26 Feb 2021

Piero Manzotti: “Questa crisi sia un’opportunità per trasformare l’economia”

Il modello imprenditoriale attuale ha tanti problemi e questo difficile periodo è il momento migliore per affrontarli e risolverli. Ne è convinto Piero Manzotti di TEA Natura, che non ha solo rivoluzionato il mondo della produzione di detergenti naturali, ma ha sperimentato un modo di fare impresa visionario, improntato sull'etica, sulla responsabilità e sulla condivisione.

Marche - «TEA è una piccola azienda, non ci siamo svenduti, i valori sono stati sempre centrali e ogni nostra decisione, ogni pezzetto di strada, lo facciamo credendo che sia possibile provare a fare qualcosa di nuovo». Sono forse questi i deliri di un imprenditore innamorato di un utopia, sganciato dalla realtà? No, e la storia di TEA Natura lo dimostra.

Attiva da quasi otto anni, è stata protagonista di una lenta ma costante crescita – all’inizio erano in tre, oggi sono in nove – e ha dimostrato di reggere tranquillamente l’urto degli esperimenti di economia etica tentati, spesso con successo, dal suo fondatore Piero Manzotti, che avevamo intervistato all’inizio della sua avventura e abbiamo pensato di risentire oggi, proprio per capire se un modello d’impresa come quello che ha in mente lui può durare nel tempo.

piero manzotti 2

Piero è un’avanguardia su molti fronti, come per esempio quello del packaging. All’inizio si era affidato alle bioplastiche e alle plastiche riciclate – « ma in effetti queste scelte erano parziali», ammette –, oggi sta combattendo con la burocrazia cittadina per diffondere il format dei negozi di prodotti alla spina e, parallelamente, lavorando su soluzioni fantasiose per eliminare i contenitori, come per esempio il detersivo per i piatti in forma di saponetta e non liquido.

«Noi cerchiamo di educare le persone a fare quel salto di qualità comodo ma vero», spiega Piero avvicinandosi al tema della responsabilità d’impresa, intesa come ruolo che l’azienda ha nel generare cultura, ricchezza e benessere sul territorio. «Io ho questa idea di imprenditorialità: noi non dobbiamo diminuire il nostro impatto solo a livello ecologico con packaging, detersivi e consumi. Noi dobbiamo diminuirlo a 360 gradi! Più siamo leggeri con chi conosciamo e meglio è. Non dobbiamo impattare a livello di energia, non solo con gli scarti. La mia strategia è coinvolgere chi lavora con me, fare in modo che mie idee vadano avanti».

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Parliamo anche di greenwashing – e visto che TEA Natura si occupa di detergenti, l’argomento può essere visto da diverse prospettive! «Ho sempre detto che il mio compito sarebbe terminato quando le multinazionali dei detersivi avessero deciso di fare una scelta di campo verso l’ecologia vera. Questa cosa non succede. Ci sono quelli che hanno la linea ecologica, ma non apprezzo chi tiene il piede in due staffe. TEA l’ha sempre avuto su una staffa sola e sicuramente non ci è mai venduta al profitto», rivendica Piero.

La discussione prosegue incessante, Piero è un fiume in piena, incontenibile tanto nelle parole quanto nei fatti. Si parla di gruppi d’acquisto solidale, di food coop, di biologico e di tanto altro – vi invito a guardare il video integrale della puntata che trovate qui sopra. La chiusura è affidata al una lettura della situazione attuale e da ultimo il nostro Paolo Cignini gli chiede qual è lo stato di salute dell’economia solidale italiana: «Non so dare una risposta – conclude Pierro –, ma dovremo affrontare una fase nuova. Bisogna uscire all’aria aperta, presentarci, fare cultura come si può fare al mercato, che è una spinta all’apertura di nuove aziende sul territorio».

Articoli simili
No Tav: il 21 febbraio una manifestazione popolare a Torino

EartHour: spegni la luce e accendi il cervello regalando un'ora alla Terra

Il Piemonte brucia e con esso la nostra indifferenza
Il Piemonte brucia e con esso la nostra indifferenza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”