29 Gen 2018

I dentisti italiani che lavorano per cambiare il mondo

Scritto da: Simona Valesi

Dalle cure odontoiatriche alla costruzione di scuole, case, pozzi, attività produttive e imprenditoriali. Nata grazie all’impegno del dentista milanese Pino La Corte, Smom è oggi un’associazione che opera in tutto il mondo nell’ambito dello sviluppo della salute orale e della promozione del progresso sociale e culturale delle aree più povere.

Salva nei preferiti

Lombardia - Fare il dentista è sempre stata una professione ambita e, sapere che ci sono paesi in cui di mal di denti si può morire, lo fa diventare non solo un buon mestiere e un servizio sociale utile ma a buon diritto un fatto eroico.

 

Pino La Corte, dentista milanese che non ha mai perso la sua prima vocazione di assistente sociale, inizia nel 1994 a prestare cure odontoiatriche in Kenya e a passare le sue vacanze estive in Mozambico facendo il dentista. Dopo aver incontrato altri colleghi che si adopravano per le stesse finalità e scopi, decide di unire la sua esperienza professionale con la sua anima filantropica e nel 2004 fonda SMOM – associazione per la Solidarietà Medico Odontoiatra nel Mondo, che opera in quattro continenti creando progetti di sviluppo della salute orale ed evolvendosi in progetti di progresso sociale e di cooperazione allo sviluppo.

Pino La Corte ed i suoi colleghi

Pino La Corte ed i suoi colleghi


“I miei colleghi professionisti hanno messo a disposizione quello che sapevano e potevano fare”, racconta Pino. “Noi davamo aiuto a chi lo chiedeva, ma quando ci siamo associati e organizzati abbiamo capito che aiutare una persona è un atto caritatevole ma non è un progetto di sviluppo”.

 

E se l’associazione si è fatta conoscere nei primi anni di attività per i suoi programmi odontoiatrici, oggi si fregia di aver costruito scuole, case, pozzi, attività produttive e imprenditoriali capaci di ridurre la migrazione e guidare il rientro di migrati. Ha cambiato la sanità in paesi come Uganda e Burundi. Passa dalle prestazioni mediche a ministeri e università per fondare in Uganda la prima scuola di odontotecnici e aprire un corso universitario per dental therapist in Burundi, formando personale che sappia fare terapie conservative e di protesi con un kit contenuto in una valigetta facilmente trasportabile.

burkina 2009 Presentazione Pino

Di fronte alla negazione dei diritti più basici, il dottor La Corte e i suoi volontari capiscono che per contribuire allo sviluppo della persona sul piano culturale e sociale non è sufficiente operare sulla salute con l’apertura di ambulatori odontoiatrici presso gli ospedali e si sentono di intervenire insegnando loro a leggere e scrivere e impostando delle attività produttive che mirino all’indipendenza economica della popolazione. Oggi, sono i maggiori produttori di conserva di pomodoro in Burkina Faso e i più grandi esportatori di sapone al burro di karité. È un modello testato e ripetibile, e SMOM mette a disposizione la sua struttura per chiunque voglia realizzare proposte di attività di cooperazione e sviluppo.

 

Pino continua a crederci e volge uno sguardo anche a casa: “Vorrei fare la stessa cosa in Sicilia. L’olio rancido va bene per fare il sapone e volevo creare un progetto per insegnare a fare saponette e monetizzare il tempo dei giovani disoccupati”. Il pragmatismo illuminato di La Corte è inarrestabile, e se pensi che non ci sia niente da fare, allora SMOM!

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Con Prodor alla scoperta del mondo dei fermenti vegani
Con Prodor alla scoperta del mondo dei fermenti vegani

Consapevolezza sull’autismo: è necessario un cambiamento radicale
Consapevolezza sull’autismo: è necessario un cambiamento radicale

Salute e autosufficienza, i corsi all’insegna della consapevolezza e dell’equilibrio
Salute e autosufficienza, i corsi all’insegna della consapevolezza e dell’equilibrio

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

|

A Chioggia c’è un albergo sociale gestito da persone fragili

|

Festa del libro, a Zafferana Etnea scuole e collettività insieme per promuovere la lettura

|

Navi da crociera: ecco cosa è emerso dall’inchiesta sul loro impatto

|

Come si fa una comunità energetica (per davvero): ne parliamo con Gianluca Ruggieri – Meme! #47

|

Kento, il rapper militante che usa l’hip hop per “far uscire” i giovani dal carcere

|

Alex Zanotelli: “Disobbedienza civile per difendere la legge 185 sull’export di armi”

|

Alice Pomiato, alias aliceful: “La partecipazione sociale è la cosa più sostenibile che ci sia”

string(9) "nazionale"