1 Feb 2022

Coltivatori di Emozioni: un valido aiuto per gli agricoltori

Scritto da: Davide Artusi

Il primo progetto di social farming italiano, Coltivatori di Emozioni, sostiene e rilancia le piccole realtà agricole nostrane. Per fare questo si avvale di una piattaforma di agricoltura sociale in divenire che promuove la sostenibilità ambientale, la salvaguardia delle tradizioni e la tutela dei paesaggi.

Coltivatori di Emozioni è la prima piattaforma italiana di social farming. Attivata nel 2018 grazie a un gruppo di appassionati di natura, tradizioni e cultura gastronomica, il progetto vuole creare una rete di agricoltori e sostenitori delle tradizioni contadine per salvaguardare i territori rurali a rischio di abbandono, incentivare il recupero di borghi antichi e difendere il patrimonio storico delle colture tradizionali.

Attraverso un piccolo gesto di solidarietà, che si concretizza sia con l’acquisto del prodotto che con un semplice contributo, grandi e piccoli enti o privati possono entrare nella community di Coltivatori di Emozioni. Inoltre, la piattaforma rappresenta uno strumento straordinario a disposizione delle aziende che puntano a realizzare un bilancio di sostenibilità e a diventare delle società benefit oppure delle B-corp.

Coltivatori di emozioni 1

Presente in oltre 18 regioni italiane e con 47 agricoltori sostenuti fino a oggi, Coltivatori di Emozioni promuove anche la responsabilità sociale, l’innovazione e la salvaguardia ambientale. «I privati, le imprese, le associazioni e gli enti locali – racconta Biagio Amantìa, Co-founder di Coltivatori di Emozioni – possono supportare i piccoli produttori selezionati, contribuendo a recuperare quelle eccellenze di qualità agroalimentare di cui l’Italia è piena».

«Gli agricoltori possono venire contattati direttamente da Coltivatori di Emozioni – continua Biagio – oppure sono loro a scoprirci, attraverso social o altre realtà con cui noi collaboriamo o tramite passaparola». Molti e vari sono i prodotti che caratterizzano questa rete di coltivatori: si passa dalle nocciole tonde gentili trilobate del Monferrato, alla caciotta vaccina del Biferno, dal guanciale di maiale brado di Amatrice al cardo selvatico leccese.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Coltivatori di emozioni 3

«Grazie a una presenza sempre più capillare sul territorio italiano – sostiene Paolo Galloso, CEO e Founder di Coltivatori di Emozioni – la piattaforma è anche uno strumento a sostegno dell’occupazione per coloro che decidono di tornare alla terra e restituire nuova vita all’Italia dei piccoli borghi storici». Lasciarsi coinvolgere dalle tante storie della rete è semplice perché tutte raccontano di tradizione, passione e profonda dedizione per la propria cultura. La patata dolce di Vittorio, il fagiolo La Regina di Viviana, la pecora quadricorna di Roberto, i biscotti Giglietti di Laura ed Erminia, sono solo alcuni esempi di questi racconti.

Sostenere un agricoltore è molto facile, basta accedere al sito di Coltivatori di Emozioni e scegliere quale realtà e quale tradizione agricola aiutare a distanza, selezionando uno fra i pacchetti presenti. Una volta deciso il progetto da sostenere, si riceve in cambio il certificato di sostegno e degli aggiornamenti mensili sull’andamento del progetto. Inoltre, in base al pacchetto di adesione, si possono ottenere in aggiunta un cofanetto assaggio con i prodotti dell’agricoltore oppure una box di degustazione.

La piattaforma è uno strumento a sostegno dell’occupazione per coloro che decidono di tornare alla terra

Tutti i prodotti provengono da filiere naturali, sono garantiti e hanno caratteristiche certificate dal disciplinare di qualità di Coltivatori di Emozioni e dai test degli chef-ambassador, partner della piattaforma. Inoltre, alla fine del 2020, si è instaurata a una collaborazione con l’associazione I Borghi più belli d’Italia per promuovere la valorizzazione dei borghi storici appartenenti al circuito, anche attraverso la riscoperta dei suoi prodotti agricoli più tipici.

Grazie alla nuova sinergia con il tour operator di riferimento dell’Associazione, Borghi Italia Tour Network (BITN), a partire da quest’anno i sostenitori di Coltivatori di Emozioni avranno anche la possibilità di vivere o di regalare un’esperienza nel borgo supportato, per scoprire con i propri occhi le bellezze e le antiche tradizioni custodite nel nostro Paese: un esclusivo pacchetto in cui, oltre alle confezioni di prodotti tipici del borgo scelto, sarà presente anche un voucher da poter usare in diversi periodo dell’anno, valido per una o più persone.

Coltivatori di emozioni 4

«Siamo felici di rinnovare, per il secondo anno consecutivo, la collaborazione con I Borghi più belli d’Italia – dichiara Paolo Galloso –, una partnership che consente alla nostra community di conoscere nuovi contesti storici del territorio italiano e una varietà inesauribile di tradizioni della cultura agroalimentare, che va ad arricchire l’offerta già presente».

Quella di Coltivatori di Emozioni è una realtà piena di nuove idee, in costante divenire e portata avanti da collaboratori che credono fermamente nel progetto, con la missione di recuperare le tradizioni contadine e le eccellenze alimentari della nostra Penisola, salvaguardando quei piccoli mondi, fatti di agricoltori e allevatori, che necessitano di un supporto.

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Monete complementari, un'opportunità per l'economia reale

Cambiare fa paura? Come prototipare il cambiamento, senza stress
Cambiare fa paura? Come prototipare il cambiamento, senza stress

Al via la sesta edizione di Image, incontri sul Management della Green Economy

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare