie e dei pantaloni con colori neutri per abbinarli facilmente, e poco altro.

29d0a4c1fbf2371da600896eeb5319597fe6601d

“Siamo portati a pensare che più cose abbiamo più siamo felici – scrive Sasaki nel suo libro – Non possiamo sapere cosa ci riserva il futuro e per questo accumuliamo cose il più possibile […] e iniziamo a giudicare le persone in base a quanti soldi hanno. […] Io ho deciso di dire addio a quasi tutte le mie cose, molte delle quali possedute per anni. E solo adesso riesco a vivere la vita con uno spirito felice. Sono più contento adesso di quanto non lo sia mai stato in passato”.

 

Fumio Sasaki non è sempre stato il minimalista che è ora, anzi prima era un accumulatore seriale di cose. Ma l’addio al consumismo lo ha reso davvero sereno. Perché “dire addio alle cose non è solo un modo per fare pulizia”, scrive ancora nel suo libro, “ma un esercizio per imparare a riconoscere la felicità”.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il mondo nel guado della transizione energetica – Io Non Mi Rassegno #174

|

Le erbe spontanee: una ricchezza da riscoprire e tutelare

|

Nel borgo di montagna arriva una “scuola ispirazionale” per combattere lo spopolamento

|

Con Junker app i rifiuti si riconoscono (anche) grazie all’intelligenza artificiale

|

Può esistere una lobby buona?

|

Integrazione e solidarietà nel cuore di Ballarò

|

The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova

|

Buone riunioni: possono fare la differenza!