3 Set 2019

Ambiente e animali: le richieste al governo Conte bis

Scritto da: ENPA

L'Enpa chiede che gli importanti intenti annunciati dal Presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, in tema di tutela dell'ambiente e degli animali vengano declinati nel concreto e che vengano perseguiti alcuni obiettivi minimi che non richiedono spesa ma un chiaro e fermo indirizzo politico.

“Dal Presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, ci aspettiamo molto sulle materie dell’ambiente e degli animali. Nella dichiarazione fatta da Conte l’altro giorno al Quirinale, il premier prefigura un Paese che sia in grado di primeggiare a livello internazionale nella tutela dell’ambiente, della protezione della biodiversità e dei mari, e certamente anche della tutela degli animali. Ma questi importanti intenti devono essere ora concretamente declinati e inseriti dettagliatamente nel programma di governo”. Lo dichiara l’Enpa, Ente Nazionale Protezione Animali.

enpaNella declinazione concreta del concetto espresso da Conte al Quirinale sull’ambiente e sulla biodiversità, non bisogna dimenticare i seguenti obiettivi minimi:

 

1) un piano straordinario – magari anche con la creazione di una “cabina di regia” – per applicare concretamente in tutta Italia (e non a macchia di leopardo) le previsioni della legge sul randagismo per una maggiore tutela degli animali da affezione;

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

2) garantire in maniera omogenea le prestazioni della sanità veterinaria pubblica e contemporaneamente incentivare la veterinaria privata e la prevenzione veterinaria anche tramite la riduzione dell’iva sui farmaci veterinari e sulle spese veterinarie per gli animali da affezione.

3) netto no a ogni forma di sperimentazione sugli animali;
4) legge quadro sulla tutela della biodiversità e sul consumo del suolo;
5) adeguato finanziamento per la rivalutazione e il corretto funzionamento dei parchi naturali nazionali e regionali, ampliando la superficie protetta e comprendendo i siti Rete Natura 2000; urgente approvazione del “Piano lupo” senza abbattimenti;
6) in materia di caccia, escludere dall’elenco delle specie cacciabili quelle in declino e imporre un limite di età dei cacciatori per questioni di sicurezza pubblica; netto no alle preaperture della stagione venatoria e all’utilizzo di richiami vivi;
7) promuovere politiche per la riduzione degli allevamenti intensivi, in favore del biologico, della sostenibilità e del benessere animale; incentivare la dieta vegetariana e vegana;
8) vietare gli allevamenti di animali da pelliccia e adottare una legge per un circo senza animali;
9) adottare politiche concrete per la riduzione delle emissioni di CO2;
10) inserire le tematiche ambientali e di tutela degli animali nei programmi scolastici di educazione civica.

 

Va considerato, sottolinea l’ENPA, che molti di questi punti non richiedono una spesa, ma necessitano solo un chiaro e fermo indirizzo politico; una volontà, insomma, affinché davvero l’Italia sia un Paese migliore anche sui temi dell’ambiente, della biodiversità e della tutela degli animali.

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5