13 Giu 2017

Viaggio tra gli eremiti d’Italia #10 – Una vita di preghiera e studi

Ecco un estratto dell'incontro con Frédéric, eremita e monaco francese conosciuto da Alessandro Seidita e Joshua Wahlen in Calabria, durante il loro viaggio tra gli ultimi eremiti d'Italia.

Frédéric è un eremita e monaco francese. Dopo aver conseguito la laurea a Parigi e terminati gli studi teologici a Bruxelles, rinuncia ad una cattedra da docente per tornare a vivere in Calabria. Da oltre 15 anni custodisce l’Eremo di Sant’Ilarione, un antico complesso monastico abbandonato nel dopoguerra e che, armato di pazienza, ha restaurato e reso nuovamente agibile.

 

L’Eremo sorge su uno sperone di roccia lambito da un’ansa del fiume Allàro, in un ambiente naturale particolarmente suggestivo circondato da alture e dalla presenza di alcune cascate. Qui Frédéric conduce una vita di preghiera e studi, suona la cetra, traduce testi filosofici ed accoglie fedeli e pellegrini.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

 

Le storie degli eremiti incontrati durante questo viaggio, i conflitti e la vocazione di chi ha scelto di vivere in solitudine saranno raccontati nel documentario “Voci dal Silenzio”, che cercherà di sviluppare un discorso corale sull’esperienza ascetica. Per partecipare al progetto clicca qui.

 

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Il messaggio degli eremiti italiani all’umanità in isolamento e alle generazioni future
Il messaggio degli eremiti italiani all’umanità in isolamento e alle generazioni future

Lasciare il lavoro per un sogno: il Sud America zaino in spalla
Lasciare il lavoro per un sogno: il Sud America zaino in spalla

Un mese speciale di Voci dal Silenzio, l’opera sugli eremiti d’Italia
Un mese speciale di Voci dal Silenzio, l’opera sugli eremiti d’Italia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’incidente nucleare cinese, i missili su Gaza, il vertice Putin-Biden – Io Non Mi Rassegno 390

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce