27 Apr 2020

Il messaggio degli eremiti italiani all’umanità in isolamento e alle generazioni future

Che spunti di riflessione o insegnamenti può offrire alle persone oggi costrette al “distanziamento sociale” chi ha fatto della solitudine una scelta di vita? Nasce da qui l'idea di un libro che riunisca le storie e le lettere degli eremiti italiani all'umanità. Alessandro Seidita e Joshua Wahlen, i due registi del documentario “Voci da Silenzio”, ci presentano il loro nuovo progetto.

Udine - Era il 2016 quando Alessandro Seidita e Joshua Wahlen partivano per un viaggio lento tra le vie solitarie e insolite del nostro Paese sulle tracce degli eremiti italiani, per scoprire l’origine della loro scelta ed il significato dell’isolamento nell’esistenza di quelle persone. I due registi tornarono da quell’intensa esperienza ispirati da nuove riflessioni sulle nostre vite e arricchiti da quelle preziose testimonianze che hanno dato vita al documentario “Voci dal Silenzio”, premiato e apprezzato dal pubblico e dalla critica in Italia e all’estero.

A distanza di quasi quattro anni da quel viaggio che Italia che Cambia ha raccontato e in un momento in cui metà dell’umanità si trova in isolamento a causa del coronavirus e delle misure restrittive che sono state adottate per contrastarlo, Alessandro Seidita e Joshua Wahlen hanno deciso di raccogliere in un libro le storie degli eremiti e le loro lettere all’umanità.

Libro Voci dal Silenzio

Com’è nata l’idea di questo vostro nuovo progetto e di cosa si tratta?
Considerando i tempi che stiamo attraversando, in cui ci ritroviamo a vivere nostro malgrado quasi come eremiti, impediti all’interno delle nostre mura domestiche, abbiamo pensato che le parole di chi vive quotidianamente silenzio e solitudine potessero essere uno stimolo in più per provare a trasformare questo presente in una preziosa occasione. Nasce così l’idea del libro Voci dal Silenzio, pretesto per tornare ad incontrare gli eremiti che il pubblico ha conosciuto ed apprezzato grazie al documentario.

È un libro che ci porta a ragionare sulla qualità della nostra relazione con la realtà circostante, sia come individui che come comunità. Al suo interno stiamo immaginando molteplici registri narrativi: racconto intimistico, cammino di formazione, canto alla vita, diario di viaggio fisico e spirituale, e perché no, anche un manuale di sopravvivenza per noi e per le generazioni future.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Come stanno vivendo gli eremiti questo momento?
A differenza di quello che è successo a tutti noi, che da un giorno all’altro ci siamo ritrovati a dover trasformare le nostre abitudini, immaginiamo che per gli eremiti non ci sia stata una sostanziale differenza tra prima e dopo. Il loro rapporto con il silenzio e la solitudine probabilmente è rimasto invariato. Quello che tuttavia si è trasformato è il mondo intorno a loro e, di conseguenza, il loro sguardo si è fatto più raccolto, preoccupato.

Ognuno di loro ha risposto a questa chiamata in maniera differente. C’è chi ha momentaneamente lasciato l’eremo, indossando gli abiti da medico della vita passata, per andare in prima linea all’interno dei reparti di terapie intensive. Chi invece ha preferito garantire, con la propria presenza all’interno del luogo, quell’indispensabile sostegno spirituale per tutti coloro che ne hanno bisogno. E poi ci sono ancora quei piccoli gesti, quelli invisibili, che l’eremita rivolge all’altro attraverso un pensiero, una preghiera. Spetta a noi, forse, riuscire a vedere nella realtà la concretezza di queste altre loro piccole azioni.

Ale e gianni 3
Alessandro Seidita intervista Gianni, l’eremita che ha trascorso quasi la vita intera in un piccolo Eden a ridosso della costiera amalfitana

Che differenza c’è tra la vita eremitica delle persone che avete conosciuto e l’isolamento che stiamo vivendo oggi?
Dipende da come ognuno di noi vive questo tempo. Come momento di solitudine o di isolamento? La differenza tra queste due definizioni è enorme. Sono le facce opposte e speculari dello stare da soli, l’ombra e la luce. Molte persone stanno trovando difficoltà ad interagire con il vuoto e l’assenza che sono apparse dall’improvvisa interruzione del proprio ritmo quotidiano. Il contatto con questo silenzio può spaventare. Se rispondiamo con una chiusura, ci ritroveremo improvvisamente ad essere degli isolati, incapaci di comunicare all’altro i nostri bisogni e accogliere quello che arriva dall’esterno. Se invece avremo la capacità di aprirci, potremmo ritornare a scoprire quelle stanze dimenticate dentro ognuno di noi, le parole non dette, la nostra nostalgia di infinito.

Dal vostro viaggio, e dagli incontri con gli eremiti, avete tratto strumenti utili per affrontare questo momento? Avete degli spunti da condividere?
Questo viaggio ha avuto la capacità di metterci di fronte ad esperienze completamente nuove. La nostra prima reazione è stata, come spesso accade, quella di provare ad imbrigliare queste esperienze all’interno delle nostre rappresentazioni mentali. Ma in questa maniera lo stupore nei confronti di ciò che si apriva allo sguardo non riusciva ad emergere in tutta la sua forza e bellezza. Solo col tempo abbiamo compreso che bisognava avere il coraggio di sapersi abbandonare agli eventi senza opporre resistenza, evitando di riportare tutto all’interno delle nostre aree di comfort, sicure ma limitate. Oggi più che mai, questa fiducia nei confronti del diverso e dello sconosciuto può essere l’opportunità per guardare la vita da altri punti di vista e comprenderla più in profondità.

fra cristiano eremiti
“Per me è una grazia poter vivere nella natura, quindi vivere con le possibilità o impossibilità date dalla natura e vivere un ritmo delle stagioni che ha anche degli obblighi naturali”, Fra Cristiano

Come hanno reagito gli eremiti alla vostra richiesta di partecipare al libro?
Hanno mostrato un grande entusiasmo. La loro reazione ci ha trasmesso coraggio nell’abbandonarci al progetto e nel metterci pienamente in gioco. È emozionante il sostegno che abbiamo ricevuto da queste persone, la loro apertura e fiducia nei nostri confronti sembra essere a priori, come se fosse guidata da quell’apertura nei confronti del nuovo di cui parlavamo prima.

Quando uscirà il libro e come è possibile sostenere il progetto?
Il libro uscirà a settembre. L’invito è quello di visitare la pagina di Produzioni dal Basso e, se interessati, prenotare in anticipo una copia del libro: un piccolo gesto che contribuirà concretamente alla sua realizzazione. Per chi invece si fosse perso la visione del documentario, di cui Italia che Cambia è media partner, Voci dal Silenzio è disponibile sia in download su Distribuzioni dal Basso che in dvd su Terra Nuova.

Articoli simili
Rientrato, ripartito, frastornato (e la Ligura non è poi così male!)

Fare comunità oggi: autonomia ed autogoverno

Sai cosa mangi? Una guida per un Quotidiano sostenibile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita