Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Giu 2017

Abitare collaborativo, una mappatura nazionale dei progetti

Scritto da: Redazione

Si terrà il 23 e 24 giugno a Milano la terza edizione di ExperimentDays, la fiera dell’abitare collaborativo. Nel corso dell’evento sarà presentata la mappatura su scala nazionale dei nuovi modi di abitare la città.

“La mappatura dell’abitare collaborativo, che abbiamo effettuato su base nazionale e che presenteremo nei giorni della fiera, ci permetterà di definire con chiarezza il fenomeno e soprattutto di tracciarne una direzione futura”. Così commenta Liat Rogel, co-fondatrice di HousingLab, organizzatore italiano di ExperimentDays, la fiera dell’abitare collaborativo che si terrà i prossimi 23 e 24 giugno, presso lo spazio Stecca 3.0 (via Castillia 23, Milano). “Si tratta di rilevamenti che hanno sorpreso anche noi. Sia per la tipologia dell’abitare collaborativo, sia per le motivazioni che spingono le persone a fare questa scelta”.

abitare-collaborativo
Sarà la mappatura dell’abitare collaborativo quindi il filo conduttore della terza edizione di ExperimentDays (www.experimentdays-milano.it, #xdaysmi17), la fiera-evento che, alla sua terza edizione, chiama a raccolta progetti e iniziative che esplorano i nuovi modi di abitare la città. ExperimentDays si conferma essere una moderna agorà, dove presentare idee e best practice per lo sviluppo di abitazioni e servizi per la condivisione, lo scambio e la collaborazione.

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

ATTIVATI

 

Organizzato da HousingLab, laboratorio di ricerca, sperimentazione e sviluppo nel settore dell’abitare sostenibile, ExperimentDays è la prima fiera in Italia dedicata al tema dell’abitare collaborativo.

 

Gli espositori iscritti alla fiera finora sono dieci e operano nei più diversificati campi delle imprese e delle attività domestiche. Camminando tra gli stand si avrà un quadro completo di cosa sia oggi l’abitare collaborativo: dalla progettazione partecipata e l’accompagnamento al progetto proposti da CoHousingLabeConsilium, alle iniziative in corso quali il cohousing Uno e Sette, passando dalle imprese di costruzione cooperativa come Rivitabitare. Si potranno conoscere poi i casi di gestione e consulenza per un abitare sostenibile, come il caso di Condominio 7 Stelle, e dei servizi condivisi come la lavanderia condominiale diElectrolux, o il Wi-Fi di condominio di Elsynet Group. Saranno presentati inoltre i servizi che offrono nel quartiere uno spazio condiviso, per esempio Qking: il ristorante condiviso e MioCugino, il laboratorio di co-design. Per finire, non mancheranno con i servizi di baby sitting e badante condominiali offerti da Spazio Aperto Servizi.

 

Parallelamente alla fiera, è stato definito un ricco calendario di incontri e approfondimenti delle tematiche dell’abitare collaborativo, con il coinvolgimento di espositori, esperti di vari settori e promotori di abitazioni collaborative nel panorama italiano.

18300981_1193809684061635_7038319443929195195_n

Un’altra grande novità dell’edizione 2017 di ExperimentDays è “La giornata PRO”, che si terrà di Venerdì 23 giugno, dedicata a laboratori specifici su temi quali: Investire in relazioni e La cassetta degli attrezzi per comunità di abitanti. I laboratori sono organizzati da “ZUP the recipe for change”. I posti per i laboratori sono limitati e a pagamento. 35 Euro Per i soci HousingLab e 55 Euro per i non soci. Per prenotare cliccare qui.

 

“A meno di un mese dalla fiera – conclude Rogel – possiamo già dire che l’abitare collaborativo è ormai una parte importante della filiera della sharing economy. Se in passato ponevamo l’accento sul fenomeno come preso a prestito da altri Paesi europei, oggi è importante sottolineare quanto anche la sharing economy abbia un suo tratto di made in Italy”.

Dalle 17:00 di venerdì 23 e per tutto sabato 24 ingresso libero e gratuito! È possibile registrarsi prima della fiera a questo link per saltare la coda all’ingresso.

 

 

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.