3 Set 2019

Ambiente e animali: le richieste al governo Conte bis

Scritto da: ENPA

L'Enpa chiede che gli importanti intenti annunciati dal Presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, in tema di tutela dell'ambiente e degli animali vengano declinati nel concreto e che vengano perseguiti alcuni obiettivi minimi che non richiedono spesa ma un chiaro e fermo indirizzo politico.

“Dal Presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, ci aspettiamo molto sulle materie dell’ambiente e degli animali. Nella dichiarazione fatta da Conte l’altro giorno al Quirinale, il premier prefigura un Paese che sia in grado di primeggiare a livello internazionale nella tutela dell’ambiente, della protezione della biodiversità e dei mari, e certamente anche della tutela degli animali. Ma questi importanti intenti devono essere ora concretamente declinati e inseriti dettagliatamente nel programma di governo”. Lo dichiara l’Enpa, Ente Nazionale Protezione Animali.

enpaNella declinazione concreta del concetto espresso da Conte al Quirinale sull’ambiente e sulla biodiversità, non bisogna dimenticare i seguenti obiettivi minimi:

 

1) un piano straordinario – magari anche con la creazione di una “cabina di regia” – per applicare concretamente in tutta Italia (e non a macchia di leopardo) le previsioni della legge sul randagismo per una maggiore tutela degli animali da affezione;

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

2) garantire in maniera omogenea le prestazioni della sanità veterinaria pubblica e contemporaneamente incentivare la veterinaria privata e la prevenzione veterinaria anche tramite la riduzione dell’iva sui farmaci veterinari e sulle spese veterinarie per gli animali da affezione.

3) netto no a ogni forma di sperimentazione sugli animali;
4) legge quadro sulla tutela della biodiversità e sul consumo del suolo;
5) adeguato finanziamento per la rivalutazione e il corretto funzionamento dei parchi naturali nazionali e regionali, ampliando la superficie protetta e comprendendo i siti Rete Natura 2000; urgente approvazione del “Piano lupo” senza abbattimenti;
6) in materia di caccia, escludere dall’elenco delle specie cacciabili quelle in declino e imporre un limite di età dei cacciatori per questioni di sicurezza pubblica; netto no alle preaperture della stagione venatoria e all’utilizzo di richiami vivi;
7) promuovere politiche per la riduzione degli allevamenti intensivi, in favore del biologico, della sostenibilità e del benessere animale; incentivare la dieta vegetariana e vegana;
8) vietare gli allevamenti di animali da pelliccia e adottare una legge per un circo senza animali;
9) adottare politiche concrete per la riduzione delle emissioni di CO2;
10) inserire le tematiche ambientali e di tutela degli animali nei programmi scolastici di educazione civica.

 

Va considerato, sottolinea l’ENPA, che molti di questi punti non richiedono una spesa, ma necessitano solo un chiaro e fermo indirizzo politico; una volontà, insomma, affinché davvero l’Italia sia un Paese migliore anche sui temi dell’ambiente, della biodiversità e della tutela degli animali.

 

 

Articoli simili
Genitori, in vacanza educate i vostri bambini a rispettare gli animali marini!
Genitori, in vacanza educate i vostri bambini a rispettare gli animali marini!

A passo d’asino per scoprire i sentieri dell’Etna in modo lento ed ecologico
A passo d’asino per scoprire i sentieri dell’Etna in modo lento ed ecologico

La seta cruelty-free che non uccide i bachi. Monica ci racconta la peace silk
La seta cruelty-free che non uccide i bachi. Monica ci racconta la peace silk

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi