31 Mar 2022

Genova-Cuneo a bordo di un’Ape: un papà e il suo bambino stanno per partire e cercano ospitalità

Scritto da: Valentina D'Amora

Un padre e il suo piccolo co-pilota, curva dopo curva, cercano di riappropriarsi della libertà a bordo di un’Ape dell'88. Partiranno da Genova il 4 aprile e si faranno guidare dalla curiosità e dal destino. Un viaggio fatto di improvvisazione e fatalità: chi vuole ospitarli?

Salva nei preferiti

Genova - Oggi vi raccontiamo del viaggio che stanno per intraprendere un bambino e suo padre a bordo di un’Ape Piaggio del 1988 – su cui ho avuto l’onore di fare un giro – lungo stradine secondarie, alla scoperta di tutto quello che questo cammino lento e su tre ruote offrirà.

Incuriosita da un suo post condiviso su Facebook da diversi miei contatti, “APEnsarci lo farei”, scrivo a Dario per farmi raccontare il suo progetto. Chiacchieriamo al telefono e dopo qualche minuto capisco subito che dietro al loro viaggio in ape c’è un mondo da raccontare. Ci accordiamo per l’appuntamento e quando esco dal portone li vedo lì, dentro una colorata “Ape con gli occhi”, ad aspettarmi: sono Diego e suo figlio Alberto, emozionato per la prima intervista della sua vita.

Mentre parliamo e il vento che ci arriva dai deflettori ci rinfresca dalla prima calura primaverile, è subito chiara la prerogativa che questa famiglia ha assegnato al proprio quotidiano: loro non hanno fretta e non hanno orari da rispettare. O meglio, non li hanno più.

Diego ha lavorato per diciassette anni come educatore in una comunità diurna per minori. Sino al 25 ottobre, da quando ha scoperto di far parte della categoria dei sanitari. Si è sospeso e da novembre non percepisce stipendio: «Dopo una vita da formica, ora faccio un po’ la cicala», sorride. Di reinventarsi non se ne parla, perché ama il suo lavoro e non lo vuole cambiare. Così ora si dedica all’homeschooling per i suoi figli e a vivere senza sveglia.

diego alberto ape
Diego e Alberto
IL VIAGGIO

Quello che si accingono a intraprendere è un percorso in evoluzione, un’intensa esperienza di “roadschool” che vuole essere uno stimolo per trovare strade diverse per apprendere nella quotidianità. E dare vita a un libro che sarà un racconto di viaggio scritto a quattro mani. «Le stesse esperienze, le stesse giornate possono essere raccontate da un bambino che sta crescendo e da un ragazzo cresciuto, cogliendo dettagli diversi e descrivendo emozioni differenti».

Quello che sarà il “battesimo della sella” per Alberto sarà un itinerario guidato dal destino, affrontando tutti gli imprevisti che potranno accadere. «Non abbiamo nessun percorso già definito in testa: per prima cosa andremo a Cuneo, dopodiché abbiamo due settimane di tempo per tornare a Genova».

LE TAPPE

Da Genova raggiungeranno Cuneo per l’EuroApe, il raduno di Api che si terrà dall’8 al 10 aprile. «A Entracque visiteremo il centro Uomini e Lupi e il filatoio di Caraglio, ma faremo anche “vita da raduno”. Con la differenza che, proprio quando gli altri torneranno a casa, noi ripartiremo e staremo in viaggio sino a Pasqua».

Vogliamo fare esperienze che possano arricchire entrambi, per guardare con occhi nuovi quello si vede tutti i giorni

Il loro desiderio è quello di toccare con mano realtà lavorative, entrare in aziende agricole e «fare esperienze che possano arricchire entrambi, per guardare con occhi nuovi quello si vede tutti i giorni». Sognano, per esempio, di far visita ad apicoltori, produttori di formaggio, agricoltori. Il tutto improvvisando, facendosi guidare dal caso e dalle proposte di ospitalità.

«Qualunque famiglia o azienda agricola vorrà accoglierci per un caffè, una chiacchierata, un piatto di riso, un giaciglio per la notte sarà ricompensata con la nostra riconoscenza, menzionata nel nostro libro-racconto e diventerà parte indelebile di questo nostro sogno che sta diventando realtà». Il loro vagabondare su tre ruote prevede anche la proposta di un lavoro alla pari: «Naturalmente siamo pronti a dormire in sacco a pelo, anche per terra, e disponibili a dare una mano in cambio dell’ospitalità».

ape
L’Ape di Dario
L’AMORE PER LE API

«Tutto è incominciato 2017, al raduno organizzato dal Vespa Club di Genova a Rossiglione, in cui ci siamo “infiltrati” con la nostra Ape», racconta Diego. «Io e Alberto, che all’epoca aveva 4 anni, abbiamo dormito in tenda e lì ha vissuto la sua prima esperienza di motoraduno». E proprio in quell’occasione Diego fece una promessa a suo figlio: «Quando sarai più grande, faremo un giro un po’ più lungo a bordo della nostra Ape». E Alberto non se n’è mai dimenticato.

Così, dopo due anni di interruzioni, hanno entrambi deciso di cogliere l’occasione di questo raduno speciale organizzato dall’Ape Club d’Italia. «Il caso ha voluto che si tenesse a Cuneo, che è a una distanza giusta da fare in Ape, così abbiamo deciso di partecipare».

Cosa li attende? Noi auguriamo a entrambi un viaggio ricco, di incontri, di conoscenze e di piacevoli imprevisti. D’altronde, proprio Diego mi ricorda che “La vita non è perfetta, le vite nei film sono perfette, belle o brutte, ma perfette. Nei film non ci sono tempi morti, la vita è piena di tempi morti, nei film sai sempre come va a finire, nella vita non lo sai mai!” (Radiofreccia).

Per contattare Diego: cassolini@alice.it; 3477874937.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer
Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

Turismo delle radici in Calabria. Speriamo non diventi l’ennesimo parco giochi
Turismo delle radici in Calabria. Speriamo non diventi l’ennesimo parco giochi

Garden sharing: alle radici del fenomeno che può rivoluzionare il turismo in Italia
Garden sharing: alle radici del fenomeno che può rivoluzionare il turismo in Italia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Protesta di Oristano, processo su Teulada, carcere e morti sul lavoro – INMR Sardegna #39

|

Forest School Pianfei: un “asilo nel bosco” aperto al mondo

|

Caccia alle foche: l’UE pensa di riaprirla per le pressioni delle lobby

|

Salvaguardare i boschi: l’importante missione della VAB Campania nella lotta agli incendi

|

Salvatore Borsellino: “Non serve ricordare la strage di via D’Amelio solo una volta all’anno”

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

string(7) "liguria"