17 Lug 2018

Questa fame di cammino sociale

Viaggiare a piedi in un'altra Italia, alla scoperta delle realtà virtuose del nostro Paese, attraversando luoghi ad alto valore civile, conoscendo comunità in cambiamento e sperimentando nuovi stili di vita. In risposta al crescente interesse verso il cammino sociale, si moltiplicano le proposte di esperienze di viaggio alternative e più autentiche.

Da ormai qualche anno sta prendendo piede in Italia una nuova idea di cammino. È un’idea che non nasce dalla teoria, ma dai piedi, dai passi e soprattutto dagli incontri. Molte persone, a volte interi gruppi e movimenti, si dedicano a camminare in luoghi anche non turistici, per incontrare a passo lento le realtà virtuose che abitano determinati territori. È un camminare che riscopre e sogna una realtà diversa dal soffocante racconto mediatico, un’Italia dei borghi e delle comunità, delle avventure sociali e culturali che come “lucine” presidiano territori spesso abbandonati e spopolati.

 

È un camminare che scommette sul ricucire una realtà individualista, frammentaria e rassegnata, non tanto con grandi discorsi quanto con i corpi e le menti. Ed è infine un camminare che nasce dal desiderio di chi, fuori dalle metropoli, va in cerca di altri stili di vita possibili. Questo modo antico e nuovo ha come risultato di incoraggiare (moralmente ma anche economicamente) le persone che una scelta diversa l’hanno compiuta, ma spesso arrancano in territori dove far ripartire economie circolari e sostenibili non è affatto scontato.

cammino-sociale

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Per tratteggiare le caratteristiche del “camminare sociale” e dei movimenti che lo hanno sviluppato, mi sono rivolto ad alcuni significativi personaggi che ho avuto modo di conoscere. Primo fra tutti il camminatore e fotografo Riccardo Carnovalini, che ha condotto alcuni dei più intriganti percorsi a piedi e reportage in 40 anni di attività (CamminAmare, CamminaItalia, GeMiTo, Appia Antica…). L’ultima avventura, PassParTout, è stata un cammino di 9 mesi per l’Italia in cui chiedeva ad ogni persona ospitante di trovargli l’ospitalità del giorno dopo. Un patrimonio inedito e imprevedibile di incontri vissuto e raccontato insieme ad Anna Rastello, camminatrice molto attenta al tema delle disabilità e dell’inclusione, promotrice di cammini sociali urbani di 24 ore e del Cammino di Marcella.

 

Dal 2011 si è lentamente coagulato Repubblica Nomade, un movimento unico nel suo genere, promotore di cammini dal forte impatto civile, in Italia e in Europa. I suoi ispiratori, lo scrittore Antonio Moresco e la redazione de Il Primo Amore, insieme a decine di volontari da tutto il Paese, hanno contribuito molto a sintetizzare i principi di una nuova, profetica funzione del “camminare” come atto politico, sovversivo e prefigurante nuovi orizzonti di specie. Tra le imprese più significative l’esordio Milano-Napoli sulla via Francigena e il cammino Stella d’Italia per convergere su L’Aquila, “da terremotati a terremotanti”. Ma anche inediti itinerari in Sicilia e in Sardegna, pionieri di una socialità tutta da scoprire.

hiking-2540189_960_720

Altro gruppo di riferimento è la Compagnia dei Cammini animata da Luca Gianotti, una trentina di guide che di professione organizzano 140 viaggi a piedi ogni anno, dai più conosciuti ai più sperimentali, puntando sull’educare il viandante a una reciprocità col territorio che lo accoglie, e creando occasioni di incontro con chi vive la memoria e l’essenza dei luoghi. Da questa esperienza è nato di recente il Cammino dei Briganti sull’appennino tra Lazio e Abruzzo, modello esemplare di trekking sociale che risuscita un’area rurale data per morente. Di proposte in Italia e all’estero è esperto parimenti il tour operator Walden – Viaggi a Piedi animato tra gli altri da Alessandro Vergari, autore dei “social trekking” urbani svolti ormai in diverse città italiane, e di un libro che ne condensa i principi.

 

Allo sviluppo tecnologico e istituzionale degli itinerari di cammino in Italia ha dato poi forte impulso e competenza le realtà del Movimento Lento  e di ItinerAria / SloWays  fondate da Alberto Conte, uno dei fautori del rilancio della Via Francigena italiana. Alberto si è dedicato negli anni alla creazione di percorsi integrati, stabili e attrezzati, riadattando le nuove tecnologie al servizio dei camminatori e di una migliore accessibilità dei territori di transito.

Compagni-di-cammino-01

Oltre a questi “iniziatori” fioriscono numerose altre realtà, associazioni, gruppi, siti nati negli anni e di recente sempre più valorizzati da una crescita della domanda di esperienze alternative, più autentiche, più vissute. Il camminare sociale riesce oggi a sintetizzare meglio di tante parole quel trend magari poco visibile ma diffuso e pregnante che descrive realmente una Italia in cambiamento. Chi esce dalla sua vita ordinaria per mettersi in cammino manifesta un desiderio di “altro”, un bisogno di essenziale, una insofferenza civile e spirituale. Chi entra nel mondo dei sentieri, delle campagne, dei borghi, delle fattorie ospitali, delle comunità attive, si espone alla contaminazione e incoraggia una rete sociale che il cambiamento lo sta già applicando, non lo limita alla retorica intellettuale.

 

Questo avviene camminando sui nostri appennini, sulle vie francigene, sui cammini di Francesco e dei vari santi, nelle terre del Sud e delle isole con i loro entroterra ignorati, negli itinerari coast to coast, nei gran tour alpini. Ma avviene in particolare se il semplice camminare viene arricchito della dimensione sociale, ossia dell’intenzione (a volte spontanea, a volte guidata) di incontrare quelle realtà virtuose, quelle memorie vive, quelle esperienze “altre” che costellano un’altra Italia, e confermano che si può cambiare, si può cercare, si può Vivere.

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5