21 Giu 2021

Natura anima e poesia

Arte e creatività, flussi attraverso cui possiamo esprimere il divino che c'è in noi. Questo mese gli amici e le amiche di Spiritualità del Creato ci propongono una poesia firmata da Elisa Ricci, per uscire dalla prosa e passare al lato dionisiaco, lasciandoci cullare dalla fascinazione dell'estro poetico.

La via creativa utilizza l’arte come espressione della nostra divinità. Nei corsi della Spiritualità del Creato io l’ho sperimentata come mezzo di meditazione, introspezione e cura. E sono stata così tanto incoraggiata a praticarla che è diventata un’abitudine nella mia vita ascoltare la poesia che nasce dall’incontro della mia anima col resto del mondo. Buona lettura.

Elisa

Trafigge come una spada
Mi attraversa
Puntando dritto verso il cielo
E nel profumo svanisco

Attendo sospesa
Che la perfezione della mia rotondità
Diventi troppo pesante da sostenere
Che il vento si alzi e mi trasporti
Che un cardellino mi dondoli
Verso terra
o mi beva
Attendo di specchiare
arrotondare su di me
Ogni linea dell’orizzonte

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Porto la tua impronta
Sulla schiena del tempo
Memoria
Corpo di sabbia e vuoto
Che mi copre

natura anima e poesia 1

Passi di risacca dietro di me
Mi volto
non posso vederti
Spirito del mare
Che porti vita ai miei piedi
Sradicati

Sapevo che l’accoglienza più dolce
Sarebbe stata la tua
Salmastra e profonda
Placida come la burrasca passata
Non mi rattrista
Corro a chele spiegate
A nutrirmi del tramonto roseo
di una medusa
Tra mille piccoli gusci
Che ti hanno amato prima di me

natura anima e poesia 2

Guarda
elefanti che camminano
in cielo, si trasformano in buffi gnomi
e castelli soffici di panna
e si radunano
per gettare sulla terra
Cordoni ombelicali
di fresca pioggia
Sono parte della piccola creatura
che gravita nel grembo dell’universo
tra miliardi di sorelle
Cellula che sfreccia
in un solco di terra
a cercare la tenerezza di un abbraccio
E ritorna vuota
Come i corpi delle nuvole
come i cuori degli uomini
come le cisterne nel deserto
Il vuoto che aspetta
lo scoccare della vita.

Articoli simili
Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina
Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina

Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso
Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso

Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!
Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza