30 Mar 2021

Arte Migrante: davanti all’espressione artistica siamo tutti uguali

Scritto da: Maria Desiderio

Abbattere le barriere, favorire il non giudizio e la libertà d'espressione, eliminare la distinzione fra pubblico e performer, portare l'arte nelle strade. Sono questi alcuni degli obiettivi di Arte Migrante, rete internazionale il cui gruppo padovano sta dando un contributo interessante alla riqualificazione del difficile Quartiere Stazione, oggetto del bando La Città delle Idee 2020-2021, di cui Italia Che Cambia racconta i protagonisti.

Padova - Praticare l’inclusione attraverso l’arte. È questa l’idea diffusa dalla rete Arte Migrante, nata nel 2012 a Bologna dall’iniziativa di un giovane studente di antropologia Tommaso Carturan e diffusasi poi in molte altre città d’Italia e non solo: ad oggi conta trentaquattro gruppi sparsi per il mondo.

Nel 2017 si è formato il nucleo padovano, che ha deciso di non formalizzarsi in associazione ritenendo l’informalità il modello più aderente alla sua conformazione e natura. «Tra le caratteristiche che ci contraddistinguono – spiega Stephan, membro di Arte Migrante Padova – c’è la nostra composizione: siamo infatti per la maggior parte studenti, quindi per conformazione tendiamo ad andare e venire, c’è sempre un grande ricambio di persone. Ma ci appartiene anche la prerogativa di di essere itineranti e questo ci ha permesso di fare esperienza concreta del tessuto urbano con estrema libertà».

La principale attività di Arte Migrante è quella di proporre eventi culturali aperti a tutte e tutti. Il gruppo lo fa con una modalità particolare che ne determina anche il potenziale emotivo. Le iniziative si dividono infatti in due momenti: il primo è quello conviviale, in cui ognuno porta qualcosa da mangiare e da condividere con gli altri; in questo modo si rompe il ghiaccio e ci si accoglie a vicenda attraverso il mangiare insieme.

A questo segue una seconda fase, che è anche il fulcro dell’azione, ovvero il cerchio di condivisione in cui si è liberi – se lo si desidera – di condividere una qualsiasi forma espressiva, verbale e non verbale, partendo dal presupposto che lo scopo del cerchio è proprio quella di garantire una libertà d’espressione totale. Nessuno viene giudicato, ma solo ascoltato e viene meno la dicotomia attore-spettatore perché tutti partecipano con le modalità che preferiscono alla costruzione di un’esperienza artistica viva che si muove e respira tra le strade della città.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

arte migrante

Chi prende parte a queste iniziative sono spesso studenti, migranti, richiedenti asilo, e persone senza dimora. «Conosciamo abbastanza bene il quartiere Stazione – prosegue Stephan –, abbiamo organizzato un incontro durante l’estate del 2019 che è stato molto bello e partecipato, l’impatto è stato forte. Ci siamo messi proprio accanto alla stazione, dove c’è un maggiore passaggio di persone ed è stato anche strano perché all’inizio non tutti capivano cosa stesse accadendo, molti si avvicinavano ma non entravano nel cerchio, avevano paura di mettersi in gioco o forse avevano il timore di cambiare idea rispetto a certi stereotipi sui senza dimora e sui migranti che purtroppo a Padova sono abbastanza pervasivi».

L’arte ha già di per sé un forte potenziale comunicativo e usarla come strumento di liberazione e conoscenza può aprire infinite porte. Coinvolgere in questo processo chi vive in condizioni di marginalità estrema può capovolgere una narrazione decostruendo dal basso razzismi e pregiudizi. L’intero quartiere Stazione da questo punto di vista è un enorme scena a cielo aperto tutta da esplorare e da costruire.

Articoli simili
“Io vorrei restare a casa”. Come aiutare le persone senza fissa dimora?
“Io vorrei restare a casa”. Come aiutare le persone senza fissa dimora?

Pacefuturo, quando l’accoglienza origina welfare generativo

Ad Asti arriva “Babel Festival” dove si incontrano linguaggi, culture e visioni comuni

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Antonello Sannino e il mondo LGBTQIA+ nel Sud Italia. Una storia piena di sorprese – Amore Che Cambia #19

|

A Ventimiglia il viaggio dei migranti in attesa di nuova accoglienza

|

La Casa del Giocattolo Solidale: riuso e condivisione per fare felici i bambini

|

Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili

|

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna