3 Set 2020

Book Club Womanboss, un club di lettura al femminile per le donne che vogliono ripartire

Una nuova iniziativa di Alessia D'Epiro, fondatrice di Womanboss, finalizzata a combattere con la cultura il gender gap: un club di lettura al femminile, uno spazio in cui confrontarsi, sentirsi accolte, esplorare nuovi punti di vista. Il 7 settembre si terrà l'evento conclusivo di questo percorso, un incontro virtuale gratuito dal titolo “Reimmanginare la cura del sé”.

I numeri sono impietosi, ma sono frutto per prima cosa dell’ignoranza: le differenze di genere sono un problema culturale, dunque è proprio dalla cultura che bisogna ripartire per eliminarle. Quale migliore strumento del libro, fonte di cultura per antonomasia, per raggiungere questo scopo? È partita da questo assunto Alessia D’Epiro – fondatrice del progetto Womanboss, di cui abbiamo già parlato in passato – per lanciare l’iniziativa Book Club Womanboss, un gruppo di lettura gratuito e dedicato interamente alle donne.

foto alessia book
Alessia D’Epiro, fondatrice del progetto Womanboss

«Abbiamo pensato a tutte coloro che, in particolar modo durante questo difficile periodo di lockdown, hanno sentito la necessità di guardare alla propria vita da un’altra prospettiva e di avere del tempo importante per leggere, formarsi e guardare verso il futuro con maggiore fiducia e competenza», spiega Alessia.

Già, il lockdown. Come in tantissimi altri ambiti, questa prova a cui è stato sottoposto tutto il mondo ha evidenziato i cortocircuiti già in atto, alle volte esacerbandone gli effetti. I mesi del coronavirus e del post lock-down hanno avuto un impatto importante sulla vita delle donne, alle prese con la didattica a distanza dei figli, la cura degli anziani e la paura di perdere il lavoro.

L’ambito professionale è uno di quelli che ha accusato di più il contraccolpo. In Italia le donne lavoratrici sono meno rispetto a molti Paesi europei e sono le prime a dover rinunciare al posto di lavoro in caso di necessità familiari – ad esempio nel caso in cui le scuole dovessero chiudere di nuovo –, oltre a essere penalizzate dal punto di vista salariale.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

«Il 2020 ci sta mettendo a dura prova, esigendo molto dal punto di vista emotivo – continua Alessia – stressando non poco le nostre capacità di adattamento. La storia, però ci insegna che dopo una salita c’è sempre una discesa e la speranza deve, in questo periodo, continuare a guidarci. I prossimi mesi, saranno la creatività e l’inventiva a darci lo spunto per tornare a volare».

Webinar 7 settembre

Ed è proprio in questa ottica che, il prossimo 7 settembre alle ore 18.00, si terrà l’incontro conclusivo del Book Club. Un momento di condivisione e crescita in cui, attraverso un webinar gratuito, Alessia fornirà una vera e propria sessione di coaching collettivo.

Per partecipare basta iscriversi qui.

Si prenderà spunto dalla lettura condivisa del libro “A tutto c’è una soluzione” di Marie Forleo – una tra le più importanti Life Coach e Motivational speaker a livello internazionale – per affrontare temi quali: l’importanza di concentrarsi sull’eccellere piuttosto che sullo sforzarsi ad essere perfette; quanto la procrastinazione abbia a che fare con le emozioni piuttosto che con il tempo a disposizione e come diventare “agenti” nella nostra vita disegnando proprio le azioni che portano alla realizzazione di un progetto.

Dalla profonda convinzione che nessun talento debba essere lasciato indietro, cuore del progetto Womanboss, è nata la partnership con Dress for Success Rome, Organizzazione Internazionale Non-Profit che offre alle donne la possibilità di raggiungere l’indipendenza economica attraverso una rete di supporto e strumenti di sviluppo professionale.

Le copie del libro (offerte da Roi Edizioni) sono state, così, donate a tutte quelle donne che hanno intrapreso il percorso professionalizzante con l’Associazione e sono arrivate alla sua conclusione. Le stesse parteciperanno, insieme a tutte le altre iscritte, al webinar conclusivo del Book Club per avere a disposizione ulteriori strumenti per affrontare al meglio la propria crescita professionale e personale.

Articoli simili
Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita
Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

Chiara Grasso: “Il dolore che ho attraversato mi ha spinto ad aiutare le coppie che affrontano gravidanze arcobaleno”
Chiara Grasso: “Il dolore che ho attraversato mi ha spinto ad aiutare le coppie che affrontano gravidanze arcobaleno”

PorTO Sicuro: a Torino nasce il primo centro contro le discriminazioni LGBTQIA+
PorTO Sicuro: a Torino nasce il primo centro contro le discriminazioni LGBTQIA+

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La teoria dell’evoluzione va ripensata? – #556

|

“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano

|

Dal Veneto alla val di Vara: la storia di Maria e del suo richiamo della vita contadina

|

Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana

|

Lo spreco d’acqua e la dispersione delle reti idriche: abbiamo un problema

|

Al lavoro con la natura: racconto di un convegno itinerante fra arte, cultura e ambiente

|

Campo e sincronicità: come creare la propria vita con consapevolezza imparando a cogliere certi segnali

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua