Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
27 Ago 2018

Nasce un'app per prevenire i danni di alluvioni e terremoti

Segnalare situazioni di rischio idrogeologico per prevenire o ridurre le conseguenze disastrose dovute ai disastri naturali, in allarmante crescita nel nostro Paese. Nasce da questa esigenza BretMaps, una app per dispositivi mobili ideata da una giovane studentessa di Rieti, una delle zone più colpite dal devastante terremoto dell’agosto 2016.

Il nuovo rapporto presentato da ISPRA di alcuni giorni fa, descrive un’Italia ancora più vulnerabile rispetto ai dati del 2015. Il 91% dei comuni italiani si trova in zona a rischio idrogeologico. Nel 2015, l’anno della precedente rilevazione, la percentuale di Comuni a rischio era dell’88%. Ulteriore dato preoccupante è che la superficie potenzialmente soggetta a frane è maggiore del 2,9% rispetto al 2015 e quella potenzialmente allagabile è del 4%. Considerando solo le aree classificate con il livello più alto di pericolosità per frane e alluvioni la percentuale nazionale è del 16,6%, pari a 50.000 chilometri quadrati.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'ambiente in italia?

ATTIVATI

Il tasso di disastri in Italia è cresciuto del 350% negli ultimi 20 anni (Corriere della Sera, 2008). In particolare sono allarmanti le cifre illustrate da Cineas (consorzio nazionale per le ingegnerie delle assicurazioni): “Dal 1944 al 2012, lo Stato italiano ha speso una media di 3,5 miliardi di euro all’anno per i danni da calamità naturale (considerando complessivamente terremoti ed eventi alluvionali). Tra il 2010 e il 2012, la spesa media è stata di 7,1 miliardi di euro all’anno, la spesa per i fenomeni calamitosi di tipo idrogeologico è cresciuta del 190% (fonte: The natural catastrophe protection gap in Italy”.

terremoti-

All’interno di questo scenario molto preoccupante nasce a Milano, a settembre del 2017, BretMaps, una app per dispositivi mobili per segnalare situazioni di pericolo idrogeologico. Si tratta di una startup innovativa a vocazione sociale, grazie all’interesse e agli studi realizzati da Gaia Guadagnoli, 26 anni, originaria di Rieti e laureata in politiche per la cooperazione internazionale allo sviluppo, con tesi in economia dello sviluppo.

 

Bretmaps nasce all’interno delle mura universitarie sulla spinta di una necessità reale di dare una risposta a un problema che l’ha riguardata anche direttamente, visto che Gaia è originaria delle zone colpite dal terremoto nell’agosto del 2016. Una terribile esperienza che, unita al suo percorso di studi, ha sollecitato una riflessione profonda sul modo di gestire le emergenze, in particolare per quanto riguarda la condivisione delle informazioni, la gestione delle squadre di supporto, la comunicazione e la partecipazione diretta dei cittadini.

 

La comunicazione in emergenza assume una rilevanza fondamentale che necessita, però di essere affrontata nel nostro Paese, in modo organico e funzionale e in cui le tecnologie a nostra disposizione, possono avere un ruolo fondamentale nel fare la differenza, anche tra la vita e la morte.

-terremoto

L’obiettivo di BretMaps è quello di rendere più efficiente la risposta d’emergenza attraverso lo sviluppo di una piattaforma che funge da vero e proprio gestionale delle emergenze, permettendo di razionalizzare gli sforzi in termine di risorse umane e materiali e di coinvolgere direttamente i cittadini nella segnalazione di eventi in essere e nella ricezione di notizie e istruzioni, direttamente dalle istituzioni e dei comportamenti preventivi da adottare. Gli interventi saranno più mirati ed efficaci, anche grazie a mappe satellitari aggiornate che verranno messe a disposizione in caso di disastro.

 

I soggetti istituzionali e non, coinvolti nel progetto sono in primo luogo i Comuni, la Protezione Civile e tutte le associazioni di volontariato. Hanno mostrato particolare interesse al progetto anche le compagnie assicurative, le cui polizze dedicate ai disastri naturali sono decuplicate negli ultimi anni.

 

Attualmente si sta diffondendo il progetto in diversi territori, colpiti da problematiche diverse, e l’obiettivo più a lungo termine è sicuramente quello di rendere questa piattaforma lo strumento principale per la gestione delle squadre di soccorso, che troppo spesso risentono della mancanza di una sistematica organizzazione degli interventi, con conseguenti sprechi in termini di tempo, denaro, risorse umane e materiali.

terremoto

Il beneficio delle Amministrazioni Pubbliche e dei cittadini
Ogni territorio è diverso ed esposto a problematiche differenti e peculiari: spesso le Amministrazioni stesse non conoscono a fondo i problemi della propria zona in tempo reale. Tuttavia, i cittadini, possono dare un contributo importante nell’inviare, sulla piattaforma, informazioni, ad esempio, sullo stato dell’argine confinante con la propria casa o della strada che percorrono ogni giorno per andare e tornare dal posto di lavoro.

 

La messa in sicurezza anche di una piccola metratura di argine ad esempio può, in situazioni di piena, evitare l’allagamento di un intero quartiere, andando fortemente ad incidere sul costo di ripristino a seguito di un evento calamitoso. Il diffondersi di una cultura della prevenzione gioverà tutte le parti in causa: prima di tutto i cittadini, che diventeranno sentinelle attive del proprio territorio e contribuiranno alla protezione dello stesso, alle piccole e medie imprese (sono 79.530 quelle a rischio in italia secondo l’ISPRA), alle istituzioni che, facendo davvero prevenzione, spenderanno 5 volte meno in sede di ricostruzione post evento (Sole24Ore, 2017). Si tratta di un sistema win-win per tutti gli attori coinvolti.

 

Il progetto ha vinto due importanti riconoscimenti, il premio Youth in Action for SDGs di Fondazione Italiana Accenture, e il premio University Startup Competition di JA Italia, è arrivato finalista nella competizione di StartCup Lombardia, vincendo il premio “Tavolo Giovani” di Camera di Commercio di Milano e ha vinto il bando SIAVS della Regione Lombardia. BRETmaps è inoltre inserita nella top100 delle migliori startup italiane di StartupItalia.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova

|

Buone riunioni: possono fare la differenza!

|

Una comunità nella Natura che ha preso vita durante la pandemia

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6