Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Lug 2018

Questa fame di cammino sociale

Viaggiare a piedi in un'altra Italia, alla scoperta delle realtà virtuose del nostro Paese, attraversando luoghi ad alto valore civile, conoscendo comunità in cambiamento e sperimentando nuovi stili di vita. In risposta al crescente interesse verso il cammino sociale, si moltiplicano le proposte di esperienze di viaggio alternative e più autentiche.

Da ormai qualche anno sta prendendo piede in Italia una nuova idea di cammino. È un’idea che non nasce dalla teoria, ma dai piedi, dai passi e soprattutto dagli incontri. Molte persone, a volte interi gruppi e movimenti, si dedicano a camminare in luoghi anche non turistici, per incontrare a passo lento le realtà virtuose che abitano determinati territori. È un camminare che riscopre e sogna una realtà diversa dal soffocante racconto mediatico, un’Italia dei borghi e delle comunità, delle avventure sociali e culturali che come “lucine” presidiano territori spesso abbandonati e spopolati.

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

ATTIVATI

È un camminare che scommette sul ricucire una realtà individualista, frammentaria e rassegnata, non tanto con grandi discorsi quanto con i corpi e le menti. Ed è infine un camminare che nasce dal desiderio di chi, fuori dalle metropoli, va in cerca di altri stili di vita possibili. Questo modo antico e nuovo ha come risultato di incoraggiare (moralmente ma anche economicamente) le persone che una scelta diversa l’hanno compiuta, ma spesso arrancano in territori dove far ripartire economie circolari e sostenibili non è affatto scontato.

cammino-sociale

Per tratteggiare le caratteristiche del “camminare sociale” e dei movimenti che lo hanno sviluppato, mi sono rivolto ad alcuni significativi personaggi che ho avuto modo di conoscere. Primo fra tutti il camminatore e fotografo Riccardo Carnovalini, che ha condotto alcuni dei più intriganti percorsi a piedi e reportage in 40 anni di attività (CamminAmare, CamminaItalia, GeMiTo, Appia Antica…). L’ultima avventura, PassParTout, è stata un cammino di 9 mesi per l’Italia in cui chiedeva ad ogni persona ospitante di trovargli l’ospitalità del giorno dopo. Un patrimonio inedito e imprevedibile di incontri vissuto e raccontato insieme ad Anna Rastello, camminatrice molto attenta al tema delle disabilità e dell’inclusione, promotrice di cammini sociali urbani di 24 ore e del Cammino di Marcella.

 

Dal 2011 si è lentamente coagulato Repubblica Nomade, un movimento unico nel suo genere, promotore di cammini dal forte impatto civile, in Italia e in Europa. I suoi ispiratori, lo scrittore Antonio Moresco e la redazione de Il Primo Amore, insieme a decine di volontari da tutto il Paese, hanno contribuito molto a sintetizzare i principi di una nuova, profetica funzione del “camminare” come atto politico, sovversivo e prefigurante nuovi orizzonti di specie. Tra le imprese più significative l’esordio Milano-Napoli sulla via Francigena e il cammino Stella d’Italia per convergere su L’Aquila, “da terremotati a terremotanti”. Ma anche inediti itinerari in Sicilia e in Sardegna, pionieri di una socialità tutta da scoprire.

hiking-2540189_960_720

Altro gruppo di riferimento è la Compagnia dei Cammini animata da Luca Gianotti, una trentina di guide che di professione organizzano 140 viaggi a piedi ogni anno, dai più conosciuti ai più sperimentali, puntando sull’educare il viandante a una reciprocità col territorio che lo accoglie, e creando occasioni di incontro con chi vive la memoria e l’essenza dei luoghi. Da questa esperienza è nato di recente il Cammino dei Briganti sull’appennino tra Lazio e Abruzzo, modello esemplare di trekking sociale che risuscita un’area rurale data per morente. Di proposte in Italia e all’estero è esperto parimenti il tour operator Walden – Viaggi a Piedi animato tra gli altri da Alessandro Vergari, autore dei “social trekking” urbani svolti ormai in diverse città italiane, e di un libro che ne condensa i principi.

 

Allo sviluppo tecnologico e istituzionale degli itinerari di cammino in Italia ha dato poi forte impulso e competenza le realtà del Movimento Lento  e di ItinerAria / SloWays  fondate da Alberto Conte, uno dei fautori del rilancio della Via Francigena italiana. Alberto si è dedicato negli anni alla creazione di percorsi integrati, stabili e attrezzati, riadattando le nuove tecnologie al servizio dei camminatori e di una migliore accessibilità dei territori di transito.

Compagni-di-cammino-01

Oltre a questi “iniziatori” fioriscono numerose altre realtà, associazioni, gruppi, siti nati negli anni e di recente sempre più valorizzati da una crescita della domanda di esperienze alternative, più autentiche, più vissute. Il camminare sociale riesce oggi a sintetizzare meglio di tante parole quel trend magari poco visibile ma diffuso e pregnante che descrive realmente una Italia in cambiamento. Chi esce dalla sua vita ordinaria per mettersi in cammino manifesta un desiderio di “altro”, un bisogno di essenziale, una insofferenza civile e spirituale. Chi entra nel mondo dei sentieri, delle campagne, dei borghi, delle fattorie ospitali, delle comunità attive, si espone alla contaminazione e incoraggia una rete sociale che il cambiamento lo sta già applicando, non lo limita alla retorica intellettuale.

 

Questo avviene camminando sui nostri appennini, sulle vie francigene, sui cammini di Francesco e dei vari santi, nelle terre del Sud e delle isole con i loro entroterra ignorati, negli itinerari coast to coast, nei gran tour alpini. Ma avviene in particolare se il semplice camminare viene arricchito della dimensione sociale, ossia dell’intenzione (a volte spontanea, a volte guidata) di incontrare quelle realtà virtuose, quelle memorie vive, quelle esperienze “altre” che costellano un’altra Italia, e confermano che si può cambiare, si può cercare, si può Vivere.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Natale col Covid – Io Non Mi Rassegno #266

|

LaCasaRotta: da cascina abbandonata ad ecovillaggio diffuso dove ritornare a essere comunità – Io faccio così #309

|

Boscopiano: un gruppo di giovani realizza il sogno di far rivivere la propria valle

|

Pace, inclusione e solidarietà: l’impegno di Melagrana per la tutela dei diritti umani

|

The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza

|

Undici proposte per salvare i nuovi centri culturali a rischio chiusura