14 Ott 2020

Famiglia affianca famiglia: un progetto di supporto reciproco nelle difficoltà

Scritto da: Giorgia

Una famiglia che affianca un'altra che si trova in un momento di difficoltà, con l'aiuto di un tutor che facilita l'avvicinamento dei due nuclei familiari e li aiuta a definire un progetto di supporto ma anche di scambio reciproco. È quanto prevede un'iniziativa di sostegno alternativo avviata da qualche anno nella provincia di Piacenza.

Piacenza - Quanto può essere difficile fare il genitore? Quante dinamiche ruotano intorno ad una famiglia? Quanto possiamo sentirci accolti nella difficoltà? Penso che queste domande siano il nucleo centrale del progetto Famiglia affianca Famiglia, un percorso di sostegno alternativo all’affido tradizionale o ad altre forme di aiuto da parte dei Servizi Sociali. Si tratta di un progetto che ha preso piede nel 2014, attraverso un bando del Centro Servizi per il Volontariato di Piacenza sulla dispersione minorile e la sinergia di associazioni che si occupano di bambini e di famiglie.

famiglia affianca famiglia

Tra queste associazioni vi è Dalla Parte dei Bambini, la quale gestisce pratiche di affido ed adozione. Abbiamo parlato con la Vicepresidente dell’Associazione, che è anche la responsabile del progetto Famiglia Aiuta Famiglia, Gaetana Marca.

Gaetana sceglie di dirigersi in questo campo per un credo personale; lei per prima ha accolto in casa sua una bimba per tre anni e mezzo e lo ha fatto perché crede fortemente nell’aiuto, nel volontariato e nel volontariato svolto con la sua famiglia. Gaetana è mamma di tre figli i quali, durante il periodo dell’affido, si sono uniti molto alla bambina, tanto che ad oggi dopo più di dieci anni il figlio più piccolo ha ancora contatti con la sorella acquisita.

Vivendo tutto ciò e venendo a contatto personalmente con queste realtà, sono sorte in lei alcune domande: come prevenire l’allontanamento dei bambini dalla propria famiglia? Come supportare una famiglia che, per svariati motivi (nazionalità, solitudine, disabilità) si può ritrovare in difficoltà?

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Per Gaetana è questa la risposta: affiancandole un’altra famiglia, costruendo un progetto che coinvolga tutti i membri dei due nuclei attivamente, ognuno con i propri ruoli, ognuno rispettando l’altro e rimanendo ancorati al principio del non giudizio. Ad oggi sono stati avviati una decina di affiancamenti, sebbene Gaetana ammetta che ancora è difficile far decollare questa metodologia di aiuto.

affiancamento familiare

Al momento sono attivi tre affiancamenti: uno a Piacenza, uno a Cadeo e uno a Caorso. L’associazione organizza corsi per le famiglie affiancanti e fornisce supporto psicologico.

Come si legge sul sito del progetto, l’affiancamento familiare è “un’azione preventiva che evita problemi più gravi. Rappresenta uno strumento utile ad evitare il più possibile l’allontanamento dei bambini dalla propria famiglia, sostenendo i genitori in difficoltà e fornendo risposte concrete alle esigenze educative e di crescita dei bambini. È un percorso di sostegno alternativo all’affido tradizionale o ad altre forme di aiuto da parte dei Servizi Sociali”.

Chi può proporsi come famiglia affiancante? Qualunque famiglia può proporsi come famiglia affiancante, purché:

  • sia disponibile ad essere rispettosa degli altri e non dare giudizi di valore in base alla propria cultura o esperienza;
  • sia una famiglia aperta alle relazioni sociali, propositive e serene
    saper essere autentici;
  • disponga di un po’ di tempo per garantire continuità al progetto di sostegno;
  • abbia voglia di arricchirsi con un’esperienza unica.

Credo che sia molto bello poter chiedere aiuto e ancora più bello poter salvare il nucleo centrale della Vita, la famiglia, i legami e soprattutto rimanere Umani, vivere con comprensione ed apertura, oggi più che mai.

Articoli simili
La Fabbrichetta: una  vecchia fabbrica rigenerata diventa un centro per i più fragili
La Fabbrichetta: una vecchia fabbrica rigenerata diventa un centro per i più fragili

Kenya, la denuncia dei Sengwer: i finanziamenti occidentali alla conservazione porteranno a un “genocidio”
Kenya, la denuncia dei Sengwer: i finanziamenti occidentali alla conservazione porteranno a un “genocidio”

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13
Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi