Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
3 Set 2019

Ambiente e animali: le richieste al governo Conte bis

Scritto da: ENPA

L'Enpa chiede che gli importanti intenti annunciati dal Presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, in tema di tutela dell'ambiente e degli animali vengano declinati nel concreto e che vengano perseguiti alcuni obiettivi minimi che non richiedono spesa ma un chiaro e fermo indirizzo politico.

“Dal Presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, ci aspettiamo molto sulle materie dell’ambiente e degli animali. Nella dichiarazione fatta da Conte l’altro giorno al Quirinale, il premier prefigura un Paese che sia in grado di primeggiare a livello internazionale nella tutela dell’ambiente, della protezione della biodiversità e dei mari, e certamente anche della tutela degli animali. Ma questi importanti intenti devono essere ora concretamente declinati e inseriti dettagliatamente nel programma di governo”. Lo dichiara l’Enpa, Ente Nazionale Protezione Animali.

enpaNella declinazione concreta del concetto espresso da Conte al Quirinale sull’ambiente e sulla biodiversità, non bisogna dimenticare i seguenti obiettivi minimi:

 

1) un piano straordinario – magari anche con la creazione di una “cabina di regia” – per applicare concretamente in tutta Italia (e non a macchia di leopardo) le previsioni della legge sul randagismo per una maggiore tutela degli animali da affezione;

2) garantire in maniera omogenea le prestazioni della sanità veterinaria pubblica e contemporaneamente incentivare la veterinaria privata e la prevenzione veterinaria anche tramite la riduzione dell’iva sui farmaci veterinari e sulle spese veterinarie per gli animali da affezione.

3) netto no a ogni forma di sperimentazione sugli animali;
4) legge quadro sulla tutela della biodiversità e sul consumo del suolo;
5) adeguato finanziamento per la rivalutazione e il corretto funzionamento dei parchi naturali nazionali e regionali, ampliando la superficie protetta e comprendendo i siti Rete Natura 2000; urgente approvazione del “Piano lupo” senza abbattimenti;
6) in materia di caccia, escludere dall’elenco delle specie cacciabili quelle in declino e imporre un limite di età dei cacciatori per questioni di sicurezza pubblica; netto no alle preaperture della stagione venatoria e all’utilizzo di richiami vivi;
7) promuovere politiche per la riduzione degli allevamenti intensivi, in favore del biologico, della sostenibilità e del benessere animale; incentivare la dieta vegetariana e vegana;
8) vietare gli allevamenti di animali da pelliccia e adottare una legge per un circo senza animali;
9) adottare politiche concrete per la riduzione delle emissioni di CO2;
10) inserire le tematiche ambientali e di tutela degli animali nei programmi scolastici di educazione civica.

 

Va considerato, sottolinea l’ENPA, che molti di questi punti non richiedono una spesa, ma necessitano solo un chiaro e fermo indirizzo politico; una volontà, insomma, affinché davvero l’Italia sia un Paese migliore anche sui temi dell’ambiente, della biodiversità e della tutela degli animali.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La truffa della neutralità climatica – Io Non Mi Rassegno #322

|

La produzione di energia – Io rifaccio casa così #4

|

Donne in cammino: nasce il Festival delle Ragazze in Gamba

|

Cannistrà, il piccolo borgo trasformato in bene comune dai cittadini

|

TuttiConnessi, la raccolta solidale che rigenera e dona PC agli studenti

|

Un garante del verde per difendere gli alberi delle città italiane

|

Imprenditori Sovversivi: l’errore più grande è lavorare troppo – Io faccio così #321

|

Antichi Sentieri Liguri: “Puliamo i sentieri per riscoprire il territorio”